ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Chi è Paola Egonu, la schiacciatrice
che sta trascinando l'Italia ai mondiali

Chi è Paola Egonu, la schiacciatrice che sta trascinando l'Italia ai mondiali

Si chiama Paola Egonu la star della nazionale italiana di pallavolo femminile, che domani si gioca il titolo di campione del mondo in finale con la Serbia. Classe '98, la schiacciatrice è nata a Cittadella da genitori nigeriani. Paola ha dichiarato di sentirsi totalmente "afroitaliana", perché «un'appartenenza non esclude l'altra». Il legame con la famiglia è fortissimo: «Papà è come una casa, mamma come un pupazzetto». Torna in Nigeria una volta l'anno, dove c'è il nonno ad attenderla: «Lui pensa che le ragazze non dovrebbero portare pantaloncini troppo corti e, infatti, gli dà da fastidio l’abbigliamento pallavolistico».
 


Paola va in chiesa e non ha tatuaggi perché: «Il corpo è un dono del signore e bisogna prendersene cura al meglio». E poi c'è la pallavolo, la sua grande passione. Comincia a giocare a 12 anni, muovendo i primi passi nella città dove è nata, prima di approdare nel 2013 al Club Italia, che ha coltivato e fatto sbocciare il suo immenso talento. In quattro anni con la società della federazione ha esordito in Serie B1, fino ad arrivare in A1, dove ha realizzato il record assoluto di punti in una sola partita (46). La potente schiacciata è il suo marchio di fabbrica. Dal 2017 gioca nell'Agil Novara, sua attuale squadra. La carriera in nazionale è da predestinata. Nel 2015 con l'Under 18 vince l'oro mondiale, venendo anche eletta miglior giocatrice dell'edizione. Ha conquistato anche un bronzo con l'Under 20 e nel 2016, a 17 anni, ha giocato da titolare le Olimpiadi a Rio con la nazionale maggiore.

Adesso sta trascinando l'Italvolley rosa ai mondiali in Giappone, dove potrebbe conquistare il titolo che manca alle azzurre dal 2002. In semifinale contro la Cina ha stabilito il record di punti in una sola partita di un mondiale: la schiacciatrice ha piazzato a terra 45 punti (39 attacchi col 44% in fase offensiva, 5 aces, 1 muro). Alta 189 centimetri, salta (e schiaccia) fino a 3,44 metri d'altezza. Il futuro della pallavolo italiana è in ottime mani. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



MotoGp, Dovizioso vince sotto l'acqua a Valencia
Video

MotoGp, Dovizioso vince sotto l'acqua a Valencia

  • I Dorados di Maradona ai playoff, la festa negli spogliatoi

    I Dorados di Maradona ai playoff, la festa...

  • Italia-Portogallo, Jorginho in fiducia: «Siamo sulla strada giusta»

    Italia-Portogallo, Jorginho in fiducia:...

  • MacauGP, l'incidente di Sophia Floersch

    MacauGP, l'incidente di Sophia Floersch

  • Napoli, Insigne: «Ancelotti? L'ho incontrato troppo tardi»

    Napoli, Insigne: «Ancelotti? L'ho...

  • Insigne: «Col Portogallo non è impossibile, la nazionale deve fare risultato»

    Insigne: «Col Portogallo non è...

  • «Momento difficile», la moglie Corinna rompe il silenzio e svela dettagli sulla salute di Schumacher

    «Momento difficile», la moglie...

  • Scandalo Chiellini, nel selfie con Ronaldo spunta un dettaglio intimo anche su CR7

    Scandalo Chiellini, nel selfie con Ronaldo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
felipe
2018-10-19 14:32:59
Paola Egonu si sente "afroitaliana", ma aggiunge italiana solo per rispetto nei confronti del Paese in cui è nata. In realtà Paola Egonu è un'atleta africana! Prendiamo atto che il Mondo sportivo, ma anche quello musicale, in attesa degli altri settori d'interesse umano, è ormai stabilmente preda degli atleti africani. In ogni parte del mondo e in qualsiasi attività sportiva gli atleti africani dominano e sono vincenti. E lo saranno fino a quando la costante contaminazione del loro territorio e della loro cultura non avrà esaurito l'intera sua carica distruttiva.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT