ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Italia-Spagna, duello infinito:
è già spareggio Mondiale

Italia-Spagna, duello infinito:
è già spareggio Mondiale

TORINO. Lo scontro diretto, scherzo del calendario più che del destino, arriva prestissimo. L'Italia, alla prima tappa casalinga nel percorso verso Russia 2018, ospita subito la Spagna che è la favorita del gruppo G. La partenza, insomma, è da brividi per Ventura, solo due partite da ct della Nazionale, l'amichevole persa contro la Francia a Bari e la partita delle qualificaziooni mondiali vinta in Israele. Ma la stessa considerazione la può fare anche Lopeteguei, pure lui appena due match sulla panchina delle Furie Rosse dopo l'addio di Del Bosque. È solo lo spareggio d'andata e, essendo solo il secondo appuntamento per entrambe le nazionali, non ancora decisivo. Ma indicherà la strada che porta al mondiale. L'Italia, dunque, deve almeno provarci, per non essere poi costretta, l'anno prossimo, al ribaltone fuori casa. Di sicuro non si dovrà voltare indietro, al 27 giugno scorso, quando l'amico Conte eliminò i campioni d'Europa in carica nel quarto di Saint Denis. Perché la Spagna di oggi non ha niente a che vedere con quella battuta cento giorni fa, finita nella trappola del 3-5-2 azzurro. La nazionale di Del Bosque sbarcò esausta in Franca, provata dagli impegni dei suoi giocatori nelle coppe. Lopetegui, in poche settimane, l'ha rivitalizzata, consegnandola chiavi in mano al mago Iniesta, eletto leader del nuovo corso. Attorno a lui, libero di scegliersi la posizione, ha però chiesto agli altri di diminuire i passaggi laterali e di forzare le verticalizzazioni. Il sistema di gioco resta il solito, con il 4-3-3 che, lasciando Busquets davanti alla difesa, si trasforma in corsa nel 4-1-4-1. Diversa, insomma, è la traccia, con il lavoro fatto per reparti, a cominciare dalle palle inattive, da sfruttare con i blocchi che liberano, in area avversaria, i difensori centrali Ramos e Pique.

Ventura sa che cosa aspetta l'Italia allo Stadium. Ecco perché, in partenza, si affida a Florenzi e non a Candreva. Lopetegui, con Vitolo, cerca l'uno contro uno sulla fascia sinistra. Meglio il romanista, quindi, più abituato a difendere. Il debutto di Romagnoli, chiamato a sostituire lo squalificato Chiellini, è il messaggio indiretto al reparto. In caso di necessità è possibile difendere con quattro uomini, allargando Barzagli a destra e abbassando De Sciglio a sinistra. Con De Rossi che, playmaker e schermo, è la terza novità rispetto alla gara di Haifa. Il ct azzurro ha spiegato, soprattutto ai difensori, di gestire il pallone senza frenesia. Vuole velocità nel cambio di faScia, non al momento di lanciare. Il pressing della Spagna è annunciato, con Diego Costa che va ad attaccare Bonucci e a spaventare il pischello Romagnoli. Se i ct confermeranno le formazioni provate fino alla vigilia, l'Italia sarà più simile a quella dell'Europeo: 9 titolari sono gli stessi utilizzati a Parigi da Conte, assenti solo Chiellini e Giaccherini. Lopetegui, invece, ne ripropone 7: fuori Juanfran, Fabregas, Morata e Nolito, ma gli ultimi due sono qui e vanno in panchina.

«La gioia è tornare a Torino, città che è stata uno spicchio della mia vita. E sono felice anche di venire qui, in questo stadio. Quando sono venuto ha sempre vinto la squadra di casa. Che stavolta è la mia». Ventura è allegro e usa lo Stadium per farsi forza. Ha avuto solo 2 giorni e mezzo per preparare il match: «Sono pochi, ma confido nelle qualità morali e tecniche dei miei giocatori. Stiamo meglio di un mese fa, i giocatori hanno almeno sette gare nelle gambe e non due. Ma non basta correre, bisogna farlo bene. Portando in campo le nostre conoscenze». Ventura è pronto a lanciare anche Romagnoli, classe 95. «Se dovesse giocare, sarebbe un piccolo passo verso il futuro. È un giovane di prospettiva e di qualità, avrà l'opportunità di dimostrarlo. E di iniziare un percorso per lui importante di dimostrarlo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Il Napoli è fuori dalla Champions, i tifosi: “Peccato, ma adesso bisogna concentrarsi sul campionato”
Video

Il Napoli è fuori dalla Champions, i tifosi: “Peccato, ma adesso bisogna concentrarsi sul campionato”

  • Feyenoord-Napoli, il prepartita dei tifosi

    Feyenoord-Napoli, il prepartita dei tifosi

  • Il Napoli presenta il calendario 2018 con Milik e Ghoulam

    Il Napoli presenta il calendario 2018 con...

  • Champions League, tocca a Juve e Roma

    Champions League, tocca a Juve e Roma

  • Leandrinho vuole dimostrare a Sarri che è pronto, i compagni gli fanno uno scherzo

    Leandrinho vuole dimostrare a Sarri che è...

  • Benevento, la profezia dei tifosi: «Vai Brignò». Ed è gol al Milan

    Benevento, la profezia dei tifosi:...

  • Serie A: l'Inter vola in testa, continua la crisi Milan

    Serie A: l'Inter vola in testa, continua...

  • Basket Napoli: le interviste

    Basket Napoli: le interviste

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT