ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Under 21, battuta la Russia a Frosinone. Di Biagio: «Io per il post Ventura? Irrispettoso parlarne oggi ma in futuro non si sa mai»

Under 21, battuta la Russia a Frosinone. Di Biagio: «Io per il post Ventura? Irrispettoso parlarne oggi ma in futuro non si sa mai»

Vittoria all’ultimo respiro per l’Italia Under 21 nell’amichevole contro la Russia. Al Benito Stirpe di Frosinone gli Azzurrini si impongono per 3-2. Decisivo il gol di Orsolini, arrivato al 94’, dopo che Cutrone all’83’ aveva sbagliato un rigore, facendosi ipnotizzare dal portiere Leshchuk. Sul tabellino dei marcatori sono finiti anche Verde e Parigini. Al termine del match, il ct Luigi Di Biagio ha parlato in conferenza stampa:

Progressi. «Se è la Nazionale del futuro? Speriamo vuol dire che ci sono ragazzi interessanti e che stiamo lavorando bene».

Partita. «Gli stimoli c’erano e anche tanti. Abbiamo disputato una buona mezzora di calcio, poi ci siamo disuniti e non abbiamo giocato bene. Non era quello che volevamo. Abbiamo ribaltato la situazione che si stava compromettendo. Buon primo tempo, ma il secondo è da rivedere».

Day after. «Non è una bella giornata per gli italiani e per i questi ragazzi che ieri hanno tifato. E’ successo quello che tutti conosciamo. Con la passione, entusiasmo e professionalità dobbiamo cercare di andare avanti e far crescere i ragazzi».

Ripartire. «L’anno zero c’è già stato cinque o sei anni fa e nessuno se ne è reso conto. Serviva un risultato così eclatante per far capire a tutti la situazione. Le difficoltà ci sono da diversi anni. Noi ci svociamo per mettere riforme e cambiare alcune cose, ma sembravano quelli che lo dicevano per gli interessi delle Nazioanli, invece era per l’interesse dell’Italia. Quello che successe nei settori giovanili è paradossale. Oggi  è facile sparare a zero e attaccare. Bisogna unire le forze».

Futuro. «Io per il post Ventura? Ho letto tante cose, oggi è irrispettoso parlare. Continuo ad allenare l'Under 21. Nel futuro non si sa mai, ma non mi sembra carino parlare. Non dovete domandalo a me».

Coraggio. «Non parlo oggi, ma parlo di cinque anni fa. La Nazionale è una sfida importante».

Ruolo ct. «Io posso aiutare il movimento azzurro dall’Under 15 all’Under 21».

Traghettatore. «Quando me lo chiederanno vedrò. Quando ci sono problemi ci sono tanti nomi. Si era già fatto il mio nome due anni fa. Amo lavorare con i giovani, mi piacerebbe vederli in Nazionale A».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli
Video

Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli

  • Lazio, Lotito: “Investiamo sulla storia. Siamo un esempio”

    Lazio, Lotito: “Investiamo sulla...

  • Il compleanno di Sarri: gli auguri dei tifosi

    Il compleanno di Sarri: gli auguri dei tifosi

  • Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto

    Zarate torna a giocare in Argentina, accolto...

  • Carlos Tevez torna al Boca Juniors

    Carlos Tevez torna al Boca Juniors

  • Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un torneo con il Borussia Dortmund

    Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un...

  • Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

    Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

  • Napoli-Verona, la polizia sventa agguato ultras

    Napoli-Verona, la polizia sventa agguato...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT