ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, Sarri preserva Milik per il Real, ma in campionato tocca a Pavoletti

Sarri preserva Milik per il Real, 
ma in campionato tocca a Pavoletti

Il Napoli ha ritrovato l’Arcangelo Milik. Una manciata di minuti a Madrid, sufficienti a certificare l’avvenuta guarigione. Adesso è solo questione di benzina da mettere nelle gambe perchè l’autonomia resta limitata. Quattro mesi dopo il grave infortunio, il polacco diventa nuovamente una freccia a disposizione dell’arco di Sarri. Che nell’occasione ha messo da parte Pavoletti, il colpo del mercato di gennaio, il pomo della discordia del Bernabeu. Il calciatore (insieme a Rog) che il presidente De Laurentiis avrebbe visto volentieri in campo contro il Real.

Invece la spiegazione del tecnico sulla preferenza caduta su Milik è stata quasi disarmante: «In pochi minuti avrebbe potuto trovare la giocata buona, Pavoletti lo metto dentro quando c’è più tempo a disposizione». Equivale a dire, ovviamente: preferenze a Milik che tornerà a fare il titolare, Pavoletti la riserva. Magari nell’immediato potrebbe accadere il contrario, visto che a livello di tenuta atletica l’ex Genoa è avanti: possibile vederlo tra gli undici domenica a Verona ma non per questo potrà scalare le gerarchie. Del resto è stato acquistato per fare da riserva ad Arkadiusz, che con quel nome da imperatore e fisico da combattente non poteva aver paura di rimettere piede in un’arena centoventi giorni dopo il crac al ginocchio.

Adesso Sarri ne doserà le energie, dandoci sotto con gli allenamenti perchè è così che si ritorna al top. Ha ripreso a segnare gol a grappoli a Castel Volturno ma il lavoro quotidiano non può essere paragonato alle sfide di campionato e di Champions. L’allenatore lo aspetta, sa che Mertens non può tirare avanti la carretta fino alla fine in un ruolo non suo: Milik al centro dell’attacco dal primo minuto è l’idea base, il ragazzo è quasi pronto, non prontissimo, lo sarà probabilmente a fine mese, tra l’Atalanta in campionato e la prima semifinale di Coppa Italia in casa della Juventus. Di sicuro prenderà il suo posto in campo contro il Real Madrid al San Paolo.

Milik titolare garantisce un tipo di gioco differente in attacco, oltre che una maggiore fisicità. Aggredisce l’area, non gli danza intorno, come quella prima volta a metà del secondo tempo del match con il Bologna: nemmeno un pallone toccato, poi il sinistro morbido, un pallonetto delizioso e il gol. Una magia, come aveva detto Dennis Bergkamp parlando di lui: «Al posto del sinistro possiede la bacchetta magica». Non era una metafora ma la descrizione dei fatti, perché quel piede, anzi piedone, l’ha utilizzato per realizzare altre due doppiette. La terza in venti giorni spaventosi: prima da titolare con il Milan e due gol. Prima di Champions a Kiev e altri due gol. Salvatore della patria con il Bologna e doppia rete agli emiliani tutti arroccati in area. 

All’inizio nemmeno Higuain si era spinto così lontano: il bomber dell’Est rapito da Marechiaro ne ha cancellato l’ombra e fatto meglio, mettendo in vetrina il suo pezzo forte, il colpo di testa, e sfoderando la terribile arma del tiro mancino. Ha detto Ancelotti, che allena Lewandowski nel Bayern: «Robert nel complesso è più forte ma non ha il sinistro di Milik». Dunque, Sarri e il suo Arcangelo pronti a riprendere da dove avevano iniziato: il centravanti sa svettare sui cross di Ghoulam, va in profondità sui lanci di Hamsik, tiene palla e fa salire la squadra, consente maggiori soluzioni con il gioco aereo. Magari non dialoga elegantemente sullo stretto con Insigne o Mertens, però è furbo, sa segnare in modo sporco, si fa sentire fisicamente in area. Quello che a volte è mancato al Napoli. Come al Bernabeu.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 17 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 13:41

Sassuolo-Napoli: il commento dei tifosi
Video

Sassuolo-Napoli: il commento dei tifosi

  • Sassuolo-Napoli: il focus di B. Majorano

    Sassuolo-Napoli: il focus di B. Majorano

  • Sassuolo-Napoli: le tre mosse di R. Ventre

    Sassuolo-Napoli: le tre mosse di R. Ventre

  • Sarri e la sfida al Sassuolo, il commento di Roberto Ventre

    Sarri e la sfida al Sassuolo, il commento di...

  • Rinnovo di Insigne, il commento di Pino Taormina

    Rinnovo di Insigne, il commento di Pino...

  • Sorteggio Champions, Juve pesca il Monaco. I commenti dei tifosi del Napoli

    Sorteggio Champions, Juve pesca il Monaco. I...

  • Sorpresa Hamsik: partitella con gli amici. In porta

    Sorpresa Hamsik: partitella con gli amici....

  • Derby Inter-Milan: prima la suspence, poi l'esultanza travolgente

    Derby Inter-Milan: prima la suspence, poi...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
marcoferro803
2017-02-17 22:23:37
col senno di poi al posto dello svagato koulibaly avrei fatto giocare uno tra chiriches o maximovic contro il real.
partenopeo7
2017-02-17 19:24:29
mi dispiace per la partita di madrid ma non accuso nessuno(nè sarri nè la squadra...e poteva chiaramente finire 5-1 o 6-1 ) perchè la botte (di sarri) da il vino che contiene...-per chiarezza il napoli in campionato è 5 punti meno dell'anno scorso.......nei 3 mesi senza sconfitte ci dimentichiamo che ha pareggiato con lazio e sassuolo(a Napoli) e palermo(a Napoli) per cui mancano all'appello da 4 a 6 punti mentre la roma ha messo il turbo....e subiamo troppi gol(per una squadra con ambizioni) e tutti stupidi anche con le cenerentole (mica solo con il real) perchè la difesa (già scarsa di suo con i terzini inguardabili..)gioca "alta" = scoperta (in + i centrali sono oltre 1,90 cm e quindi corrono male ..specialmente.."ALL'INDIETRO" ..ah sarri.sarri che combini ! ! !

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT