ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

La napoletana Fusco
bronzo ai Mondiali in Cile

Gianni Maddaloni e Giovanna Fusco

"Tutto posso in colui che mi dà la forza”. Colpisce davvero la frase scelta sul suo profilo whatsapp. Versetto 13, capitolo 4, Lettera di San Paolo apostolo ai Filippesi. Fede e ragione, testa e cuore, grinta e sudore per Giovanna Fusco procedono di pari passo. Disarma l’interlocutore, carica dal profondo l’atleta, chiamata a superare le sue avversarie sul tatami e le prove della vita. In un anno e mezzo ha bruciato le tappe, inanellato record, fornito performance magistrali, sfornato prestazioni muscolari, abbattuto ostacoli. Caparbietà e determinazione fino all’ostinazione. Convinzione la parola chiave. Oro ai Campionati assoluti italiani a Riccione, argento ai Campionati d’Europa a Kaunas, infine bronzo ai Mondiali di Santiago del Cile. 17 anni distribuiti su 57 chili per la judoka della Star Judo Club.

Canta Napoli, ancora una volta, esulta l’Italia. Aspettative della vigilia ben riposte e ripagate a dovere. “Vado là per vincere. Me l’ha ripetuto con insistenza per venti giorni” ammette il padre Alessandro, scudettato con la Benetton e protagonista con l’Italrugby. “In famiglia di mondiali ne abbiamo disputati diversi: io da atleta con la maglia azzurra, mio figlio Emilio con la Nazionale italiana under 20 e questo è il primo per Giovanna” chiarisce il rampollo d’arte, discendente di Elio, eccezionale mediano di mischia, due volte campione d’Italia con la Partenope Rugby nel 1964-65 e 1965-66. “Da padre e da tifoso emozione grandissima: sembrava mi scoppiasse il cuore. Sulle gradinate insieme a mia moglie Maria e al maestro Gianni Maddaloni, che impartiva consigli tecnici a Giò. Decisamente meglio quando gareggiavo: combatti e non pensi a niente. Da fuori è stata dura. Sprigionava convinzione, mi ispirava fiducia, mi rassicurava che sarebbe arrivata in fondo: è riuscita nel suo intento”. Riserva complimenti a dismisura nei confronti della famiglia Maddaloni e si congratula di cuore con la fresca medagliata. “Sono contento, molto felice, perché vivo unicamente di sport. Sono veramente onorato di quanto realizzato da mia figlia. Un grazie sentito alla Star Judo Club da tutta la famiglia Fusco”.

Scampia c’è sempre con i suoi migliori talenti, ormai apprezzati ovunque. La periferia di Napoli diviene centro del mondo. Solo in apparenza ‘O Maè non si scompone. “Il cuore fuoriusciva dal petto. Gli argentini tifavano per noi: stretta una fratellanza sudamericana. Abbiamo gridato insieme. Incitavo Giovanna a non arrendersi. Dobbiamo portarla a casa. Vinta una battaglia di nervi e resistenza” scarica così l’adrenalina accumulata Gianni Maddaloni, straconvinto prima della partenza dell’esito favorevole della competizione.

“E’ stata una bella gara tirata. Continuo ad andare avanti, pensando a fare sempre meglio”. Low profile e mentalità vincente per Giovanna Fusco, sostenuta dalla compagna Martina Esposito durante ogni fase del match, dimostrando unità, altruismo e sincera amicizia. Al tappeto finisce la canadese Krapman. Secondo incontro contro la giapponese Nakaya incredibile. Vittoria in tasca ma gli attacchi non vengono attribuiti alla napoletana. Sfuma immeritatamente la finale per il gradino più alto: incidono le decisioni arbitrali. “Furto con scasso” si direbbe all’ombra del Vesuvio. Giovanna non cede, si rialza, catalizza la sua rabbia e polverizza la croata Lara Cvjetko, campionessa d’Europa incontrata a giugno. Rivincita e riscatto. Segue il capolavoro contro la brasiliana Thayane Lemos (strangolamento).

Ennesima dimostrazione che il lavoro d’equipe con i tecnici Mimmo D’Angelo, Vincenzo Santoro, Lino Esposito, sotto l’egida di Pino Maddaloni, oro alle Olimpiadi di Sydney nel 2000, funziona, premia, paga: risultati frutto di tenacia e passione. Ore e ore di allenamento. Senza distrazioni, senza alibi.
Gli incoraggiamenti di Gianni Maddaloni sono serviti. “Prevale la sua voce anche a distanza, inconfondibili le sue urla udite via web”. Nel segno del judo partenopeo, nel segno della forza, incapsulata ed erogata al momento opportuno. Oro, argento, bronzo in tre significative rassegne. Congratulazioni Giovanna. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 13 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 00:37

Napoli-Nizza, al San Paolo torna l'urlo Champions
Video

Napoli-Nizza, al San Paolo torna l'urlo Champions

  • Napoli-Nizza, la conferenza stampa di Sarri e Insigne

    Napoli-Nizza, la conferenza stampa di Sarri...

  • Lewis Hamilton lancia la sfida a Valentino Rossi

    Lewis Hamilton lancia la sfida a Valentino...

  • Oro e duecento pietre preziose: il costume da favola per Federica

    Oro e duecento pietre preziose: il costume...

  • Italia, Ventura: «Vogliamo essere la sorpresa del Mondiale»

    Italia, Ventura: «Vogliamo essere la...

  • Scoppia un palloncino, scherzo «da infarto» a Bobo Vieri

    Scoppia un palloncino, scherzo «da...

  • Napoli-Nizza, emozione da Champions

    Napoli-Nizza, emozione da Champions

  • Napoli-Nizza, il messaggio ai napoletani di Balotelli

    Napoli-Nizza, il messaggio ai napoletani di...

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT