ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

L'Italia femminile gioca contro i pregiudizi

L'Italia femminile gioca contro i pregiudizi

Sorelle d’Italia, l’Italia s’è desta. E finalmente! Per troppo tempo un Paese che vive di pallone si è girato colpevolmente dall’altra parte parlando di calcio femminile. Oggi però l’Italia del ct Bertolini è a Parigi pronta a scalare il Mondo abbattendo i pregiudizi. Altro che tacchi e gonne. Di strada da quel terribile «sono quattro lesbiche», pronunciato dall’ex numero uno dei Dilettanti, Felice Belloli, ne è stata fatta tantissima. Quattro anni in cui le nostre azzurre si sono prese l’attenzione di un Paese ancora troppo indietro (24 mila tesserate contro il milione degli Stati Uniti). Lo hanno fatto grazie al carattere. Quello che in questi giorni di ritiro francese non hanno mai nascosto. Anzi, ne hanno fatto una bandiera da sventolare in faccia alle discriminazioni. L’attesa durata 20 anni è finita. Oggi alle 13 il debutto contro l’Australia. Laura, Alia, Sara, Elena, Elisa, Valentina, Aurora, Manuela, Ilaria, Cristiana e Barbara schierate in campo. In panchina con il ct Milena tutte le altre pronte ad entrare. In tribuna ci sarà anche Cecilia (Salvai) che questo Mondiale avrebbe dovuto viverlo da protagonista se il crociato no l’avesse tradita. Anche il numero uno della Figc, Gabriele Gravina e il dg Marco Brunelli saranno presenti allo Stade du Hainaut di Valenciennes. 

EMOZIONE E VOGLIA
Un esordio non semplice quello con le “Matildas”, sono soprannominate così le calciatrici dell’Australia sulla scia della ballata folk “Waltzing Matilda” (una sorta di inno nazionale ufficioso). Dal 1995 non saltano una edizione della fase finale dei mondiali. Una squadra esperta, soprattutto a centrocampo, ma anche con tante giovani. La stella è Samantha Kerr, 25 anni. Attaccante letale, vanta 77 presenze in Nazionale e 31 gol. Ma nonostante tutto le Matildas hanno già detto di temere le nostre azzurre. «Se ci temomo, vuol dire abbiamo fatto passi avanti» ha sottolineato il ct dell’Italia, Bertolini. Poi un messaggio alle ragazze del ‘99: «Se siamo qui è anche merito loro che hanno tenuto duro nei momenti più difficili». Emozione speciale anche per la capitana delle azzurre, Sara Gama: «Siamo piene di voglia di giocare, siamo pronte. Bisognerà scendere in campo con umiltà e determinazione». Forza Azzurre è il vostro momento. L’Italia chiamò.


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Roma, il neo-allenatore Fonseca a Villa Stuart per le visite mediche
Video

Roma, il neo-allenatore Fonseca a Villa Stuart per le visite mediche

  • Mondiali, Cina KO: l'Italia vola ai quarti di finale

    Mondiali, Cina KO: l'Italia vola ai...

  • Mondiali femminili, Bertolini: «Cina avversario molto forte»

    Mondiali femminili, Bertolini: «Cina...

  • Olimpiadi 2026, l'attesa e poi l'urlo di gioia a Milano

    Olimpiadi 2026, l'attesa e poi...

  • Olimpiadi 2026 Milano-Cortina, la delegazione italiana arriva al CIO a Losanna

    Olimpiadi 2026 Milano-Cortina, la...

  • Olimpiadi 2026, la delegazione svedese arriva a Losanna

    Olimpiadi 2026, la delegazione svedese...

  • Roma, Fonseca atterrato a Fiumicino

    Roma, Fonseca atterrato a Fiumicino

  • F1, Gp Francia: pole position di Lewis Hamilton

    F1, Gp Francia: pole position di Lewis...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT