ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Torino-Juventus 0-1: Ronaldo su rigore decide il derby, Allegri a +​11

Ronaldo su rigore decide il derby,
Juve batte Toro 1-0, Allegri a +​11

Quindici vittorie su 16 partite in campionato, ma il derby è una storia a parte. Perchè se sulla carta non c’è partita in campo c’è eccome, il Toro parte meglio e spaventa una Juve a tratti simile a quella di Berna: ma stavolta CR7 non sbaglia e trasforma in oro un rigore a metà ripresa, firmando la rete numero 5000 della Juventus in serie A. Uno a zero che racconta dell’ennesima vittoria stagionale, ma non di tutto il resto. Le motivazioni di un Toro rabbioso, deciso a fermare i bianconeri, con poco spettacolo ma tanta intensità fino all’epilogo dal dischetto. I granata la mettono sulla corsa, sul carattere e sul fisico e la Juve non riesce a reagire: tantissimi gli errori tecnici di Pjanic e compagni che fanno impazzire Allegri a bordocampo. Juve lunga, lenta nel giro palla e nelle ripartenze, anche se la prima occasione nitida è per CR7, imbeccato da Matuidi: botta al volo e miracolo di Sirigu che devia in angolo. Il Toro alza il raggio d’azione con un’ incornata di Belotti su corner, Perin smanaccia e Izzo manca il tap-in da un metro. Ma è il centrocampo la zona nevralgica della partita, la Juve non riesce a prendere il controllo. Mazzarri protesta per due spinte ai danni di Belotti e Zaza in area, nella ripresa la Juve capisce che può sbloccarla solo con un episodio e in soccorso arriva una follia di Zaza: retropassaggio suicida per Ichazo, anticipo secco di Mandzukic e rigore netto. Ronaldo (che nell’intervallo cambia gli scarpini) spara la bordata vincente che chiude la partita e lancia la Juve a +11 sul Napoli.

LEGGI LA CRONACA
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni
Video

Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni

  • Nazionale, Mancini: «Ora le gare contano, cerchiamo risultati importanti»

    Nazionale, Mancini: «Ora le gare...

  • Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con Kessie ci siamo chiariti»

    Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con...

  • Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo all’asilo, se avessi visto mi sarei buttato nella mischia»

    Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo...

  • Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

    Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

  • Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il chanbara

    Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il...

  • Salisburgo-Napoli, i commenti dei comici di Made in Sud

    Salisburgo-Napoli, i commenti dei comici di...

  • Salisburgo-Napoli 3-1, il commento dell'inviato Ventre

    Salisburgo-Napoli 3-1, il commento...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
peppos
2018-12-16 10:58:56
Che noia un campionato che si avvia già da adesso che non è ancora terminato il girone di andata ad assegnare l'ottavo scudetto alla stessa squadra. Ma tutto questo non vi dice niente ? Ma è chiaro che non è questa squadra vincente solitaria a meritarsi gli elogi sperticati elargiti con la solita sudditanza della stampa compiacente, ma piuttosto il sistema calcio in Italia che lo ha consentito, consentendole di acaparrarsi i migliori pezzi nel nostro campionato facenosi un ingloroso autogoal rendendo questo campionato ormai privo di interesse. Grazie ad un potenziale economico che altre competitori non hanno per controbilanciare gli acquisti di qualità.Quindi tutte destinate a perdere il confronto come la classifica di questi otto anni ci dimostra. Tant'è che contro le contendenti nella champion è tutta un'altra storia, e dove anche gli arbitri non sono italiani. Quindi quale leggenda e quale inutile esaltazione!
Gino59
2018-12-17 10:29:23
Concordo in toto.
Amus
2018-12-16 10:40:35
Io non capisco perchè pretendiamo una squadra da primo posto in classifica quando la città è sempre ultima come classifica in qualità della vita là non siamo a -11 ma a -11111 e vedo che nessuno ne fà un dramma ,misteri della vita
37858
2018-12-16 10:40:15
In un modo o in un altro devono vincere e arrivare al fatidico decimo scudetto consecutivo. La torta è già del tutto preparata, nell'indifferenza totale...
Gino59
2018-12-16 10:35:57
Zaza ieri ha giocato per la juve che certo non ne aveva bisogno, col potenziale che ha. Sulla spinta ricevuta in area aveva cominciato lui ad aggrapparsi a Matuidi. Inutile piangere ogni occasione possibile. Forza Napoli e pensiamo a noi, quelli sembrano, per il momento, irraggiungibili. Dobbiamo vincerle tutte, a cominciare da oggi oltretirreno.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT