ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Salernitana, ultima chance col Perugia
Bollini: voglio anima e cuore

Salernitana-Perugia, ultima chance
Bollini: «Voglio anima e cuore»

SALERNO - L’ultima partita dell’anno, l’ultima gara prima del giro di boa, l’ultima chance per evitare la crisi. La Salernitana ospita oggi il Perugia allo stadio Arechi, nell’anticipo pomeridiano della 21esima di B. I granata sono reduci da due sconfitte di fila, i grifoni hanno gli uomini contati e non riescono a riempire neppure tutta la panchina. Sarà comunque una partita a specchio, ma con umori ben diversi sui fronti opposti. Tridenti a confronto, ma granata costretti a fare la partita e a (provare) vincerla per tirarsi fuori dalla zona che scotta e chiudere un anno (sportivo) pieno zeppo di peripezie.
Bollini sa che è già ad un bivio, il tecnico recupera Coda e Bernardini, rispolvera Donnarumma in attacco e toglie la naftalina dalle gambe di Laverone. Complici le non perfette condizioni fisiche di Tuia, infatti, Perico (anche lui acciaccato ma stringe i denti) viene dirottato al centro della difesa, in coppia con Bernardini, liberando il posto sulla destra proprio a Laverone. Nuovo tecnico, vecchie magagne verrebbe da dire a guardare i risultati del nuovo corso targato Bollini: tre punti in quattro partite, una media retrocessione, i soliti errori su palla inattiva e tifosi spazientiti (oggi saranno comunque i soliti 10mila circa) che ieri notte si sono fatti sentire. Esposti striscioni eloquenti nei punti cardine della città. Ultras stanchi di alibi e improvvisazioni, decisi a concedere un’ultima chance alla squadra. 
«Contro il Perugia ci aspetta una gara delicata e scenderemo in campo per fare una partita di cuore e grinta, tutti insieme con grande compattezza – ha dichiarato ieri Bollini, come sempre in un monologo privo di qualsiasi forma di contraddittorio – Veniamo da due risultati da sfatare e vogliamo farlo con carattere e sudore in campo. Deve essere questa la nostra caratteristica oggi, contro una squadra che sa esprimere un buon calcio e che ha numeri importanti. Non vogliamo farci abbagliare dalla classifica, ma esprimere il nostro gioco con quel giusto piglio in più fatto di cattiveria agonistica e carattere». Magari anche con un pizzico di attenzione in più, considerando che la Salernitana incassa gol a grappoli sulle palle inattive. «La squadra in settimana ha lavorato bene, mi segue con attenzione ma è in questi momenti delicati che oltre a mettere in campo la massima concentrazione deve venire fuori qualcosa in più soprattutto sotto il profilo caratteriale e dell’interpretazione della partita. Scenderemo in campo con le nostre forze migliori, considerando anche gli acciacchi che abbiamo avuto e cercando a tutti i costi di fare la nostra gara».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto
Video

Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto

  • Carlos Tevez torna al Boca Juniors

    Carlos Tevez torna al Boca Juniors

  • Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un torneo con il Borussia Dortmund

    Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un...

  • Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

    Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

  • Napoli-Verona, la polizia sventa agguato ultras

    Napoli-Verona, la polizia sventa agguato...

  • Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto...

  • Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

    Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

  • Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

    Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT