ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Il Napoli ricomincia a correre:
la svolta di Sarri in quattro mosse

Il Napoli ricomincia a correre:
la svolta di Sarri in quattro mosse

Sarri in una settimana ha risollevato il Napoli, o meglio in sei giorni, quelli in cui ha potuto allenare con continuità gli azzurri a Castel Volturno. E proprio questo è stato il primo motivo della svolta: senza l'impegno infrasettimanale della Champions e senza gli impegni delle nazionali il tecnico azzurro dopo tre mesi ha potuto far svolgere al gruppo il suo lavoro tipo.

La settimana tipo
Un programma rigenerante a livello fisico e mentale che ha dato immediatamente i suoi frutti nella trasferta a Torino: senza lo stress di un impegno ogni tre giorni gli azzurri hanno potuto riguadagnare energie necessarie per affrontare al meglio la partita di campionato e si è cominciato il lavoro atletico per ritrovare brillantezza e rapidità. E poi anche la parte tattica: con più giorni a disposizione il tecnico ha potuto insistere sulle giocate da proporre in partita, oltre che sulla parte dedicata alle palle inattive, situazione effettuata al meglio in occasione del primo gol di testa di Koulibaly, nato dal calcio d'angolo di Callejon e dalla sponda di Allan.

Gli uomini chiave
Decisivo è stato ritrovare l'apporto degli uomini chiave, innanzitutto quello di Marek Hamsik che stava girando al di sotto del suo standard abituale di rendimento. Una prova positiva dello slovacco a Torino e non sono per il gol che gli ha permesso di agganciare a 115 reti Maradona ma anche per la disinvoltura con la quale si è mosso e la precisione nei passaggi. Si è rimesso al centro del Napoli come efficacia delle giornate e come presenza agonistica di grande spessore: un leader ritrovato che è fondamentale per il gioco di Sarri, tanto è vero che il tecnico toscano non lo ha mai messo in discussione neanche nei momenti di maggiore difficoltà. Segnali di crescita anche di altri uomini chiave: a centrocampo si è ritrovato Jorginho dopo le due partite sotto tono contro Juventus e Fiorentina e il gioco è tornato nuovamente fluido. Il playmaker brasiliano è infatti quello che dà il là al gioco degli azzurri: è lui a dare ritmo al palleggio e spesso a lanciare un attaccante verso la porta avversaria come in occasione del gol del 2-0 di Zielinski. Più vivace anche Mertens rispetto alle ultime partite ma ancora impreciso in zona gol, clamorosa soprattutto l'occasione sciupata nel finale con una girata alta ad un metro dalla porta. Ora per tenere tutti in condizione sarà importante anche dare spazio alle seconde linee, cosa che avverrà già domani sera nel match di coppa Italia di domani sera al San Paolo contro l'Udinese quando Sarri si affiderà ad un ampio turnover in tutti i reparti (da verificare la condizione di Maksimovic che ieri ha svolto lavoro differenziato e sta smaltendo l'infuenza) e troveranno spazio anche quelli finora impiegati meno di tutti come Ounas e Giaccherini e il portiere Sepe che ha fatto il suo esordio in campionato a Verona contro il Chievo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto
Video

Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto

  • Carlos Tevez torna al Boca Juniors

    Carlos Tevez torna al Boca Juniors

  • Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un torneo con il Borussia Dortmund

    Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un...

  • Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

    Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

  • Napoli-Verona, la polizia sventa agguato ultras

    Napoli-Verona, la polizia sventa agguato...

  • Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto...

  • Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

    Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

  • Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

    Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
nuaio
2017-12-18 12:41:15
DELA !!!!!glielo vuoi spiegare che non deve avere gli occhi per i soliti quattordici,ma dare possibilita' pure agli altri undici?????intanto buttiamo via pure ROG dopo aver tagliato TONELLI.Quando scartera' pure MAKSIMOVIC????quanto mi rode questo comportamento autolesionista!!!!

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT