ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Juve, Agnelli si difende all'Antimafia:
«Mai incontrato Dominello da solo»

Agnelli si difende all'Antimafia:
«Mai incontrato Dominello da solo»

«Non ho mai incontrato Rocco Dominello da solo»: lo ha detto Andrea Agnelli in Commissione Antimafia, aggiungendo di ricordare 3-4 incontri. Una volta in una cena ad Asti con centinaia di tifosi, una volta nei miei uffici con tutti i tifosi, un'altra volta è venuto con Germani in sede per gli auguri natalizi, una volta presso i miei uffici in Lamse con Alessandro D'Angelo in una delle occasioni in cui ho incontrato tutti i tifosi. Mai subito minacce dagli ultras». E ancora. «Siamo sicuri che la legge Pisanu, che permette la vendita ad una singola persona di 4 biglietti al massimo, risponda all'esigenza sociale del pubblico e che per spostarsi deve organizzarsi in gruppi?». Lo ha affermato il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, nel corso dell'audizione in commissione Antimafia. «Certo se si procedesse ad una deroga o ad una modifica della normativa - ha spiegato Agnelli - essa dovrebbe comunque prevenire le truffe o l'accaparramento a fini speculativi dei tagliandi, ma è comunque una riflessione che va fatta. Che questa mia prima riflessione non suoni come un alibi rispetto al procedimento attualmente in corso presso la Figc nei confronti della Juventus. Se ci sono state irregolarità, esse dovranno essere sanzionate in modo adeguato e definendo con precisione le singole responsabilità, auspicabilmente in un processo giusto ed equilibrato tra accusa e difesa. Non ci siamo costituiti parte civile perché c'è stato pubblicamente detto che non c'erano i presupposti per farlo. La responsabilità iniziale che ci ha portato a questa situazione è sicuramente lo stadio troppo piccolo. Siamo stati colti dalla sorpresa di gestire uno stadio sold out tutte le domeniche. Organizzare il tifo in maniera socio-demografica
corretta ha dato la possibilità di inserirsi a persone con l'interesse a lucrare. I biglietti li ha venduti la Uefa e ora si trovano a prezzi assurdi, fino a 5mila euro. È possibile che laddove un'organizzazione con finalità criminali voglia individuare la possibilità di guadagni, eventi come la finale di Champions siano di grande interesse. Da
questo punto di vista -ha concluso- lo Juventus Stadium è motivo d'orgoglio da una parte e un problema dall'altra». «Esiste il bagarinaggio? Certamente sì e deve essere contrastato, anche se la cessione di un bene mobile, quale è il biglietto di una partita da una persona ad un'altra non penso possa essere criminalizzato. Leggendo certi titoli, mia figlia grande si è spaventata». «Discorso diverso - ha aggiunto il numero uno bianconero in un passaggio del suo discorso - è il fare incetta di tagliandi a fini puramente speculativi: questo fenomeno va combattuto e sul digitale sta invece dilagando grazie all'uso dei cosiddetti bot, software che permettono in pochi secondi di concludere un alto numero di transazioni».


BINDI
«È emerso fin qui un quadro che presenta seri elementi di preoccupazione sotto molti punti di vista e non sono da sottovalutare, come hanno dimostrato i recenti fatti di cronaca». Lo ha detto la presidente della Commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, all'apertura dell'audizione del presidente della Juventus, Andrea Agnelli. «A noi interessa capire la lettura che Agnelli dà dei fatti che si sono verificati e di quella realtà. Ci interessa capire se la società si è interrogata sul perché è successo questo, di chi sono le responsabilità e quali sono i rimedi. Vogliamo capire che parte intende giocare nella federazione perché non si verifichi più quello che si è verificato nel circuito della società e anche in altre realtà», ha concluso Bindi.

PARLANDO DI CALCIO
«Voglio farle i complimenti per la conquista della Coppa Italia e voglio fare anche gli auguri alla sua squadra per la prossima finale di Champions League». Così la presidente della commissione antimafia Rosy Bindi si è rivolta al presidente della Juventus, Andrea Agnelli, all'apertura dell'audizione sull'inchiesta relativa alla presunta concessione della gestione di biglietti e abbonamenti dello Stadium ad alcuni tifosi legati alla 'ndrangheta. Le parole della Bindi sono state accompagnate da un timido applauso degli altri componenti della commissione.

«La ringrazio per i complimenti, che trasferisco non solo al mister e ai giocatori, ma anche a tutte le donne e gli uomini che lavorano per la nostra società, una realtà che ha raggiunto i 700 tesserati». Lo ha detto il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, iniziando il suo intervento in Commissione Antimafia e ringraziando la presidente della Commissione, Rosi Bindi, per i complimenti ricevuti dopo la vittoria della Coppa Italia. Un successo che è frutto di un «percorso che dal 2010 a oggi ci ha reso estremamente orgogliosi per i risultati raggiunti fuori e dentro il campo», ha aggiunto il numero uno bianconero.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Italia fuori dai mondiali, i tifosi: «Non abbiamo più giocatori all’altezza»
Video

Italia fuori dai mondiali, i tifosi: «Non abbiamo più giocatori all’altezza»

  • Italia fuori dal Mondiale, Ventura: «Chiedo scusa agli italiani»

    Italia fuori dal Mondiale, Ventura:...

  • Milik si allena in piscina: Pronto per le Olimpiadi

    Milik si allena in piscina: Pronto per le...

  • Napoli, Mertens bacia l’ex compagno di squadra Chalobah

    Napoli, Mertens bacia l’ex compagno di...

  • Chievo-Napoli, il commento dei tifosi

    Chievo-Napoli, il commento dei tifosi

  • Chievo-Napoli 0-0, il commento di Roberto Ventre

    Chievo-Napoli 0-0, il commento di Roberto...

  • Tifosi del Napoli al Nord pranzano con quelli del Chievo

    Tifosi del Napoli al Nord pranzano con...

  • Juve-Benevento, chi scommette per i sanniti vincenti?

    Juve-Benevento, chi scommette per i sanniti...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT