ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Golden State risponde ai Lakers:
preso Cousins, Warriors imbattibili

Golden State risponde ai Lakers: 
preso Cousins, Warriors imbattibili

Con lo storico arrivo di LeBron James i Lakers si sono senza dubbio guadagnati il premio per l'operazione di mercato più importante dell'estate Nba. Ma, mentre il presidente Magic Johnson continua ad allestire il supporting cast e annuncia l'arrivo in cabina di regia di Rajon Rondo (anche per lui contratto annuale, da 9 milioni), i campioni in carica di Golden State piazzano la zampata che virtualmente chiude in partenza i giochi per il titolo 2018-2019. Con un lavoro da manuale, i Warriors riescono a portare in California DeMarcus Cousins, che lascia New Orleans, sostituito proprio da quel Julius Randle sacrificato dalla Los Angeles gialloviola.

L'arrivo del lungo, quattro volte All Star, aumenta a dismisura il potenziale dei bicampioni in carica che piazzano così un campione anche nell'unico ruolo in cui finora avevano schierato giocatori funzionali, spesso importanti per le vittorie, ma non appartenenti alla categoria dei top player. Gruppo nel quale, al contrario, Cousins ha pieno diritto di cittadinanza. Nella stagione appena conclusa, ha viaggiato a 25 punti e quasi 13 rimbalzi di media, prima dell'infortunio al tendine di Achille che ne ha chiuso anzitempo la stagione. L'infortunio, comunque il primo della carriera per un giocatore di 27 anni, è l'unica incognita: Cousins non rientrerà prima di dicembre o gennaio e la sua tenuta fisica sarà tutta da verificare. Ma escludendo ricadute, il giocatore avrebbe tutto il tempo per inserirsi nel sistema di coach Kerr e per arrivare pronto a quelli che potrebbero essere i primi playoff della sua carriera. Giocatore completo, in grado sia di lottare sotto canestro che di colpire dall'arco, Cousins va a completare il quintetto tutto All Star di Golden State. Che ora potrà contare su Curry e Thompson nel reparto guardie, Durant e Green come ali e il neoacquisto da centro titolare. L'ultima formazione interamente composta da All Star è stata quella dei Boston Celtics nella stagione 1975-76. 

Cousins ha firmato un contratto annuale, da 5.3 milioni di dollari: un capolavoro della dirigenza Warriors che, da un lato, ha approfittato delle richieste limitate del giocatore e dello scetticismo degli altri club, proprio per via dell'infortunio, e, dall'altro, ha lavorato bene con i propri rinnovi: i milioni del contratto di Cousins sono proprio quelli che Kevin Durant ha scontato alla sua franchigia, accettando un contratto da 30 milioni, in luogo del massimo da 35 che gli sarebbe comunque “spettato”. Fatto sta che con Cousins al top in campo, Golden State diventa praticamente imbattibile. I nuovi Lakers di LeBron dovranno aspettare almeno la prossima stagione, quando diventeranno free agent altri pezzi pregiati della Nba come Kyrie Irving e Klay Thompson


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Karnezis presenta il ritiro del Napoli in Trentino
Video

Karnezis presenta il ritiro del Napoli in Trentino

  • Nazionale, Barella: «Bello e facile giocare con Jorginho e Verratti»

    Nazionale, Barella: «Bello e facile...

  • Futsal, il super derby Napoli-Eboli

    Futsal, il super derby Napoli-Eboli

  • Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni

    Italdonne, storico secondo posto nel Sei...

  • Nazionale, Mancini: «Ora le gare contano, cerchiamo risultati importanti»

    Nazionale, Mancini: «Ora le gare...

  • Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con Kessie ci siamo chiariti»

    Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con...

  • Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo all’asilo, se avessi visto mi sarei buttato nella mischia»

    Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo...

  • Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

    Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT