ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Il record degli azzurri corsari d'Europa:
volano al passo record del City di Pep

Il record degli azzurri corsari d'Europa:
volano al passo record del City di Pep

Fuori casa meglio che al San Paolo e soprattutto meglio di tante big in Europa. Impressionanti i numeri degli azzurri di Sarri in trasferta, secondi solo all'imbattibile Manchester City di Guardiola che in questa stagione ne ha vinte nove su nove in Premier League e con la vittoria di sabato sul Tottenham è arrivato a ben sedici successi di fila. A Torino il Napoli ha piazzato l'ottava meraviglia l'esterna, tutti successi e un solo pareggio a Verona contro il Chievo. Venticinque i punti messi insieme lontano da Fuorigrotta sui 42 totali, otto in più rispetto a quelli conquistati in casa (17 in virtù di cinque vittorie, due pareggi e una sconfitta). Un rendimento da record cominciato quasi 14 mesi fa, l'ultima sconfitta esterna infatti risale al 29 ottobre 2016, al ko contro la Juventus: da allora una serie positiva di 22 partite: 19 vittorie e 3 pareggi. Sarri meglio di tutti in Europa: subito dopo l'Atletico Madrid di Simeone che è arrivato a venti partite utili consecutive.

Un passo da big. Il Napoli davanti agli squadroni: meglio del Bayern Monaco, capolista di Bundesliga (19 punti in campo esterno) e del Psg, leader in Francia (20 punti). Uno scatto in termini di mentalità con il tecnico toscano in panchina: il Napoli in casa e fuori affronta le partite sempre allo stesso modo e sono arrivate grandi risposte in termini di risultati positivi. Questa è stata la svolta per il rendimento stratosferico lontano dal San Paolo: gli azzurri entrano in campo sempre con lo stesso tipo di atteggiamento propositivo. Baricentro alto, possesso palla, prestazioni basate sul bel gioco alla ricerca del successo: questa l'impostazione che Sarri ha dato al Napoli, l'idea è di fare sempre la prima mossa e non attendere quello che fanno gli avversari. Gli azzurri non speculano sugli avversari per ripartire ma impostano la loro idea di gioco su tutti i campi e in trasferta esaltano ancora di più le loro qualità perché hanno anche qualche spazio maggiore a disposizione rispetto alle partite al San Paolo. A Torino il Napoli è riuscito a colpire con le sue armi preferite sfruttando al meglio il gol iniziale di Koulibaly e l'atteggiamento di Mihajlovic che ha provato a giocarsela a viso aperto esattamente come l'anno scorso.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto
Video

Zarate torna a giocare in Argentina, accolto da migliaia di tifosi in festa all'aeroporto

  • Carlos Tevez torna al Boca Juniors

    Carlos Tevez torna al Boca Juniors

  • Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un torneo con il Borussia Dortmund

    Usain-Bolt prova il calcio: a marzo un...

  • Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

    Razzismo, il Cagliari si scusa con Matuidi

  • Napoli-Verona, la polizia sventa agguato ultras

    Napoli-Verona, la polizia sventa agguato...

  • Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Verona 2-0, il commento di Roberto...

  • Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

    Napoli-Verona, l'attesa dei tifosi

  • Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

    Napoli, i tifosi: ora puntiamo sul campionato

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
s. gennaro
2017-12-18 14:46:10
Si, però guarda caso perdiamo conto Manchester, Shaktar, Juve Inter etc Grande finchè il girone ci mette di fronte a piccole squadre, ma debole di fronte a squadre blasonate
gianni5802
2017-12-18 10:02:49
Ma siete sicuri? SE quel buontempone di Dybala non avesse sbagliato sue rigori due, la Juve sarebbe due punti avanti al Napoli. Non lo scordiamo. Che invece il campionato del Napoli sia eccezzionale in funzione di una rosa non stratosferica, questo è fuori dubbio.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT