ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Mondiale femminile, Italia in testa
al girone: «Ma non è calcio»

Mondiale femminile, Italia in testa
al girone: «Ma non è calcio»

Nonostante qualcuno ancora ritenga che il calcio femminile sia uno sport minore rispetto a quello maschile, le azzurre ce la mettono tutta per dimostrare il loro valore e dopo la prima sconfitta dell’anno solare restano in testa al girone proseguendo a testa alta nel Mondiale. «Grande impegno e professionalità in queste ragazze che sono in grado di regalare fortissime emozioni a tutta l'Italia», «Una sconfitta immeritata ma indolore per un rigore dubbio concesso al Brasile», «Questa nazionale avrebbe meritato almeno un pareggio, ma ci sta donando enormi soddisfazioni», commentano in tanti sui social.

Non mancano però gli attacchi: «Le donne non sanno nulla di calcio, figurati a giocarlo», «C’è un abisso fra una partita di calcio giocata da uomini e una giocata da donne. Quello che chiamate calcio femminile è uno sport inutile, lento, noioso, poco tecnico e poco fisico. Non paragonate, il calcio è roba da uomini». Le azzurre però rispondono sul campo dando uno schiaffo al mondo maschilista e dimostrando nei fatti che dopo la delusione della nazionale maschile loro possono lottare ad alti livelli. Eppure la discriminazione si sente anche attraverso il comune linguaggio talvolta inconsapevolmente sessista diffuso tanto nelle piazze virtuali quanto in quelle reali: «L’uguaglianza di genere è ancora lontana, in tanti ancora sono aggrappati all’idea che il calcio sia una roba da uomini», «Troppi cliché ora che si sta cercando di creare interesse per il calcio femminile», «Una mentalità retrograda che ha radici dure a morire», replicano le numerose appassionate di calcio.

E in effetti è ancora considerato strano che una bambina voglia giocare a calcio o che più in generale una donna si appassioni a questo sport e che ne voglia parlare in maniera tecnica al pari di un uomo. Se fecero tanto discutere le parole di Collovati, il suo pensiero resta tuttavia più diffuso di quanto si immagini camuffato da falso senso di giustizia e uguaglianza: in realtà resta impregnata l’arroganza maschilista intorno al pallone. «Basti pensare che la Federcalcio ha delle leggi assolutamente sessiste e misogine che puntano a mandare avanti solo il calcio maschile. Quando gioca sia la squadra maschile che quella femminile il campo da calcio e l’ordine di gioco vanno sempre a favore delle squadre maschili anche quando queste ultime giocano per riconoscimenti minori, continuando a favorire anche mediaticamente la diffusione solo del calcio giocato da uomini», fanno notare sulle pagine social dedicate al calcio femminile.

E ad alzare la voce ci aveva pensato negli ultimi giorni anche Marta, la numero 10 brasiliana che col suo tiro dal dischetto ha beffato Laura Giuliani superando il record di reti segnate in un Mondiale che apparteneva a Klose, finora miglior goleador della storia a quota 16 gol. Diventata fonte d’ispirazione per migliaia di ragazze e bambine che si avvicinano a questo sport, proprio lei si batte da tempo per l’eguaglianza fra uomo e donna - come testimoniano i suoi scarpini – e non rinuncia alla sua femminilità: ne è un esempio il vistoso rossetto esibito anche contro l’Italia mentre disegnava calcio sul rettangolo verde, quasi a voler sfidare chi dice che è un gioco solo per uomini. «Una grande donna e professionista», «Può insegnare tecnica a qualsiasi uomo», si legge sui suoi profili social. «Le ovvie differenze fisiche e atletiche fra i due sessi che in ogni disciplina ci sono e persistono da secoli non dovrebbero rendere uno di Serie A e l’altro di Serie B».

Intanto impazza l’hashtag #RagazzeMondiali e in una partita difficile e avvincente come quella col Brasile seguita su Sky e sulle reti Rai, non possono che arrivare una marea di applausi per la gestione della gara: «Questa squadra meritava di vincere, ma va bene così; è più forte anche della Francia, può arrivare lontano». Così oltre le polemiche in tanti preferiscono godersi lo spettacolo. Perchè in realtà il calcio dovrebbe unire, rompere le barriere, allargare i confini: «Brave ragazze… il calcio è di tutti».

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA






De Ligt si presenta: «Orgoglioso di come mi hanno accolto i tifosi della Juve»
Video

De Ligt si presenta: «Orgoglioso di come mi hanno accolto i tifosi della Juve»

  • Perin infortunato, torna Alla Juventus

    Perin infortunato, torna Alla Juventus

  • Buon esordio per la Roma di Fonseca: 12-0 al Tor Sapienza

    Buon esordio per la Roma di Fonseca: 12-0 al...

  • Simona Halep mostra il trofeo di Wimbledon nello stadio di Bucarest

    Simona Halep mostra il trofeo di Wimbledon...

  • Napoli a Dimaro con Alessio, dal campo al ristorante

    Napoli a Dimaro con Alessio, dal campo al...

  • Napoli, bagno di folla a Dimaro per il magazziniere Starace

    Napoli, bagno di folla a Dimaro per il...

  • Juventus, De Ligt lascia il J-Medical: ora la firma

    Juventus, De Ligt lascia il J-Medical: ora...

  • Matytsin in campo per beneficenza: dalle Universiadi ai bimbi di Marano

    Matytsin in campo per beneficenza: dalle...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
Amus
2019-06-19 16:10:57
Sarà ma io ieri sera mi sono annoiato il calcio anche per me rimane uno sport per uomini dove velocità e forza fisica specie con il calcio moderno sono cose che al gentilsesso poco si adattano da premettere che non sono un maschilista.
aurobindo
2019-06-19 16:09:26
qualunque cosa di cui si discuta non avrà mai l'approvazione del 100% delle persone. Direi che sarebbe corretto dire che il calcio femminile sta enormemente migliorando e lo si nota dal fatto che la Nazionale di questo mondiale è seguitissima

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT