ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Nuovo contratto per Insigne
Adesso l'azzurro non ha fretta

Nuovo contratto per Insigne:
adesso l'azzurro non ha fretta

Come una barca nella tempesta: scompare e riappare sulla cresta dell’onda. Ma quando c’è la bufera, la barca va sempre in porto. Lorenzo Insigne si gode il momento. Un classico. Con lui, è un classicissimo, perché adesso ha il passo da killer del gol e perché magari questo suo rendimento da top player convincerà il club azzurro, con cui vuole legarsi a vita, a cominciare a parlare di una questione che a lui sta molto a cuore: il prolungamento del contratto. Insigne non fallisce mai queste notti. E non lo fa da tempo. Da Euro2016, quando prese quel pallone che bruciava e nessuno voleva calciare, lo piazzò sul dischetto e calciò il primo rigore contro la Germania. Facendo gol.
Come Totti e Del Piero, i suoi due idoli, sogna di diventare la bandiera italiana del Napoli. Una rarità. Manca però ancora la data dell’appuntamento, e il fatto non costituisce ancora una ragione di preoccupazione. Ma potrebbe divenirlo. I due manager del ragazzo di Frattamaggiore, adesso, non hanno più alcuna fretta. Magari ne avevano di più qualche mese fa, quando il loro assistito segnava con il lanternino e non se ne andava a spasso per il Santiago Bernabeu a regalare magie e a stregare Navas. 

I due procuratori, non hanno più bisogno, Ottaiano e Andreotti, di sollecitare la società azzurra a un incontro sul futuro di Insigne. Il Napoli conosce le richieste dell’entourage che vuole discutere le cifre del nuovo contratto di Insigne prima della conclusione del campionato. Seriamente e fortemente. Lorenzo tornato a essere il Magnifico (soprannome che gli diedero a Pescara) ha una media-realizzativa da urlo: 7 gol finora nelle ultime dodici partite in serie A. Più la magia di Madrid. Il contratto attualmente è fino al 2019 ma sono in corso d’opera ragionamenti da tutte e due le parti per far sì che il bomber allunghi di almeno un paio di anni con sensibile ritocco dell’ingaggio. Allo studio del nuovo, ipotetico, accordo c’è un aumento notevole degli emolumenti, ma il nodo parrebbe essere anche la quantificazione della cosiddetta gestione dei diritti d’immagine.

Nei prossimi giorni, anche con De Laurentiis negli Stati Uniti, la trattativa che al momento è congelata, potrebbe riaprirsi: le parti si sono viste le ultime volte a Dimaro, nel ritiro estivo. In quelle occasioni ognuno recitò al meglio il proprio ruolo: da una parte i manager di Insigne che avanzarono una richiesta di ingaggio superiore ai 4 milioni, dall’altra il patron che non si spingeva a oltre la metà. Risultato? La trattativa venne aggiornata ad altra data.
Il punto è che Lorenzo Insigne adesso è esploso sul serio. E lo stesso De Laurentiis ha riconosciuto che lo scugnizzo è stato l’unico a giocare con determinazione nella notte di Madrid. Per il 25enne in cima ai pensieri c’è sempre e solo il Napoli: ma il prolungamento dovrà essere calibrato su quello dei compagni. A questo punto, è evidente che sia marzo il mese della verità per il rinnovo di Insigne. L’impressione è che se non dovesse arrivare, i due manager non resterebbero con le mani in mano in attesa degli eventi. Anche perché il gol del Bernabeu ha davvero messo in vetrina il più bravo dei talenti italiani. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 17 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:34

Maradona scatenato al Carnevale di Copacabana
Video

Maradona scatenato al Carnevale di Copacabana

  • Napoli-Atalanta: il commento dei tifosi

    Napoli-Atalanta: il commento dei tifosi

  • Napoli-Atalanta: il commento di Ventre

    Napoli-Atalanta: il commento di Ventre

  • Napoli-Atalanta: il pronostico dei tifosi

    Napoli-Atalanta: il pronostico dei tifosi

  • Antonella come Higuain: la Fiordelisi palleggia per i suoi fan

    Antonella come Higuain: la Fiordelisi...

  • Napoli-Atalanta: il focus di B. Majorano

    Napoli-Atalanta: il focus di B. Majorano

  • Napoli-Atalanta: le tre mosse di Ventre

    Napoli-Atalanta: le tre mosse di Ventre

  • Dal trionfo all'esonero, via Ranieri dal Leicester

    Dal trionfo all'esonero, via Ranieri dal...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
partenopeo7
2017-02-17 19:14:06
è chiarissimo che adl deve ri-equilibrare gli ingaggi di tutti protagonisti specialmente di quelli (è ..normale) che segnano (poi c'è chi guadagna troppo..vedi reina..e sbilancia tutti gli equilibri..) adl deve provvedere ! naturalmente molto dipende dalla prossima CL...se sarri non ci arriverà saranno dolori per TUTTI..(guarda la roma che sembra un missile..perchè l'antipaticissimo spalletti ci capisce..la squadra è perfettamente equilibrata(non come il napoli) la difesa non gioca solo e sempre "alta" per cui i suoi giganti non debbono correre all'indietro (come succede ai giganti del napoli..che rinculando fanno strafalcioni enormi con le varie cenerentole pescara,palermo,etc!!!mica solo con il real...!)-- insomma la roma sta messa meglio di noi ed i risultati e punteggio confermano ! speriamo che il ns tecnico rinsavisca(..difficile..)e faccia un gioco meno dispendioso e che esponga meno la difesa che di suo-secondo tradizione napoletana-è abbastanza scarsa...i 2 terzini poi...mamma mia da ..brividi ..azzurri ----speriamo bene....

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT