ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, trent'anni dal primo scudetto:
il passato che illumina il presente

Napoli, trent'anni dal primo scudetto:
il passato che illumina il presente

Emozioni che riaffiorano dopo trent’anni. In realtà, ci hanno sempre accompagnato perché dopo il primo scudetto dell’87 (e la Coppa Uefa e il secondo tricolore) è stato frequente il riferimento a quei giorni felici, alle vittorie con Maradona, a quell’azzurro che illuminò i nostri cuori. Nei periodi bui - e tanti ne ha vissuti il Napoli, fino al fallimento e alla serie C - siamo stati sorretti dai ricordi: ecco cosa eravamo. L’orgoglio di appartenenza a una maglia e a un ideale ci spingeva ad andare al San Paolo, proprio dove Diego inventava magie, per sostenere gli azzurri nelle partite con Cittadella e Vis Pesaro.
 

 

Quando il Napoli ha riconquistato il vertice del campionato e la Champions League, la sua reale dimensione, abbiamo pensato: possiamo tornare ad essere quelli di trent’anni fa. Il Napoli che si laureò campione d’Italia il 10 maggio del 1987 era stato non soltanto un’occasione di festa ma anche un’ispirazione: la dimostrazione di come in questa città bella e afflitta i sogni si potessero realizzare. A sostenere il trionfo c’era un progetto, sviluppato dal presidente Ferlaino e dal manager Allodi, che scelse due giovani di talento come collaboratori, il direttore sportivo Marino e l’allenatore Bianchi, e una serie di calciatori che sembrarono essere un passo indietro rispetto al Re Diego ma solo perché lui era il genio assoluto. Garella, Bruscolotti, Ferrara, Renica, Ferrario, Bagni, Romano, De Napoli, Giordano e Carnevale avrebbero reso competitivo, e probabilmente vincente, il Napoli anche senza Maradona.
La prima immagine dello scudetto era e resta il Capitano. Ma vi fu anche un altro elemento affettivo, tecnico e imprenditoriale, rappresentato dall’utilizzo di 8 calciatori campani. Ora c’è un solo bravissimo napoletano, Insigne, di cui De Laurentiis ha riconosciuto il valore facendogli firmare un ricco contratto, il più ricco per un figlio di questa terra. Non era mai accaduto che un napoletano, cresciuto sotto questa bandiera, guadagnasse più dei compagni ed è significativo che questa legittimazione vi sia stata a pochi giorni dal trentennale dello scudetto: Lorenzo diventa l’uomo che riannoda i fili, la guida per un nuovo percorso di vittorie.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto
Video

Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto

  • Carlos Tevez torna al Boca Juniors

    Carlos Tevez torna al Boca Juniors

  • Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un torneo con il Borussia Dortmund

    Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un...

  • Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

    Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

  • Napoli-Verona, la polizia sventa agguato ultras

    Napoli-Verona, la polizia sventa agguato...

  • Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto...

  • Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

    Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

  • Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

    Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
piena
2017-05-10 18:44:29
lo scudetto vinto dal NAPOLI e' stato l'oppio per molti napoletani.... e l'occasione per la camorra di agire all'epoca indisturbata o quasi nei suoi innumerevoli loschi affari dallo smaltimento dei rifiuti tossici del nord al traffico di stupefacenti alle infiltrazioni negli appalti pubblici..insomma vincevamo un titolo sportivo ambitissimo ma...nello stesso tempo perdevamo la dignita' con tutte le conseguenze drammatiche che successivamente hanno reso la nostra terra mortificata ed umiliata... quindi per mio conto c'e' poco da ricordare anzi....
lostile
2017-05-10 12:52:55
che squorno
cld44
2017-05-10 06:50:44
Oramai viviamo di ricordi...

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT