ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Il Lollo Caffè Napoli Calcio a 5 sogna lo scudetto

LOLLO CAFFE' NAPOLI

«Crisi del settimo anno? Possiamo affermare con forza di essere una vera eccellenza e rappresentiamo al meglio Napoli con un progetto rinforzato e ambizioso». Ciro Veneruso, presidente del Lollo Caffè Napoli Calcio a 5, dispensa ottimismo e si dichiara fiducioso circa la stagione 2018/2019 in serie A che si appresta ad iniziare. «Scudetto sogno di tutti: speriamo sia l’anno giusto». All’ombra del Vesuvio lecito ambire a vette elevate. E il claim scelto dalla società azzurra compendia bene l’animus possidendi: «#unamagliaunpopolo». Identità netta, passione comune. Avvio in trasferta per i ragazzi del nuovo tecnico spagnolo David Marìn (nelle foto di Fabio Sacco) sabato 29 settembre contro il Real Futsal Arzignano. Esordio casalingo, invece, il 6 ottobre contro il Meta Catania al PalaCercola.
 

 


«Vogliamo essere competitivi, lottare per traguardi importanti, toglierci belle soddisfazioni», chiarisce subito il capitano partenopeo Massimo De Luca, anticipando imminenti scenari. «Obiettivo immediato vincere lo spareggio del 22 settembre a Prato con la Came Dosson, per disputare la finale di Supercoppa italiana contro l’Acqua e Sapone». Nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo è intervenuto alla conferenza stampa di presentazione del roster azzurro Andrea Montemurro, presidente della Divisione Calcio a 5. «Il movimento del futsal sta crescendo in maniera esponenziale, anche grazie al Napoli: la nostra disciplina è risalita dal 137° al 18° posto nella tabella CONI. Il calcio a 5 deve entrare nelle case degli italiani». Rosa di rilievo internazionale con l'argentino Fernando Wilhelm, Campione del Mondo e Pallone d’Oro 2016, i quattro nazionali italiani Massimo De Luca, Francesco Molitierno, Nicolò Baron e Paolo Cesaroni. Ad aggiungere brillantezza e dinamicità i brasiliani Vinicius Duarte e Alemao, i croati Franco Jelovcic e Luka Peric e le giovani promesse provenienti dalle giovanili del Lollo Caffè Napoli Juri Bellobuono, Cristofaro Mennella, i fratelli Pasquale e Giuseppe Moccia. In prestito dalla Movistar Inter Cristian Rubio. E poi il nazionale rumeno Felipe Mancha e il Cholo Salas, capitano della nazionale paraguayana. Denota particolare attenzione e profonda vicinanza allo sport sul parquet Salvatore Gagliano, presidente del Comitato regionale della Federcalcio.

«Un onore sapere che la città capoluogo vanta una squadra competitiva nel massimo campionato nazionale. Quando cresce con onestà, correttezza, e lealtà sportiva, la Campania raggiunge livelli sempre più alti: ci auguriamo la conquista dello scudetto». Speranze, auspici, desideri tricolori. «Siete la punta di diamante del movimento. Lodevole l’idea di avvicinare i giovani, partendo dal basso. Urge, però, una location adeguata per l’attività agonistica», scandisce a chiare lettere Antonio Sarnelli, responsabile campano Calcio a 5. Recepisce il messaggio e raccoglie la richiesta di una sede all’altezza l’assessore allo sport del Comune di Napoli Ciro Borriello. «Oltre alla fortuna e agli episodi, i successi si costruiscono con solide fondamenta: siete la parte sana dello sport cittadino. C’è stato qualche problema con i fratelli più grandi”- chiara allusione alla vicenda San Paolo- “puntiamo sui fratelli più piccoli: aspettiamo lo scudetto. Ci sono gli ingredienti giusti: team costruito per vincere». Da sciogliere in fretta il nodo del Palazzetto dello Sport di Cercola, interessato dai lavori di adeguamento in vista delle Universiadi 2019. «Dovremo trovare dei modi per garantire la continuità del campionato senza interruzioni. Vanno ricercate azioni concrete. Vediamo se riusciamo a differire i lavori tra il PalaBarbuto e PalaCercola», osserva l’esponente della giunta de Magistris. A stretto giro le ristrutturazioni. «Andremo in affanno ma lavoriamo per trovare le soluzioni: sarà un anno di transizione». Gioca di sponda Montemurro sulle criticità impiantistiche. «Sono in contatto costante con il presidente del CONI Giovanni Malagò». Incrocia le dita il capitano De Luca. «Speriamo di avere almeno per i playoff disponibile il PalaBarbuto, casa per noi ideale». Di necessità virtù. Contro avversari e ostacoli il Lollo Caffè Napoli dispiegherà la sua forza. Una maglia, un popolo. Come il cielo, azzurro, sempre…..

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Bobo Vieri da «Song''e Napule» a New York
Video

Bobo Vieri da «Song''e Napule» a New York

  • Sport e integrazione a Napoli, le interviste

    Sport e integrazione a Napoli, le interviste

  • Dramma nello sport, muore Giada Dell'Acqua a 28 anni

    Dramma nello sport, muore Giada...

  • Ponte Morandi, gli Azzurri ricordano le vittime del 14 agosto

    Ponte Morandi, gli Azzurri ricordano le...

  • «Piatek chi?», i napoletani preferiscono Insigne

    «Piatek chi?», i napoletani...

  • Pallone d'Oro, nessun italiano tra i 30 candidati

    Pallone d'Oro, nessun italiano tra i 30...

  • Il messaggio del Napoli per gli Invictus Game

    Il messaggio del Napoli per gli Invictus Game

  • Ancelotti tifa per gli atleti dell'Esercito agli Invictus Game

    Ancelotti tifa per gli atleti...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT