ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Basket, la stagione parte
a Brescia con la Supercoppa

La stagione del basket parte
a Brescia con la Supercoppa

Quattro squadre per una coppa. Anzi la Supercoppa targata Zurich Connect, trofeo che apre domani la stagione della pallacanestro italiana a sette giorni dalla prima di campionato. Brescia, Milano, Torino e Trento sono pronte a sfidarsi al Pala Leonessa, il nuovo impianto della città di Brescia da tutti già considerato un gioiello. “I partecipanti a questo primo torneo della stagione hanno un denominatore comune e costituiscono un importante esempio per tutti, l’impianto di gioco – ha sottolineato Egidio Bianchi, presidente di Lega Basket nella conferenza stampa di presentazione - Milano ha un impianto importante come il Forum. Torino ha lasciato il Pala Ruffini per traslocare in un palazzetto più capiente ed attrattivo come il Pala Vela. Trento ha già migliorato il suo impianto e lo aumenterà ulteriormente di capienza anche grazie alla nuova sponsorizzazione. E Brescia ha appena inaugurato il Pala Leonessa. Come Lega, puntiamo a questo aspetto all’interno di un progetto a medio e lungo termine”.

La risposta sembra già essere convincente: ad oggi sono stati venduti quasi l’80 per cento dei biglietti e si va verso il tutto esaurito per la finale di domenica, in programma alle ore 18 e anticipata dallo spettacolo musicale de “Lo Stato Sociale e “Altre di B”. Gianmarco Tamberi, primatista italiano di salto in alto e grande appassionato di basket, sarà il testimonial. E’ l’edizione numero 24, la squadra che ha vinto più volte è Siena con sei titoli (più uno revocato), Milano ha vinto le ultime due edizioni ed è sempre finalista dal 2014. Si punta al tris, senza affanno pensando ai veri obiettivi, campionato ed Eurolega, ma aprire la stagione con una vittoria sarebbe un ottimo viatico per le scarpette rosse.

ORE 18: Fiat Torino – Dolomiti Energia Trento

La squadra torinese ha vissuto la passata stagione con incredibili alti e bassi. Ha vinto la Coppa Italia con un allenatore, Galbiati, promosso capo tre giorni prima, poi ha fallito l’appuntamento con i play off pur avendo le qualità per disputarli. Ora sulla panchina è arrivato Larry Brown, leggenda del basket statunitense, un titolo Nba con Detroit, e chiamato ad una vera e propria rivoluzione. Si riparte da Carlo Delfino, espertissimo giocatore di livello mondiale, ma che nelle ultime due stagioni ha giocato pochissimo. James McAdoo, ex Warriors e parente di quel Bob visto a Milano negli anni 80, è l’altro nome forte. Poi Poeta e Cusin a dare esperienza. E’ tutto da costruire, una vittoria in Supercoppa potrebbe aprire nuove prospettive. Anche Trento, presente nelle ultime due finali scudetto ma sconfitta entrambe le volte, ha dato vita ad una rivoluzione. Piccola, ma importante. Via Sutton e Shields sono tornati Marble e soprattutto Pascolo. I serbi Radicevic e Jovanovic rappresentano due scommesse su giocatori giovani ma già esperti e quotati in Europa. Capitan Forray, all’ottava stagione in maglia trentina e simbolo della storia dell’Aquila dalla B1 alla finale scudetto, suona la carica: è ora di provare a vincere qualcosa.

Ore 20.45: Armani Exchange Milano – Germani Brescia

L’Olimpia, come detto, sembra essere la favorita d’obbligo, avendo confermato l’ossatura della passata stagione con la quale ha vinto lo scudetto e aggiungendo in squadra giocatori di altissimo livello. Mike James su tutti, uno dei migliori play maker in Europa, poi Nedovic che a Malaga ha dimostrato tutto il suo talento. Jeff Brooks, naturalizzato italiano per matrimonio, e Della Valle sono due innesti che permettono copertura nelle rotazioni in tutti i ruoli. La Leonessa Brescia ha invece cambiato quasi tutto il roster e, dopo la storica passata stagione, semifinale scudetto e finale di Coppa Italia persa contro Torino all’ultimo tiro, è chiamata a confermarsi. Si affaccia in una coppa europea per la prima volta della sua storia e questo è un grande stimolo per tutto l’ambiente. Confermati i soli Moss, Brian Sacchetti e Luca Vitali, i nuovi italiani di qualità scelti da coach Diana sono Zerini, Abass, Laquintana e Ceron. Hamilton, Mika e Byron Allen i nuovi stranieri che devono subito entrare nel meccanismo e garantire qualità. Giocare in casa può essere uno stimolo, ma Milano è forse l’avversario più difficile. La Leonessa, però, è pronta per stupire ancora.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Bobo Vieri da «Song''e Napule» a New York
Video

Bobo Vieri da «Song''e Napule» a New York

  • Sport e integrazione a Napoli, le interviste

    Sport e integrazione a Napoli, le interviste

  • Dramma nello sport, muore Giada Dell'Acqua a 28 anni

    Dramma nello sport, muore Giada...

  • Ponte Morandi, gli Azzurri ricordano le vittime del 14 agosto

    Ponte Morandi, gli Azzurri ricordano le...

  • «Piatek chi?», i napoletani preferiscono Insigne

    «Piatek chi?», i napoletani...

  • Pallone d'Oro, nessun italiano tra i 30 candidati

    Pallone d'Oro, nessun italiano tra i 30...

  • Il messaggio del Napoli per gli Invictus Game

    Il messaggio del Napoli per gli Invictus Game

  • Ancelotti tifa per gli atleti dell'Esercito agli Invictus Game

    Ancelotti tifa per gli atleti...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT