ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, una magia da tre punti
per provare lo fuga per lo scudetto

Napoli, una magia da tre punti
per provare lo fuga per lo scudetto

Lo scudetto passa dal San Paolo: Napoli-Juve stasera vale come non mai. Gli azzurri guardano gli eterni rivali dall'alto verso il basso: in testa alla classifica con un più quattro che diventerebbe più sette in caso di successo. L'occasione è di quelle ghiotte, allo stadio sarà sold out: una cornice straordinaria per una partita d'importanza capitale. Sarri tiene il profilo basso, testa solo alla preparazione della partita ieri a Castel Volturno e gestione delle emozioni. Il Napoli in questi anni è cresciuto e ormai è abituato a vigilie del genere, sia di campionato che di Champions. Il pericolo è di caricare troppo l'evento, l'attenzione è tutta sulla partita e sul modo di affrontarla al meglio. Il Napoli pensa prima a se stesso, ai movimenti da effettuare, al gioco da sviluppare al meglio ma ovviamente l'attenzione è rivolta alla Juve e ai pericoli da limitare.

Miglior difesa contro migliore attacco. Il quadro è cambiato rispetto all'anno scorso: adesso la difesa meno battuta è quella di Sarri (9 gol al passivo, come la Roma che ha giocato una partita in meno), mentre quello di Allegri con 40 gol è il miglior attacco della serie A. Gli azzurri hanno subito cinque gol in meno dei rivali bianconeri che invece nelle prime 14 giornate sono riusciti a mettere a segno cinque reti in più. Al terzo anno di lavoro sulla panchina azzurra il lavoro difensivo del tecnico toscano adesso ha dato in pieno i suoi frutti: automatismi perfetti della linea a quattro, errori individuali ridotti e intesa di reparto. Rispetto alla scorsa stagione invece è migliorato il potenziale offensivo della squadra di Allegri.
 


Decisivi i duelli individuali in ogni fazzoletto di campo, le sfide chiave a centrocampo dove s'incroceranno Hamsik e Khedira, Jorginho e Pjanic e Allan e Matuidi. Qualità e quantità: la necessità degli interpreti di sviluppare al meglio sia la fase offensiva che quella difensiva. Più muscolare il reparto juventino, più tecnico quello azzurro: decisivo sarà il movimento senza palla per velocizzare al massimo la manovra. E poi fondamentale sarà il lavoro delle due difese a quattro per bloccare gli attacchi avversari: Allegri opta per la linea a quattro con Alex Sandro che però salirà a sinistra quando il pallino sarà nelle mani della Juve. Il primo obiettivo sarà quello di limitare al massimo il tridente leggero, quello formato da Callejon, Mertens e Insigne (l'attaccante di Frattamaggiore ieri ha svolto l'intera seduta, dopo la precauzione usata nei giorni scorsi per qualche problemino alla schiena).


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto
Video

Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto

  • Carlos Tevez torna al Boca Juniors

    Carlos Tevez torna al Boca Juniors

  • Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un torneo con il Borussia Dortmund

    Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un...

  • Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

    Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

  • Napoli-Verona, la polizia sventa agguato ultras

    Napoli-Verona, la polizia sventa agguato...

  • Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto...

  • Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

    Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

  • Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

    Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT