ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Allegri indica la strada alla Juventus:
«Ci giochiamo la stagione in tre settimane»

Massimiliano Allegri

«Conta vincere», dice Allegri, facendo suo il noto claim bonipertiano. «Non si scappa, non abbiamo altre vie d'uscita». E ancora, senza mezzi termini: «Comincia una mini-stagione di venti giorni. Ora ci giochiamo tutto. E' il momento di raccogliere». Come per l'Inter del Triplete di sette anni fa, il primo trofeo a tiro della Juventus è quella Coppa Italia che, a differenza dello scudetto, non ammette rinvii. In 90' più recupero ed eventuali supplementari e rigori, stasera nella finale contro la Lazio in un Olimpico diviso a metà, la Signora cerca un inedito tris consecutivo nella coppa nazionale. 

Ma anche una reazione d'orgoglio dopo la prestazione sottotono offerta domenica, sullo stesso prato, contro la Roma. «Nell'arco di una stagione ci sta un calo di attenzione. Ora però servono soprattutto energie mentali».
Il tweet di Allegri («antenne dritte») ha fatto presa sullo spogliatoio, se lo stesso tecnico si sente di garantire che «la squadra offrirà sicuramente una prova più attenta e cattiva rispetto a domenica». Un'altra Juve, la solita dominatrice, è assolutamente possibile. A maggior ragione con tutti i titolari in campo, prefisso 3-4-2-1, tranne lo squalificato Pjanic (Rincon è in vantaggio su Lemina per rimpiazzarlo) e Buffon (largo ancora a Neto). «Ma domenica hanno fatto la differenza i dettagli, e non il troppo turnover - assicura Allegri -: rifarei assolutamente tutto».

Mandzukic e Dybala non sono al meglio, con i loro problemini a schiena e flessore. «Devo valutare entrambi, devo essere sicuro che non succeda niente». Ma la sensazione è che risponderanno entrambi presente. Nessun dubbio infine su Higuain, l'ammazza-Lazio (13 gol in 11 partite), chiamato a imitare quel Milito che timbrò il Triplete interista segnando in tutte le sfide decisive. «Io a Gonzalo chiedo soltanto di fare quello che ha fatto finora». Cosa? I gol ma pure tanto lavoro sporco».

Capitan Chiellini è invece chiamato a sintonizzare la BBC sulle frequenze laziali: «Non dovremo concedere spazi, loro sono molto compatti e bravissimi a giocare in verticale». Poi, quasi a ribadire la ragione sociale del club bianconero: «Pensare ora al Triplete sarebbe una follia. Ma siamo sereni, fermi e decisi. E' tempo di cominciare a vincere».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Mertens in infradito: questo è l'inverno a Napoli
Video

Mertens in infradito: questo è l'inverno a Napoli

  • Napoli-Shakhtar, il prepartita di Roberto Ventre da Castel Volturno

    Napoli-Shakhtar, il prepartita di Roberto...

  • Caniggia: i miei ricordi di Italia 90

    Caniggia: i miei ricordi di Italia 90

  • Nicchi: «Tavecchio si è dimesso»

    Nicchi: «Tavecchio si è...

  • Una canzone per Jorginho

    Una canzone per Jorginho

  • Napoli, niente riposo: Mertens prende in giro Tonelli

    Napoli, niente riposo: Mertens prende in...

  • "Napoli, con questa squadra non temiamo nessuno"

    "Napoli, con questa squadra non temiamo...

  • Napoli-Milan, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Milan, il commento di Roberto Ventre

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
cinos
2017-05-17 10:37:11
Spero che dopo il "biscotto " con la Roma la Juve perda entrambi le finali !!!!!!

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT