ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Dal Real Madrid al Chelsea:
tutte le big d'Europa ai piedi di Sarri

Dal Real Madrid al Chelsea:
tutte le big d'Europa ai piedi di Sarri

Non c'è un solo casting di un club d'Europa che non prenda in considerazione il suo nome, quello di Maurizio Sarri. Nessuno ha il contratto in scadenza, tra i vari tecnici delle big. Ma si sa che i pezzi di carta possono valere poco o anche niente, quando i risultati sono deludenti. Così nessuno, in questo periodo, se la sentirebbe di giurare sulla permanenza di questo o quell'allenatore. Persino Zidane, uno che in 22 mesi ha vinto 8 trofei sui 10 in palio, sa che la sua avventura al Real Madrid sarebbe al capolinea in caso di mancato successo-tris della Champions. La super sfida degli ottavi contro il Paris Saint Germain è un bivio carico di conseguenze. I dubbi su Antonio Conte, al Chelsea, affiorano per la prima volta anche alla luce delle classifica attuale: «Però devono essere loro a mandarmi via». Figurarsi se Abramovic si farà scrupolo eventualmente a farlo. Sì, il valzer della panchine che potrebbe avere inizio già ad aprile, potrebbe tirare in ballo anche Sarri, soprattutto in Premier. Colpa di Pep Guardiola e della sua furbesca investitura prima della doppia sfida del suo Manchester City al Napoli. Non è un caso che proprio parlando del dopo Conte, la stampa di Sua Maestà, abbia iniziato a far circolare l'ipotesi di Sarri, definito «un innovatore tattico e tecnologico, con un grande impatto sui giocatori e uno stile di gioco molto bello a vedersi».

Panchine solidissime sembrano davvero poche, anzi non ce ne sono proprio. Ed è quello che ha spiegato Alessandro Pellegrini, l'amico-agente, a Sarri prima di Natale. Bisogna attendere i verdetti di Champions prima di poter capire gli scenari della prossima primavera. Perché chi non va avanti nella coppa dalla grandi orecchie, avrà voglia di cambiare. Sarri continua a ripetere che rimarrà al Napoli, o meglio non ha mai detto che alla fine della stagione andrà via. Scudetto o non scudetto. Ma lui stesso, negli ultimi mesi, qualche messaggio di disponibilità in giro per l'Europa l'ha mandato. Se gli arrivasse una chiamata, magari ascolterà. Ed è questo il rischio che Aurelio De Laurentiis non vuole correre ed è per questo che ha messo a segno l'audace colpo della visita-lampo a Figline nel giorno del suo compleanno.

La verità è che Maurizio Sarri non sarebbe indifferente alle proposte che potrebbero arrivare dall'estero (da settimane Pellegrini ascolta i discorsi di vari intermediari), perché il campionato inglese in particolare è il più ambito del mondo e qualsiasi allenatore ci penserebbe non una, ma dieci, cento volte prima di rifiutarlo. E così De Laurentiis ha deciso di scendere in pista in prima persona. Saltando la mediazione del ds Giuntoli che pure da settimane stava cercando di spingere Sarri ad aprire la trattativa per eliminare la clausola e blindarlo al club azzurro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli
Video

Machach a Villa Stuart per le visite mediche con il Napoli

  • Lazio, Lotito: “Investiamo sulla storia. Siamo un esempio”

    Lazio, Lotito: “Investiamo sulla...

  • Il compleanno di Sarri: gli auguri dei tifosi

    Il compleanno di Sarri: gli auguri dei tifosi

  • Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto

    Zarate torna a giocare in Argentina, accolto...

  • Carlos Tevez torna al Boca Juniors

    Carlos Tevez torna al Boca Juniors

  • Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un torneo con il Borussia Dortmund

    Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un...

  • Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

    Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

  • Napoli-Verona, la polizia sventa agguato ultras

    Napoli-Verona, la polizia sventa agguato...

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT