ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Show del Sassuolo, Genoa ko 2-0
Protagonisti Politano e Defrel

Show del Sassuolo, Genoa ko 2-0
Protagonisti Politano e Defrel

Sassuolo-Genoa, ovvero il confronto fra due delle squadre più spettacolari d’Italia, si risolve a favore dei neroverdi, sconfitti solo dalla Juve e a tavolino dal Pescara, in questi 50 giorni di loro stagione molto europea. Il primo tempo è equilibrato, poi si scatenano gli attaccanti emiliani, esattamente come giovedì con l’Athletic Bilbao. Al Genoa resta solo la consolazione della vittoria nel confronto fra le tifoserie, i rossoblù che soverchia i neroverdi, dimessi, rispetto all’Europa league. In avvio, Laxalt avvicina il bersaglio, Duncan da fuori coglie il palo, le manovre “sassoline” sono meno ariose del solito, Ragusa impatta la A con difficoltà, in difesa Antei viene regolarmente preferito a Paolo Cannavaro. Con Ricci, il Sassuolo migliora, dopo la buona ripartenza genoana, con Gakpè. E’ Defrel a spaccare la partita con una percussione da destra, salta l’argentino Orban, arriva l’ex Pavoletti a stenderlo e Politano infila il rigore di prepotenza. Entra l’ex Biondini per il giovane romano Pellegrini, a fronteggiare la riscossa del Grifone, tramortato anche da Defrel, in tuffo su cross dal fondo di Politano. Spazio anche all’altro ex Matri, finchè a 4’ dalla fine viene espulso Veloso, ammonizione e proteste, il portoghese era stato fra i più pungenti. Di Francesco si conferma da panchina d’oro, se il premio riguardasse l’anno solare, il rischio è che a primavera la squadra si fletta, com’è avvenuto a tante squadre impegnate nei preliminari di coppa. Eusebio mai va sopra le righe, in campo, a parte quando il Sassuolo vinse la trasferta in A, a Marassi, con la Sampdoria, 4 stagioni fa. E’ un allenatore gentile, molto più dello scatenato Juric, in attesa di completare la gara con la Fiorentina. Con Gasperini, il Genoa aveva vinto a Reggio, in aprile, oggi ha creato parecchio (Consigli si oppone anche all’inzuccata di Burdisso) ma concesso due situazioni create proprio dagli emiliani. Juric arriva in A dopo un 12° posto in Lega Pro, a Mantova, e dopo la promozione con il Crotone. A 41 anni, è l’allenatore meno esperto della A, assieme a De Zerbi (Palermo). Il suo Genoa al Mapei è da 6/7 per la fase offensiva, da 5,5 per la difesa. Viceversa, il Sassuolo è da 6,5 e in casa è a punteggio pieno, aspettando il ricorso per i tre punti persi per il tesseramento di Ragusa, non perfezionato.

LEGGI LA CRONACA

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Inter, Spalletti: «Juventus? San Siro deve tifare per l'Inter»
Video

Inter, Spalletti: «Juventus? San Siro deve tifare per l'Inter»

  • Juventus, il giorno dopo di Allegri: «Nel calcio niente è scontato, sarà un bel finale di stagione»

    Juventus, il giorno dopo di Allegri:...

  • Juve-Napoli, Decibel Bellini apre la festa allo Stadium

    Juve-Napoli, Decibel Bellini apre la festa...

  • L'urlo di New York al goal di Koulibaly

    L'urlo di New York al goal di Koulibaly

  • Napoli, metropolitana ferma: ma dagli altoparlanti parte il coro da stadio

    Napoli, metropolitana ferma: ma dagli...

  • Napoli, la gioia di Insigne: «È tre anni che lavoriamo per questo sogno»

    Napoli, la gioia di Insigne: «È...

  • Juve-Napoli, le reazioni dei tifosi al gol di Koulibaly

    Juve-Napoli, le reazioni dei tifosi al gol...

  • Juve battuta, le voci dei tifosi napoletani in estasi

    Juve battuta, le voci dei tifosi napoletani...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT