ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Simeone, insulti choc a figlioletta
su Instagram: «Muoia di cancro»

Simeone, insulti choc alla figlioletta su Instagram: «Speriamo muoia di cancro». Da Mou a Mazzone, le esultanze hard

L'esultanza del 'Cholo' Simeone dopo il gol del vantaggio di Jimenez di ieri sera, che ha spalancato al suo Atletico Madrid le porte di una importantissima vittoria per 2-0 in casa contro la Juventus negli ottavi di Champions League, non è passata inosservata. Quelle mani tra le gambe, a indicare gli "attributi" per (come ha spiegato successivamente) elogiare i «c***ni» dei propri giocatori, non sono affatto piaciute ai tifosi bianconeri, a cui Simeone già non stava particolarmente simpatico, per via dei trascorsi interisti da calciatore.

GLI INSULTI CHOC Come spesso accade, la vendetta dei tifosi juventini è arrivata via social, anche se in questi casi parlare di 
«tifosi» è decisamente fuori luogo. Tra i commenti a una delle ultime foto del Cholo su Instagram infatti, in cui è ritratto con la figlioletta neonata, Valentina, tra le braccia, sono spuntati insulti terribili per l'allenatore dell'Atletico e per la povera bimba: «Prossima putt*** come la mamma?», chiede un utente. «Tanto di muore di cancro prematuro», scrive un altro. «Spero muoia quella bimba di m***», la sobria argomentazione di un altro ancora.



Lo screen degli insulti a Simeone e bimba, per fortuna, che hanno rapidamente fatto il giro dei social, hanno però risvegliato il buon senso e la sportività della maggioranza dei tifosi bianconeri, che in massa hanno preso 'd'assalto' la pagina del Cholo per difenderlo dall'inciviltà di pochi maleducati. «Diego io sono juventino - scrive Matt - ma sono distrutto da questa m*** che leggo. Ti porto le mie scuse a nome di tutto il popolo Juventus, perché siamo molti di più di questi porci che leggi qui sotto». A dimostrare, se ce ne fosse bisogno, che la sportività non ha bandiera.



I PRECEDENTI Simeone lo stesso gesto lo aveva già fatto da calciatore, durante un Lazio-Bologna (il Cholo era un giocatore biancoceleste). E non è il primo, quest'anno, a rendersi protagonista di un'esultanza contestata contro la Juventus: lo scorso novembre un'altra icona interista, Josè Mourinho, era uscito vittorioso dallo Stadium con tanto di mano all'orecchio, dopo aver risposto con i fatti agli attacchi della tifoseria bianconera. E come dimenticare il gesto delle manette dello stesso Mou, durante un Inter-Sampdoria nel 2010, per contestare una decisione arbitrale?



Ma se Simeone e Mourinho sono notoriamente due fumantini, lo stesso non si può dire di Carlo Ancelotti, solitamente pacioso e simbolo di sorrisi e sportività, che nel febbraio 2017 tirò fuori il dito medio in una partita contro l'Hertha Berlino. Dito medio 'scappato' anche a Delio Rossi contro Francesco Totti alla fine di un Samp-Roma, e a Roberto Mancini, allora all'inter, durante un derby perso contro il Milan. Ma il re delle esultanze resterà uno e soltanto uno: Carletto Mazzone, che dopo un rocambolesco 3-3 in rimonta del suo Brescia contro l'Atalanta corse sotto la curva dei bergamaschi per rispondere agli insulti dei tifosi. Altri tempi, altro calcio.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Insigne scatenato canta “La Mano de Dios” mentre fa nuovo tatuaggio
Video

Insigne scatenato canta “La Mano de Dios” mentre fa nuovo tatuaggio

  • Napoli-Inter, i tifosi ringraziano la squadra ma sperano nel futuro

    Napoli-Inter, i tifosi ringraziano la...

  • Napoli-Inter 4-1, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Inter 4-1, il commento di Roberto...

  • Napoli-Inter, l'attesa dei tifosi: «Salutiamoci con una vittoria»

    Napoli-Inter, l'attesa dei tifosi:...

  • De Laurentis e l'operazione De Rossi: «È un giallo, che la Roma sia stata venduta?»

    De Laurentis e l'operazione De Rossi:...

  • Serie A, De Laurentis apre a De Rossi: «Lo prenderei anche subito al Napoli»

    Serie A, De Laurentis apre a De Rossi:...

  • Juventus, Agnelli abbraccia Allegri e gli regala una maglia speciale

    Juventus, Agnelli abbraccia Allegri e gli...

  • Juventus, Agnelli: «Allegri ha scritto da solo la storia della Juve»

    Juventus, Agnelli: «Allegri ha scritto...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
popolo arrabbbbiato
2019-02-22 15:42:07
sarebbe bene che invece di bestemmiare o augurare disgrazie,il popolo juventino si chieda perchè mai la loro squadra quando incontra una buona formazione straniera si spappoli come una mela marcia ( il 2-0 è stato un risultato già benigno per la juve,lo si riconosca lealmente). Un grande uomo di calcio come capello ha espresso un'opinione molto realista al contrario di quei tanti quaqquaraqua commentatori e giornalisti che cercano motivazioni fasulle solo per accaparrarsi la simpatia di società e tifosi. E' vero che nel campionato italiano c'è una spaventosa deficienza di campioni ,di squadre che possano porre resistenza vera alla juve, è vero che arbitraggi favorevoli traggono d'impaccio la squadra nei momenti difficili ed è altrettanto vero che faraonici investimenti non stanno risolvendo un bel nulla . Basta con le spacconate dei paperoni juventini quali "siamo qui per vincere tutto" e basta con l'arroganza dei suoi sostenitori sicuramente influenzati da quelle dei paperoni, perchè poi alla fine osservate come l'agognato triplete sia diventato biplete e ora sta per diventare monoplete. Quindi ,tranquilli , non date motivi ulteriori per farvi mettere alla berlina.....
jujunapulitan
2019-02-22 00:02:59
gentaccia rubentina forza napoli e atletico

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT