ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Higuain non risponde a Milik, il suo stacco finisce sulla traversa

Higuain non risponde a Milik, il suo stacco finisce sulla traversa

La partita di Higuain, al debutto con la Juve in Champions, in pratica è iniziata al decimo minuto. Quando gli è capitata la prima occasione contro il Siviglia, una delle poche all'interno di uno scialbo 0-0 finale: difesa un po' così degli spagnoli, l'argentino prende palla e stranamente non tira, dà la palla al suo compare Dybala. Che spreca. Un minuto dopo stessa scena più o meno a parti invertite: Higuain si aspetta come minimo che il connazionale ricambi, invece niente. Chance per Kedira che non conclude. Per la prima volta si vede Gonzalo lamentarsi in maglia bianconera, una scena abituale invece quando indossava l'azzurro.

È iniziata così la partita tra bianconeri e andalusi, con i padroni di casa ad aggredire dalle primissime battute cercando di sfruttare le pecche di una difesa avversaria troppo alta. Ma si sa che le formazioni di Sampaoli sono queste, arrembanti e spregiudicate, a discapito di una fase difensiva per niente impeccabile. Il Siviglia ha impiegato mezz'ora per uscire dal guscio, intensificando la rete di passaggi e provando a non lasciare del tutto il possesso palla nelle mani degli juventini. Marcature ovviamente concentrate sul duo argentino, non a caso le occasioni migliori sono state dirottate sul destro di Kedira. Il tedesco non ha finalizzato azioni che abitualmente concretizza meglio.

Il primo tempo è scivolato via caratterizzato dallo sterile dominio dei calciatori in maglia bianconera, un paio di affondi dalle parti di Sergio Rico ma niente di più. Unico acuto di Higuain una sponda di petto per Dybala lanciato a rete, stoppato però dall'uscita del numero uno del Siviglia. Sulla sponda opposta, Buffon praticamente inoperoso: per lui 45' di puro relax, trascorsi a sbrigare l'ordinaria amministrazione. Al tirar delle somme, prima frazione di gioco al limite dell'inguardabile: lo spettacolo, quell'idea di football che accomuna Sarri e Sacchi, non abita dalle parti dello Stadium. Poca Juventus, pochissimo Higuain. Inspiegabile, a parte le opinabili ragioni del turnover, la scelta di Allegri di tenere fuori Pjanic dall'undici titolare, a vantaggio di un centrocampo più fisico però meno fluido a livello di manovra.

L'intensità fa pendere la bilancia dalla parte della Juventus. Il secondo tempo è quasi un monologo, la formazione di Allegri tiene gli avversari lontano da Buffon, avanza il baricentro di centrocampo e imposta tra le linee, dove Dybala si fa vedere spesso a caccia del pallone da smistare a Higuain. La prima occasione della ripresa è la più ghiotta per l'ex centravanti del Napoli: stacco di testa perentorio, alla Milik tanto per restare in tema. Traversa piena, niente da fare. È da stimolo per gli avversari. Alleluja, si vede finalmente il Siviglia. Correa fa il fenomeno sul suo lato destro, mette a sedere Chiellini e sfiora l'incrocio, questione di pochissimo. Passa il tempo, il risultato non si sblocca, si sbraccia Gonzalo questa volta contro l'arbitro. Vorrebbe il rigore per un abbraccio in piena area di Nico Pareja, niente di scandaloso.

Allora dentro Pjanic. Palla d'oro per Higuain, errore clamoroso a un metro dalla porta. Un paratone di Rico su Alex Sandro inchioda lo zero a zero finale. Non proprio quello che si aspettavano in casa Juventus. Milik ha chiamato, Higuain questa volta non ha risposto. Mentre Morata regala al 95' il successo in rimonta al Real Madrid sullo Sporting Lisbona (2-1). Nell'altra partita del girone Juve, il Lione ha battuto 3-0 la Dinamo Zagabria, ha segnato anche Tolisso, oggetto del desiderio per molte setimane del Napoli. Vince al debutto anche Ranieri con il suo Leicester (3-0 in casa del Bruges).


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lo show neomelodico di lady Giaccherini
Video

Lo show neomelodico di lady Giaccherini

  • Stadio Napoli, de Magistris replica a De Laurentiis

    Stadio Napoli, de Magistris replica a De...

  • Milan, Gattuso difende Donnarumma dopo la contestazione ultrà

    Milan, Gattuso difende Donnarumma dopo la...

  • Napoli, show alla cena di Natale

    Napoli, show alla cena di Natale

  • La cena di Natale del Napoli sulle note di Last Christmas

    La cena di Natale del Napoli sulle note di...

  • L'arrivo di Hamsik alla cena di Natale del Napoli

    L'arrivo di Hamsik alla cena di Natale...

  • Universiadi a Napoli, il punto dell'assessore Borriello

    Universiadi a Napoli, il punto...

  • Scudetto o Europa League? Le voci dei tifosi del Napoli

    Scudetto o Europa League? Le voci dei tifosi...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
Giuseppe Longobardi
2016-09-15 13:36:16
La corazzata bianconera senza l'aiuto degli arbitri diventa un peschereccio. Speravano ,come al solito , di vincere la partita con un rigore inesistente per una spintarella seguita dal tuffo olimpionico dell'attaccante juventino. Certo in Italia la ns classe arbitrale di rigori alla vecchia per quell'episodio inesistente ne avrebbe dati anche due, ma l'arbitro tedesco Deniz Aytekin onesto(finalmente) ha agito nel migliore dei modi e giustamente ha lasciato correre. Tutti i media parlano della traversa del Pipetto.E il palo di Mertens nella gloriosa trasferta degli azzurri che fine ha fatto?. il problema del ns campionato negli ultimi anni ,secondo me falsato dalle decisioni arbitrali, è proprio la classe arbitrale . Da un lato quasi tutti(ci sono ovviamente le eccezioni, leggi Orsato ottimo sempre quasi) favorevoli alla vcchia , dall'altro quasi tutti sfavorevoli al Napoli e fra questi in testa il solito Rocchi di Firenze che già ci ha derubato di due punti. Il mio riferimento continuo a rocchi non è sclerotico ma vuole non dimenticare i torti che hanno influenza sulla classifica e sulle distanxze dalla vecchia e sono un'ingiustizia sportiva. Sarà opportuno che nicchi analizzi questa incresciosa situazione e pensi a fare piuttosto che a riempire con le sue parole il vuoto del nulla.Saluti Vitaliano

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT