ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Le interviste del Mattino | De Laurentiis: «Napoli non è matura per lo scudetto» | Commenta

De Laurentiis: «Napoli non è matura per lo scudetto»

VIDEO: DE LAURENTIIS NEL RITIRO ESTIVO





Dal caso San Paolo ai due trofei nel 2014, da Benitez («Spero che resti, però il nostro progetto andrà avanti anche senza di lui») alle nuove sfide: Aurelio De Laurentiis a tutto campo al Mattino. «In ritiro ho sbagliato a parlare di tricolore. L’obiettivo del Napoli è essere competitivi sempre. Prima o poi lo scudetto arriverà, ma non perché arriveranno uno o due giocatori. Si vince quando c’è un fronte unico composto da squadra, società e tifoseria. Lo scudetto ci sarà quando l’ambiente sarà maturo».



De Laurentiis ha un progetto per il nuovo San Paolo?

«Io ho affidato a un pool di ingegneri uno studio, prioritario rispetto a quello della ristrutturazione: vogliamo capire qual è lo stato di salute attuale dello stadio perché non vorremmo che questo impianto, costato svariati miliardi di lire prima dei Mondiali del 1990 e reso agibile soltanto grazie agli interventi della mia società, presentasse ulteriori problemi, dopo quello del settore inferiore di Curva A, inagibile da tre mesi. Entro gennaio riceveremo una stima della salute del San Paolo ed entro febbraio una valutazione dei costi degli interventi da effettuare, successivamente lavoreremo al progetto di ristrutturazione cercando di capire anche cosa si potrà costruire di supporto economico all'impianto per dare il via a quelle attività commerciali extracalcistiche che secondo quanto previsto dalla legge dovrebbero creare un equilibrio economico-finanziario per la salute del club».



Quale giudizio dà del 2014 della squadra?

«Positivo. Abbiamo mantenuto una società con i conti in ordine ed è contemporaneamente proseguito il processo di crescita. Il Napoli è la sola squadra italiana ad aver vinto due trofei nell'anno solare ed eravamo reduci da una straordinaria Champions: nel dicembre 2013 siamo stati eliminati con 12 punti, penso a cosa è accaduto nella competizione quest'anno, con la Roma eliminata e la Juve qualificata con punteggi nettamente inferiori al nostro. Abbiamo chiuso lo scorso campionato al terzo posto e siamo ora nelle prime posizioni. I conti vanno fatti alla fine: noi siamo un po' come quel ciclista che fora una gomma e riparte in ritardo, c'è tempo per recuperare, le tappe del campionato sono 38 e non siamo neanche a metà del cammino».



Quali sono gli obiettivi per il 2015?

«Crescere. Restare competitivi in campionato, Europa League e Coppa Italia dopo aver festeggiato la Supercoppa. In campionato c'è già un distacco rispetto a Juventus e Roma, ma andiamo avanti con fiducia. Con l'obiettivo di vincere tutte le partite e senza avere paura di nessuno, come dice Benitez. Noi siamo non scontenti, ma scontentissimi quando non vinciamo o pareggiamo su campi non proibitivi».

Benitez è il punto interrogativo: resta o va via?

«Il suo contratto era di due anni, mi auguro che voglia restare perché dare continuità a un progetto tecnico e societario è la soluzione migliore. Sapremo tutto tra qualche mese. Ma una cosa è certa: la mentalità internazionale, che io ho voluto proporre affidando la guida della squadra a Benitez, non cambierà, proseguiremo su questa linea che è diventata un nostro principio».



A proposito di mercato, soltanto una suggestione il ritorno di Lavezzi a Napoli?

«E a che servirebbe? Siamo copertissimi in attacco, tra un paio di mesi rientra anche Insigne. Si dimentica che Lavezzi ha uno stipendio di 4,5 milioni netti all'anno e che soprattutto è stato lui a voler lasciare il Napoli: lo decise nel 2011 e noi gli chiedemmo di restare ancora un anno, nel 2012 è passato al Paris St. Germain. A volte i procuratori dei calciatori si divertono a tirare fuori il nostro nome, ma noi non c'entriamo né con Lavezzi né con Balotelli».






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Gennaio 2015 - Ultimo aggiornamento: 12:33

L'abbraccio tra Maradona e i calciatori del Napoli
Video

L'abbraccio tra Maradona e i calciatori del Napoli

  • Maradona a Castel Volturno con i giocatori del Napoli

    Maradona a Castel Volturno con i giocatori...

  • La prima volta di Maradona a Castel Volturno, l'emozione dei tifosi

    La prima volta di Maradona a Castel...

  • Allegri infuriato contro il quarto uomo a Firenze

    Allegri infuriato contro il quarto uomo a...

  • L'incontro tra Maradona e De Laurentiis

    L'incontro tra Maradona e De Laurentiis

  • I napoletani salutano Maradona

    I napoletani salutano Maradona

  • Lady Tonelli: «Vi racconto il mio Lorenzo»

    Lady Tonelli: «Vi racconto il mio...

  • Maradona, tutte le foto storiche dell'archivio Newfotosud proiettate al San Carlo

    Maradona, tutte le foto storiche...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 36 commenti presenti
2015-01-02 08:51:51
Poche scuse ... Caro (?) Aurelio \'o bluff, valle a raccontare a qualcun\'altro. I tifosi napoletani sono più che maturi per accogliere un altro scudetto, ne abbiamo già festeggiati due. Dici piuttosto che sei tu che non vuoi cacciare i soldi. Come i film panettone vuoi una squadra panettone che costa poco e dura poco. Sono anni che al Napoli manca il centrocampo e la difesa, invece di raccontare storie caccia i soldi e compra quello che serve per vincere, altrimenti fatti da parte.
2015-01-02 10:09:32
gli sproloqui di un individuo che ha solo preso soldi dal Napoli cacciandone pochissimi. I due trofei? ricordo le due partite con Fiorentina e l\'ultima con la Juve se non ci fosse stato san gennaro non so di cosa staremo a parlare. dimentica le fesserie che ci ha propinato in estate parlando di scudetti e vendendo simultaneamente reina Bherami e fernandez per prender rafael(citofono) il mitico Gargano e Kulibidon . Quindi questi moralismi li vada a fare alla Filmauro che produce film pattume con attori scadenti.Lun non vuole vendere perche ci guadagna troppo altro che balle è solo un pallone gonfiato . VATTENE!!!!!!!!!!
2015-01-02 10:10:44
Balle il Comune ha speso per lo Stadio TI HANNO SEQUESTRATO i soldi in banca per pagare le spese di gestione altrimenti quando li vedeva i soldi......metti veramente le mani nel portafogli non fare che li devono sequestrare.......per averli.
2015-01-02 10:33:30
bravo Presidente..... Hai davvero detto tutto e con estrema chiarezza, come tua abitudine. Sul progetto Stadio spero che la situazione si evolverà verso una scelta radicale: Abbandono del San Paolo che una volta privato dell\'orribile copertura anni 90 potrebbe servire davvero alla città tutta come importante punto di riferimento di ogni sport e costruzione di un nuovo impianto concepito su architetture attuali, di minore ampiezza e di maggiori funzionalità. Nel fare questo spero che non vengano mai scelte zone urbane o suburbane decentrate e difficili da raggiungere. Ottima secondo me sarebbe la zona dell\'ex Italsider, centrale e collegatissima dalla strada, dalla ferrovia Cumana, dalla Linea 6 ed anche dal mare, vista la vicinanza della linea di costa di Coroglio. Inoltre la conformazione dei luoghi, per la grande abbondanza di spazi liberi,eviterebbe il congestionamento di un intero quartiere così come avviene oggi a Fuorigrotta in occasione di ogni partita casalinga del Napoli.
2015-01-02 10:38:56
Illustre Prrrrresidente Perchè non ti aumenti un pò lo stipendio, magari anche a quel poveretto di tuo figlio, e così magari siamo più maturi per lo scudetto ? Aurelio o\' flop e bluff !

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT