ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Cannavaro jr fa il tifo per Insigne:
«Spero diventi il Totti del Napoli»

Cannavaro jr fa il tifo per Insigne: 
​«Spero diventi il Totti del Napoli»

Un amore senza fine quello che lega Paolo Cannavaro a Napoli. La sua città ma anche il posto dove avrebbe voluto vivere a pieno la sua passione, il calcio. Ora la nuova avventura in Cina insieme al fratello Fabio, ma le origini non si dimenticano mai. «Amo Napoli, mi manca la mia città e sono certo che tornerò e morirò lì», ha raccontato l’ormai ex calciatore ai microfoni di Sky. Da poco ha smesso di vestire la maglia del Sassuolo dicendo addio al calcio giocato, ma ci sono dei ricordi, delle emozioni, che rimarranno per sempre impresse nel suo cuore e nella sua testa: «Ho deciso di smettere perché ho ritenuto fosse il momento adatto. Ora inizierò la carriera da allenatore con Fabio. Non ho vinto tanto, ma quella Coppa Italia alzata con il Napoli per me ha un sapore unico. Nell'ultimo anno di Mazzarri ho veramente sperato di poter vincere lo Scudetto con il Napoli, eravamo una squadra che nel corso degli anni era cresciuta tanto, molti giocatori erano già da considerarsi veri campioni. Sarebbe stato stupendo ed unico vincere lo scudetto con la maglia della mia città».

Un sogno legato a quella maglia però resta vivo, e anche la speranza, si sa, è l’ultima a morire: «Mi piacerebbe  tornare a lavorare nel Napoli sotto altra veste. Napoli per me è tutto». Di tira e molla con il club, in fondo, ce ne sono stati parecchi nella storia del difensore della Loggetta. Cresciuto nel vivaio, dopo le esperienze in prima squadra lasciò il capoluogo campano per vestire i colori del Parma e del Verona, prima del ritorno in azzurro, dove è rimasto per ben otto anni. «All’epoca Fedele mi telefonò e mi disse che c'era la possibilità di tornare perché Marino mi voleva. Senza alcun dubbio dissi subito sì. Volevo assolutamente tornare a giocare nel Napoli. Sul mio corpo è tatuata la data della promozione in Serie A. Con i tifosi ho sempre avuto un rapporto eccezionale», ha raccontato Paolo. Ma ci sono stati anche momenti grigi durante il cammino: «Una ferita dolorosa però, che ricordo ancora con tristezza, fu  un match al San Paolo contro il Torino: venivamo da tre mesi difficili, fui tremendamente fischiato dai tifosi ogni volta che toccavo il pallone. Chiesi a Contini di passarmi palla e sbagliai, sparai il pallone in tribuna. In quel momento però non riuscivo a capire perché i tifosi fischiavano proprio un napoletano, non me lo meritavo. Tuttavia da quell’istante mi sono svegliato e ho cercato di fare ancora meglio. Così sono stato ancora più amato dai tifosi». Poi l’addio, anche quello un momento triste: «Dopo sette anni e mezzo capii che non ero nei piani del nuovo allenatore, Benitez. A 32 anni allora fui costretto con grande dispiacere di lasciare la squadra».

Ma le avventure nel calcio sono tante, e l’esperienza lo ha talvolta messo davanti a grandi campioni: «Il giocatore più forte che ho incontrato nella mia carriera credo proprio sia Buffon: è davvero impressionante. Un calciatore che invece ritengo sfortunato e che forse avrebbe potuto vincere addirittura il Pallone d'oro è Adriano».

Oggi intanto al Napoli un altro napoletano vuole scrivere la storia: Lorenzo Insigne. «Auguro al mio compaesano di diventare il Totti di Napoli, quello che avrei voluto essere io. È un talento eccezionale e la società dovrebbe preservarlo. Lo paragonai subito ad Ortega, uno di quei giocatori che fanno innamorare immediatamente. E anche caratterialmente deve restare così: è un giocherellone. Gli auguro grandi cose».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Inter, Spalletti: «Juventus? San Siro deve tifare per l'Inter»
Video

Inter, Spalletti: «Juventus? San Siro deve tifare per l'Inter»

  • Juventus, il giorno dopo di Allegri: «Nel calcio niente è scontato, sarà un bel finale di stagione»

    Juventus, il giorno dopo di Allegri:...

  • Juve-Napoli, Decibel Bellini apre la festa allo Stadium

    Juve-Napoli, Decibel Bellini apre la festa...

  • L'urlo di New York al goal di Koulibaly

    L'urlo di New York al goal di Koulibaly

  • Napoli, metropolitana ferma: ma dagli altoparlanti parte il coro da stadio

    Napoli, metropolitana ferma: ma dagli...

  • Napoli, la gioia di Insigne: «È tre anni che lavoriamo per questo sogno»

    Napoli, la gioia di Insigne: «È...

  • Juve-Napoli, le reazioni dei tifosi al gol di Koulibaly

    Juve-Napoli, le reazioni dei tifosi al gol...

  • Juve battuta, le voci dei tifosi napoletani in estasi

    Juve battuta, le voci dei tifosi napoletani...

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT