ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Salernitana, parla Fabiani
«Coda e Donnarumma restano»

Salernitana, parla Fabiani
«Coda e Donnarumma restano»

SALERNO - È tempo di bilanci e scende in campo Fabiani. Il diesse granata è convinto della bontà dell’organico, punta l’indice sulla concentrazione del gruppo, minaccia ritiri a oltranza e si concentra sulle palle inattive, che considera il male oscuro della Salernitana. Sul mercato di riparazione giura che il club tratterrà i pezzi da novanta e non esclude colpi a sorpresa. «È indubbiamente un momento “no” per la Salernitana – ammette –. Troppo spesso però ci facciamo male da soli. La squadra è valida, ma continua a commettere errori di concentrazione che non riguardano il singolo giocatore: 11 gol su palla inattiva mi lasciano sbigottito. È chiaro che c’è un concorso di colpe. Significa che qualcuno sta sulla cometa di Halley. È mio compito analizzare il momento per uscire da questo tunnel. Ogni giocatore ha l’obbligo di attenersi a regole e comportamenti da professionista».

A cosa si riferisce?
«A tutto: dall’alimentazione, alla vita privata, alle amicizie, ai comportamenti. In campo e fuori. Quando si indossa la maglia granata si deve sapere che si indossano simbolo e passione della gente. E chi non lo ha capito ne subirà le conseguenze». 
Provvedimenti in vista?
«Dico solo che il dovere di un dirigente è richiamare tutti all’ordine. Dispiace portare in ritiro la squadra, ma si è reso e si rende necessario. Contro l’Avellino abbiamo fatto 5 gol: comprese le loro marcature. Abbiamo preso 3 gol da polli. Era necessaria una pausa di riflessione che si estenderà fin quando non vedrò miglioramenti dal punto di vista mentale e caratteriale».
I calciatori hanno diritto a una pausa per regolamento...
«Il provvedimento non ha un tempo limitato: i sette giorni da regolamento possono partire anche dal 2 o dal 3 gennaio...».
I numeri dicono che la Salernitana è nella zona che scotta.
«La classifica è bugiarda. Senza queste disattenzioni, che farebbero “incazzare” anche il premio Nobel per la pace, saremmo a ridosso della zona playoff. Ho sempre costruito squadre vincenti: ecco perché sono arrabbiato. Abbiamo gente di valore e di esperienza e voglio che tirino fuori sia il valore, sia l’esperienza. Non tollero più chi bada al proprio orticello». 
Dopo il Perugia c’è il mercato...
«La Salernitana i rinforzi ce li ha in casa e non verrà smantellata. Siamo partiti tutti insieme e arriviamo tutti insieme. Nel bene o nel male. Se posso miglioro il gruppo, ma non andremo a peggiorarlo. Coda e Donnarumma? Restano a Salerno. Saremmo dei “fregnoni” se li cedessimo dopo averli scovati e valorizzati. E poi lo ribadisco: i contratti sono bilaterali e vanno rispettati. Da una parte e dall’altra». 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 29 Dicembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 09:22

Real-Napoli, il racconto della giornata a Madrid
Video

Real-Napoli, il racconto della giornata a Madrid

  • Real Madrid - Napoli, il punto di Francesco De Luca

    Real Madrid - Napoli, il punto di Francesco...

  • Real Madrid-Napoli, il post partita da New York

    Real Madrid-Napoli, il post partita da New...

  • Real Madrid-Napoli, l'urlo The Champions nella clinica Ruesch

    Real Madrid-Napoli, l'urlo The Champions...

  • Sarri e il Real: ci giocheremo tutto al ritorno

    Sarri e il Real: ci giocheremo tutto al...

  • Real Madrid-Napoli: il commento dei tifosi

    Real Madrid-Napoli: il commento dei tifosi

  • Real-Napoli, il gol di Insigne nell'ex Opg

    Real-Napoli, il gol di Insigne nell'ex Opg

  • Real-Napoli 3-1, la delusione dei tifosi ai Tribunali

    Real-Napoli 3-1, la delusione dei tifosi ai...

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT