ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Juventus, Allegri punge Sarri:
«Crea soltanto confusione»

Juventus, Allegri punge Sarri:
«Crea soltanto confusione»

Due leoni dominanti si annusano e si odiano. C'è poco da fare. E prima o poi vanno allo scontro. Troppo simili, per sopportarsi, Allegri e Sarri. E non solo perché sono tutti e due toscani, anche se uno di Livorno e l'altro di Figline. Troppo rivali per non voler marcare ogni volta il territorio con la ferocia delle parole. «Una volta è il campo, una volta è la Champions, un'altra la settimana di riposo in meno: io non riesco a seguirlo a Maurizio. Secondo me la sua è una strategia per crearmi confusione...dico solo che allenarsi una volta alla settimana fa bene, ma è bello giocare ogni tre giorni». Massimiliano Allegri non allena solo la squadra più vincente degli ultimi anni in Italia. Ha bisogno qualche volta di travalicare e di entrare nel territorio dell'altro. D'altronde se c'è uno che può rompere il dominio di Max questo è proprio Maurizio. E allora la parte del nemico giurato calza a pennello. Con tanto di paroline cattive sussurrate all'orecchio.

«In questo momento il Napoli è davanti a noi, loro sono i favoriti per lo scudetto e noi dobbiamo essere bravi a inseguire e a stare lì, arrivare a marzo nelle migliori condizioni per giocarsi il rush finale. E stasera è un passaggio importante ma non definitivo». Eccolo Max Allegri presentare alla sua maniera l'epica sfida tra Napoli e Juventus, prima contro terza, capolista contro inseguitrice.
 


Non sono amici, Sarri e Allegri. E nessuno fa finta di esserlo. Anche perché nel mondo del calcio l'amicizia serve assai poco e quasi mai risulta indispensabile. Il primo ha collezionato ogni premio individuale possibile in Italia (dalla Panchina d'oro al premio Bearzot all'ultimo riconoscimento come miglior allenatore della serie A da parte dell'associazione Calciatori), il secondo ha vinto scudetti e sfiorato una Champions. Il cultore delle bellezza contro colui che insegue il pragmatismo dell'1-0 «perché tanto nel calcio conta solo la vittoria».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto
Video

Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto

  • Carlos Tevez torna al Boca Juniors

    Carlos Tevez torna al Boca Juniors

  • Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un torneo con il Borussia Dortmund

    Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un...

  • Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

    Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

  • Napoli-Verona, la polizia sventa agguato ultras

    Napoli-Verona, la polizia sventa agguato...

  • Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto...

  • Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

    Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

  • Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

    Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT