ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Derby di marca rossoverde: Carpisa Yamamay Acquachiara - Posillipo 5-13

Gianluigi Foglio 
(nella foto di Manuel Schembri)

Il derby delle retrovie. Soltanto tre anni fa rivaleggiavano per il primato continentale, proiettando in Europa sogni e ambizioni. Poi la «discesa agli inferi» o «la caduta degli dei» (se preferite), tra ridimensionamenti di natura economica e smembramenti tecnici. Paraventarsi dietro i giovani e trincerarsi alle spalle di formule vuote, con dirottamento (annunciato) di risorse verso nuove strategie, a ben poco serve. Napoli si riscopre capitale in declino della pallanuoto. Si gioca, non a caso, nell’impianto periferico di Santa Maria Capua Vetere, dove il Posillipo mantiene fede al pronostico della vigilia e batte la Carpisa Yamamay Acquachiara 13-5. Preziosa quanto dal valore inestimabile la terza vittoria stagionale dei rossoverdi soprattutto in chiave prospettica. Si rilanciano in classifica e agganciano a 12 lunghezze i rivali del Catania, superati dai cugini giallorossi in Sicilia, prossimi avversari sabato 20 gennaio alla Scandone in una sfida verità, determinante per la salvezza. Conducono saldamente la stracittadina i posillipini, che si portano sul tennistico 6-0. Inviolata la porta di Tommaso Negri fino al 19’, quando Barberisi, ottima la sua performance all’Epifania contro i canottierini, sblocca il digiuno della Carpisa. Non muta il copione nella seconda parte del match con gli atleti di Mergellina sempre a bersaglio. Poker di reti per gli incontenibili Marziali e Foglio. «Tre punti pesanti. Fondamentale per noi essere tornati al successo, nonostante le difficoltà incontrate con la Lazio. Abbiamo fatto valere le nostre qualità: accresciuta la fiducia nelle nostre capacità. Intendiamo lottare tenacemente per conquistare la salvezza ed evitare i play out» dichiara il roccioso difensore (nelle foto di Manuel Schembri) in calottina numero 4, nel giro del Settebello, autore di gol pesanti in questo inizio di 2018. Registra una prova senza cali di concentrazione il tecnico Roberto Brancaccio. «Dominio netto e partita importante senza sofferenze. Muoviamo positivamente la classifica». Si riconferma nuovamente uomo derby Andrea Lamoglia. Dopo la brillante prestazione a Fuorigrotta il portiere biancazzurro stupisce tutti, parando tre rigori (su quattro), ipnotizzando nel primo tempo Mattiello e Saccoia, nel terzo periodo sbarrando la strada a Plumpton. «Componente di fortuna associata a puro intuito. Amara consolazione questa bella prestazione personale. E’ emersa la diversa esperienza del Posillipo. Faticoso ripetere la stessa gara condotta contro la Canottieri» si giustifica con estrema umiltà  il capitano Lamoglia. Ciardi, De Gregorio e Tozzi strappano gli applausi dei presenti. Spazio, infine, a Sudomlyak tra i pali e debutto per il difensore posillipino classe '99 Antonio Picca. La waterpolo all’ombra del Vesuvio continua ad emozionare.   


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli
Video

Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli

  • Lazio, Lotito: “Investiamo sulla storia. Siamo un esempio”

    Lazio, Lotito: “Investiamo sulla...

  • Il compleanno di Sarri: gli auguri dei tifosi

    Il compleanno di Sarri: gli auguri dei tifosi

  • Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto

    Zarate torna a giocare in Argentina, accolto...

  • Carlos Tevez torna al Boca Juniors

    Carlos Tevez torna al Boca Juniors

  • Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un torneo con il Borussia Dortmund

    Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un...

  • Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

    Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

  • Napoli-Verona, la polizia sventa agguato ultras

    Napoli-Verona, la polizia sventa agguato...

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT