Choc Insigne, rapina a mano armata a Napoli
il campione azzurro era con la moglie Jenny

immagine Choc Insigne, rapina a mano armata a Napoli
il campione azzurro era con la moglie Jenny
NAPOLI - Choc per Lorenzo Insigne e la moglie Jenny. Il giocatore del Napoli ha subito sabato sera, intorno alle 23.55, una rapina a mano armata in città, in viale Gramsci. I rapinatori gli hanno sottratto un rolex, due bracciali alla moglie e contanti. Insigne sarà oggi a Castel Volturno per l'allenamento di rifinitura in vista della partita di domani a Firenze. Quello di Insigne è un altro caso delle rapine ai danni di giocatori azzurri, l'ultimo episodio risaliva al 2014: ne fu vittima il colombiano Zuniga.

La dinamica. La rapina è avvenuta sabato sera alle ore 23.55. Insigne era nel traffico alla guida della sua auto: a bordo la moglie e una coppia di amici. Il campione azzurro stava accompagnando a casa gli amici quando due uomini armati di pistola e a bordo di uno scooter, marca Aprilia (prime cifre della targa DW) hanno affiancato l'auto di Insigne per rapinarlo. Il calciatore ha consegnato tutti gli oggetti preziosi e denaro in contante. Il tutto è durato una manciata di secondi.

Il procuratore. Queste le parole dell'agente dell'attaccante a Kiss Kiss Napoli: «La notiza è vera. Ieri intorno alle 22.30 Lorenzo ha subito una rapina al viale Gramsci. Tanto spavento e tanta paura poicé con lui in auto c'era la moglie. Per fortuna non i figli. Lorenzo ha denunciato il tutto alle autorità competenti e alle forze dell'ordine. È stata un'esperienza negativa, ma sarà a Castelvolturno per la rifinitura. Con il calcio e l'aiuto dei compagni supererà tutto».

Il rapinatore. I due malviventi erano su una moto scura,  marca Aprilia (prime lettere DW) -  il conducente con volto travisato da scaldacollo e il passeggero con il casco non integrale. Proprio il passeggero, armato di pistola, dopo essere sceso dal mezzo, ha aperto la portiera lato guida del veicolo facendosi consegnare da Insigne un rolex, due bracciali con diamanti e la somma contante di euro 800 (valore totale refurtiva dichiarato circa 30mila euro). Ma prima di risalire bordo della moto si è rivolto al giocatore dicendogli: «Dedicami un gol lunedì nella partita del Napoli a Firenze».

(a cura di Giuseppe Crimaldi e Roberto Ventre)

 





 

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora al Il Mattino.it.

HAI UN ACCOUNT SU UN SOCIAL NETWORK?

Accedi con quello che preferisci

Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

18 commenti presenti
1 2
Altro che dedica di un goal!!!!!!
Commento inviato il 2016-02-28 19:52:45 da Foster
I casi sono due: o questo, nel pur variopinto mondo dei balordi, merita una menzione speciale, o ha voluto lasciare un messaggio (tipo "ti ho riconosciuto, è proprio te che cercavo"). La seconda ipotesi è inquietante.
Commento inviato il 2016-02-28 19:05:00 da Severino
E' lo scotto per vivere nella città più bella del mondo. E poi c'è da dire che questi rapinatori sono ecumenici: colpiscono il famoso e lo sconosciuto. Che bellezza Napoli!!!!!
Commento inviato il 2016-02-28 16:47:22 da tamburo lontano
Questi si che sono tifosi. .......
Commento inviato il 2016-02-28 16:23:15 da falco25
Chi si ferma col rosso a Napoli deve sempre bloccare le portiere...Strano che non lo sapesse Lorenzo !
Commento inviato il 2016-02-28 16:17:28 da lois2
Napoli, bellissima, e' guastata da violenti che ammazzano e depredano. Una maggioranza di persone degne e' umiliata da questa gentaglia che limita o annulla la nostra libertà. Possibile che ogni volta che ci si reca nella città e' come una sorta di sfida o di gioco alla roulette russa? E l'esercito poco può fare, e' solo una parata per impressionare i creduloni. Se non si mette in moto una cultura diversa, se non ci si dissocia a fatti da crimini di diversa natura, il riscatto non ci potrà essere. Questa e' gente che, in ogni caso, rifiuterebbe un lavoro.
Commento inviato il 2016-02-28 14:25:42 da Sancia
che dire? Il mio consiglio e' quello di sempre ed e' rivolto ai giovani, " Fuitevenne" questa citta' non vi offre nulla e sara' sempre peggio.
Commento inviato il 2016-02-28 14:17:24 da antonpaco
Che vergogna....toccare un figlio di questa terra, non è accettabile!!!
Commento inviato il 2016-02-28 13:16:29 da oplontis72
Il fatto criminoso è sicuramente odioso. Il comportamento dei media nordaiola per questo fatto è an cora più odioso e dà una misura di come sia troppo lungo il nostro bel paese per aspirare ad essere equilibrato e finalmente civile. Il Nord è freddo , buio , lavorativo monotono, privo di fantasia e non riserva sorprese , il Sud è caldo, luminoso e forse un pò meno lavorativo(chissà di chi la colpa!) , geniale e imprevedibile ma le rapine avvengono là come da noi con le stesse modalità e gli stessi danni economici e morali. Io ammiro molto Pepe Reina che ama la terra dove si trova e lo dice ai quattro venti con molto orgoglio. Saluti a tutti. Napoli mon Amour. Vitaliano
Commento inviato il 2016-02-28 12:57:44 da Giuseppe Longobardi
Solidarietà massima a Lorenzo per un vergognoso effetto della popolarità, negativo perchè visto come sicuro bottino legato alla ricchezza, rispetto a quello di cui gode come campione del nostro Napoli. Giufo
Commento inviato il 2016-02-28 12:38:07 da giufo1936
ci dispiace per insigne,ma questa è un'altra tassa per vivere a napoli. A chi più possiamo raccomandarci se chi ci governa continua a blaterare che la nostra è solo percezione di insicurezza. Potremmo anche sentirci rispondere c he i rapinatori erano forse fans del calciatore e volevano solo un suo souvenir....
Commento inviato il 2016-02-28 12:36:18 da popolo arrabbbbiato
Eh giá questo é interessante, in confronto alle quotidiane rapine di cui soffre Napoli, " Quello di Insigne è un altro caso delle rapine ai danni di giocatori azzurri," Facciamo un appello: Ladri lasciate stare i calciatori azzurri, continuate a fare le rapine ma solo ai cittadini normali, quelli che se li sudano i soldi. e vdrete che i giornalai e kiss kiss vi lasciano in pace
Commento inviato il 2016-02-28 11:59:13 da Deutsch Italienisch
episodio bruttissimo...spero che si faccia piena luce.
Commento inviato il 2016-02-28 10:35:18 da aurobindo
Rapinatori romantici, stile Robin Hood: tolgono ai ricchi per donare ai poveri! Il Sindaco comunista sarà felice di questa lodevole e nobile iniziativa.....
Commento inviato il 2016-02-28 10:00:38 da felipe
la rapina e' stata fatta al Vomero e i mascalzoni hanno potuto approfittare della momentanea assenza per strada del sindaco DM ( sindaco di strada , appunto ) che in quel preciso istante era andato a fare un bisognino in un esercizio pubblico.......ah! l'incontinenza !!............Cmq Lorenzo , ho saputo che erano ultras viola camuffati ......a te la risposta sul campo domani sera
Commento inviato il 2016-02-28 09:57:56 da scapricciatiello
Pubblicare con così enfasi una notizia che purtroppo a Napoli, così come nelle grandi città del Italia e di routine mi sembra esagerato. In questa martoriata nazione, tra malavita e politica collusa oramai è saputo che per chi è ricco, ed Insigne fa parte di questa categoria sociale(beato lui) e sempre più pericoloso andare in giro. Spero solo che adesso non si facciano i soliti processi alla città solo perché si è toccato il pupillo azzurro! Inoltre, scusatemi se pecco con il pensiero, mi chiedo come mai simili avvenimenti accadano sempre in periodo di rinnovo contrattuali o dopo offerte di altre società!
Commento inviato il 2016-02-28 09:56:57 da Azzurro59
dove ? qui..a Napoli ??
Commento inviato il 2016-02-28 09:48:29 da partenopeo7
ci trasciniamo dietro(da qualche secolo) troppi mali-questo frena(come ha frenato) la marcia verso lidi migliori di un intero popolo.-e poi..leggo di sognatori che auspicano..via DeLa così verrà uno con i soldi veri..- dove? qui ,a
Commento inviato il 2016-02-28 09:48:05 da partenopeo7
1 2
FOTOGALLERY TOP