ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Juve, Allegri non si fida dell'Inter:
«Non abbiamo ucciso il campionato»

Juve, Allegri non si fida dell'Inter:
«Non abbiamo ucciso il campionato»

Massimiliano Allegri ci prova. “Per noi è più importante la sfida contro lo Young Boys. Non abbiamo ancora ammazzato il campionato, la battaglia sarà ancora lunga”. Ma le sensazione è che soprattutto in caso di risultato positivo domani sera allo Stadium le speranze delle inseguitrici sarebbero ridotte al minimo. Il Derby d’Italia è lo spot perfetto per il campionato: “E’ una di quelle partite che non bisogna preparare a livello di motivazioni, come una grande sfida di Champions. Loro davanti hanno un finalizzatore straordinario, Icardi, noi dobbiamo migliorare in compattezza”. Torna a disposizione Emre Can, fuori Barzagli e Alex Sandro, in dubbio Bentancur per un fastidio alla schiena.

30 VITTORIE – “In questo momento i numeri dicono che la Juve ammazza il campionato, ma non abbiamo ancora ammazzato niente. E il campionato non va ucciso, ma vinto. E servono numeri e punti, ci vogliono 30 vittorie. E’ normale che tutti tifino contro la Juve perché il Napoli è in turno favorevole e potrebbe avvicinarsi, ma ci sarà battaglia ancora a lungo. Mercoledì ci giochiamo molto, domani ci giochiamo una partita. Mercoledì possiamo prenderci il primo posto, un vantaggio importante vedendo gli altri gironi”.

DUBBIO BENTA – “Non so ancora se De Sciglio o Cancelo giocheranno a destra e a sinistra o viceversa. Emre Can sarà convocato, sta  bene, magari giocherà qualche minuto. Bentancur ha un problema alla schiena, se mi manca lui o butto dentro subito Emre o cambio modo di giocare. In difesa stanno tutti bene, a parte Barzagli. Nel caso non ci sia Bentancur o si gioca a due o metto dentro Emre, non ci sono altre soluzioni. Cuadrado mezz’ala? Ci può stare. Cuadrado al posto di Bentancur ci può stare, ma a quel punto dovrei cambiare i tre davanti”.

ANCELOTTI SPERA – “Ancelotti giustamente dice che il Napoli ha grandi chance. Innanzitutto perché abbiamo ancora scontri diretti, due con l'Inter e poi il ritorno con il Napoli, quindi sono 9 punti che ballano. La classifica si potrebbe accorciare, così come si potrebbe allungare ovviamente. Il Napoli l'anno scorso ha fatto 91 punti se non sbaglio. Il Napoli è pericoloso, pericolosissimo, perché ha qualità tecniche e grande esperienza in panchina. L'Inter è una squadra in continua crescita con un allenatore molto bravo e giocatori tecnici come Icardi, Perisic, Politano, Joao Mario e Brozovic, è una squadra seria”.

DUBBIO 4-4-2 – “L'equilibrio va ancora trovato. O meglio, va migliorato. Perché se cominciamo a spaccare le partite in due diventa un problema. Col tridente capita poi che tre rimangono tagliati fuori dal gioco, sette devono difendere e si fa fatica a difendere. Quindi bisogna ritrovare una compattezza migliore di quella avuta finora. In questo momento è la cosa che non va bene”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Ancelotti e calciatori show: la cena del Napoli
Video

Ancelotti e calciatori show: la cena del Napoli

  • E Mertens intona (insomma) "Oh happy day"

    E Mertens intona (insomma) "Oh happy...

  • Cena del Napoli, Anastasio canta con Hysaj e Verdi

    Cena del Napoli, Anastasio canta con Hysaj e...

  • L'arrivo alla cena degli Ancelotti, dei giocatori e di De Laurentiis

    L'arrivo alla cena degli Ancelotti, dei...

  • Anastasio, il trionfatore di X Factor 2018 alla cena del Napoli

    Anastasio, il trionfatore di X Factor 2018...

  • Cagliari-Napoli 0-1, il commento di Roberto Ventre

    Cagliari-Napoli 0-1, il commento di Roberto...

  • Napoli, folla e ressa di turisti al centro storico

    Napoli, folla e ressa di turisti al centro...

  • Cagliari-Napoli, il pronostico dei tifosi

    Cagliari-Napoli, il pronostico dei tifosi

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
enzo57
2018-12-07 16:19:28
Ormai e’ da anni che molti campionati europei ancor prima di cominciare siano gia’ finiti!! E non c’e’ cosa peggiore nello sport, che si sappia chi vinca ancor prima di cominciare. Il Real Madrid e il Barcellona in Spagna, il Bayern Monaco in Germania, la Juventus in Italia, il PSG in Francia, l’Ajax in Olanda etc, sono la conferma di tutto cio’. Pertanto le dichiarazioni di Allegri e di tutti quelli che, come lui, si arricchiscono grazie al calcio, servono soltanto ad illudere la gente e ad alimentare il business del calcio. La cosa piu’ sensata che l’UEFA dovrebbe fare, sarebbe quella di istituire un super campionato europeo ove far transitare tutte queste super squadre. Sportivamente parlando, sarebbe un bene per loro (almeno cosi’ si potrebbero misurare con rivali di pari valore) e per tutti i campionati nazionali che senza la loro presenza diventerebbero davvero avvincenti. Peccato pero’ che il”business”che e’ l’antagonismo dello sport, non permetta cio’.
carrispos
2018-12-06 18:52:15
La Juve, comprando il meglio sul mercato, già ha ammazzato il campionato. Della serie "ti piace vincere facile?" Così come gli analoghi top club europei: Real, Brcellona. Manchester, ecc..

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT