ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Roma, Alisson mura l'Atletico:
i giallorossi strappano un punto

Roma, Alisson mura l'Atletico:
i giallorossi strappano un punto

La Roma fa il suo e si prende il primo punto in questa edizione della Champions. Lo 0 a 0 contro l'Atletico, anche se sofferto, è di sostanza. Più di quanto si possa pensare, soprattutto vedendo la Sud applaudire a scena aperta, gridando forte il suo nome, il portiere Alisson, il migliore nella notte all'Olimpico. Il risultato vale perché, davanti ai giallorossi, si è presentato l'Atletico, capace di chiudere, nelle ultime quattro stagioni, sempre in testa la prima fase. E comunque più esperto a livello internazionale, come sa anche il presidente Pallotta, in tribuna all'Olimpico accanto a Totti. Nel primo tempo Di Francesco si è giocato alla pari il match con Simeone e ha visto la sua squadra, la stessa di Bergamo contro l'Atalanta e dell'unica vittoria stagionale, prendersi a lungo l'iniziativa. L'arbitro Mazic ha anche negato il rigore più evidente della serata ai giallorossi, fallo di mano di Vietto su cross di Perotti. Manolas superman, scivolata sulla linea per negare il vantaggio a Koke, e Alisson bravissimo su Griezmann, nella stessa azione.
 

 

NOVITA' IN CORSA
L'Atletico è stato più propositivo nella ripresa, anche per l'ingresso di Correa e Carrasco e per il calo dei giallorossi, simile a quello avuto dopo 70 minuti contro l'Inter lo scorso 26 agosto. Simeone ha provato a vincere la sfida, Di Francesco ha deciso di non perderla. Dal 4-3-3 (4-1-4-1 in fase di non possesso palla) è passato al 5-3-2 (3-5-2 quando Peres e Kolarov si sono alzati in linea con i centrocampisti), dopo le parate di Alisson su Vietto e Correa. Più presenze al centro, presidiando comunque la fasce. Altro che integralista. Quando la squadra è in difficoltà, l'allenatore sa che cosa fare. E come guidarla fuori dal guado. La mossa ha funzionato, anche se, sull'ultimo corner, Alisson ha fatto il miracolo sul colpo di testa di Saul che poi ha colpito il palo.
 

SENZA GOL
L'attacco della Roma fa ancora cilecca in Champions. L'ultima rete è quella di Dzeko contro il Barça, il 24 novembre del 2015 al Camp Nou, la notte dell'umiliante 6 a 1 firmato da Luis Enrique. Il centravanti ha avuto solo una chance davanti a Oblak e l'ha sprecata, ha preso pure qualche fischio quando nel finale è stato sostituito, in campo El Shaarawy. Ma ha lavorato nel pressing, si è sacrificato. Pensando più al gruppo che a se stesso. E permettendo alla Roma di non cadere proprio nella sera del debutto di Di Francesco in Champions. Il Chlesea già comanda il gruppo C, umiliato il Qarabag. Ma i giallorossi si piazzano in classifica accanto all'Atletico. E non è poco.

LEGGI LA CRONACA
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Napoli-Shakhtar, il prepartita di Roberto Ventre da Castel Volturno
Video

Napoli-Shakhtar, il prepartita di Roberto Ventre da Castel Volturno

  • Caniggia: i miei ricordi di Italia 90

    Caniggia: i miei ricordi di Italia 90

  • Nicchi: «Tavecchio si è dimesso»

    Nicchi: «Tavecchio si è...

  • Una canzone per Jorginho

    Una canzone per Jorginho

  • Napoli, niente riposo: Mertens prende in giro Tonelli

    Napoli, niente riposo: Mertens prende in...

  • "Napoli, con questa squadra non temiamo nessuno"

    "Napoli, con questa squadra non temiamo...

  • Napoli-Milan, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Milan, il commento di Roberto Ventre

  • Napoli-Milan, l'attesa dei tifosi

    Napoli-Milan, l'attesa dei tifosi

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT