ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Cristiano Ronaldo alla Juventus,
la lettera d'addio al Real Madrid

Cristiano Ronaldo alla Juventus, la lettera d'addio di CR7 al Real Madrid

«Questi anni nel Real Madrid, e in questa città di Madrid, sono stati forse i più felici della mia vita». Inizia così la lettera d'addio di Cristiano Ronaldo ai blancos dopo l'ufficialità del suo trasferimento alla Juventus. Parole commoventi da parte di CR7 nei confronti della gloriosa società spagnola con la quale ha vinto 4 delle ultime 5 Champions League oltre a tantissimi altri trofei.

 

«Ho solo sentimenti di enorme gratitudine per questo club - prosegue nella lettera pubblicata sul sito ufficiale del Real Madrid - per questo hobby e per questa città. Posso solo ringraziare tutti loro per l'amore e l'affetto che ho ricevuto»
 
«Tuttavia - dice il Pallone d'Oro - credo che sia giunto il momento di aprire una nuova fase nella mia vita ed è per questo che ho chiesto al club di accettare il mio trasferimento. Mi sento così e chiedo a tutti, e specialmente ai nostri seguaci, di comprendermi. Sono stati assolutamente meravigliosi per 9 anni. Sono stati 9 anni unici. È stato un momento emozionante per me, pieno di considerazione ma anche duro perché il Real Madrid richiede molto, ma so bene che non dimenticherò mai di aver goduto del calcio qui in un modo unico»
 
«Ho avuto favolosi compagni di squadra nel campo e nello spogliatoio - sottolinea il portoghese - ho sentito il calore di una folla incredibile e insieme abbiamo vinto 3 Champions di fila e 4 in 5 anni. E con loro anche, a livello individuale, ho la soddisfazione di aver vinto 4 Palloni d'Oro e 3 Gold Boots, tutto durante il mio tempo in questo club immenso e straordinario. Real Madrid ha vinto il mio cuore, e la mia famiglia, in modo più che mai voglio per dire grazie voi : ringraziare la società, il presidente, i direttori, i miei colleghi, tutti i tecnici, i medici, fisioterapisti e operatori incredibili che fanno funzionare tutto e che sono in attesa di ogni dettaglio senza sosta». 
 
«Grazie infinite ancora una volta ai nostri fan e grazie anche al calcio spagnolo
- conclude CR7 - Durante questi 9 eccitanti anni ho avuto grandi giocatori di fronte a me. Il mio rispetto e il mio riconoscimento per tutti loro. Ho riflettuto molto e so che è giunto il momento per un nuovo ciclo. Me ne vado, ma questa maglietta, questo scudo e il Santiago Bernabéu continueranno a sentirsi sempre i miei ovunque io sia. Grazie a tutti e, naturalmente, come ho detto la prima volta nel nostro stadio 9 anni fa: Hala Madrid!»


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Napoli, Insigne: «Ancelotti? L'ho incontrato troppo tardi»
Video

Napoli, Insigne: «Ancelotti? L'ho incontrato troppo tardi»

  • Insigne: «Col Portogallo non è impossibile, la nazionale deve fare risultato»

    Insigne: «Col Portogallo non è...

  • «Momento difficile», la moglie Corinna rompe il silenzio e svela dettagli sulla salute di Schumacher

    «Momento difficile», la moglie...

  • Scandalo Chiellini, nel selfie con Ronaldo spunta un dettaglio intimo anche su CR7

    Scandalo Chiellini, nel selfie con Ronaldo...

  • Grassi: «Penso al Parma ma sogno Ancelotti. In Champs ho tifato Napoli»

    Grassi: «Penso al Parma ma sogno Ancelotti....

  • Calcio, Panchina d'Oro 2018 a Massimiliano Allegri

    Calcio, Panchina d'Oro 2018 a...

  • Mancini: «Italia guarita? Non è mai stata malata»

    Mancini: «Italia guarita? Non è...

  • Pino Taormina, il punto da Coverciano

    Pino Taormina, il punto da Coverciano

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
felipe
2018-07-10 19:19:14
Dopo i 105 milioni (di lire) per Jeppson (1952), ora è la volta dei 105 milioni (di euro) per Cristiano Ronaldo. Possiamo dunque affermare che il Napoli di Lauro si è piazzato PRIMA della Juve di Agnelli nei grandi acquisti. Ma i tempi sono cambiati: il glorioso Banco di Napoli è stato fagocitato dal Banco San Paolo di Torino; la Juve è diventata una Società quotata in borsa che, per livello di fatturato, si è molto avvicinato ai più ricchi Club del mondo, ed il Napoli è rimasto un piccolo, seppure sano Club a conduzione familiare. Il Napoli pertanto non può pensare di confrontarsi con simile avversaria; meglio allora evitare le solite, inutili polemiche, come quelle innescate da Sarri nello scorso Campionato, ma cercare di batterla unicamente sul terreno di gioco, dove la indiscussa superiorità societaria può essere annullata dagli 11 giocatori in campo.Temo però che, con l'arrivo di CR7 e non solo, in Campionato vi sarà lotta solamente dal secondo posto in giù....

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT