ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

GP Usa, vince Raikkonen su Ferrari:
Hamilton è terzo, Vettel quarto

Sebastian Vettel con la sua Ferrari SF71H ad Austin

AUSTIN - Tutto rinviato al Gp del Messico, fra una settimana. Kimi Raikkonen, cinque anni dopo l’ultimo acuto, vince il Gp degli Stati Uniti, quart’ultima prova del Mondiale di F1 e, soprattutto, rovina la festa di Lewis Hamilton, oggi solo terzo al traguardo, preceduto anche da un indemoniato Max Verstappen, partito 18mo. Quello che sarebbe dovuta essere l’annunciata celebrazione dell’ennesimo trionfo Mercedes si è trasformata invece nella rinascita Ferrari che oltre al redivivo finlandese ritrova anche la verve di Sebastian Vettel, alla fine 4/o al traguardo, dopo l’ennesimo errore stagionale al via per il contatto con Ricciardo (e che lo ha fatto retrocedere al 14mo posto) e poi eccellente quarto, superando proprio al penultimo giro l’altra Mercedes di Bottas.

Una gara perfetta quella del finlandese della ‘Rossà, al 21mo successo in carriera, che con le ultrasoft sorpassa in partenza alla prima curva il poleman Hamilton e ritrova una vittoria che arriva dopo 111 Gran Premi e nell’110mo anniversario del titolo 2007, durante i quali aveva accumulato 14 secondi posti e 16 terzi posti, ma mai il gradino più alto. Che fosse la giornata giusta si era visto però al via, con Hamilton costretto sorprendentemente subito ad inseguire e ad una sosta anticipata per sostituire le gomme. Un ‘fuori programmà che ha dato via libera al finlandese (da oggi più vincente di Hakkinen nella storia della F1) che si è tolto la più grande delle soddisfazioni, poche settimane dopo il benservito da parte della Ferrari che lo sostituirà l’anno prossimo con il giovanissimo Leclerc (oggi ritirato).

Dopo aver visto la gara e le due Rosse mai così performanti, crescono i rimpianti del Cavallino per gli errori a raffica che, dopo Monza, hanno compromesso il sogno iridato. Come compromessa è stata fin da subito la gara di Vettel, finito in testacoda al primo giro nel tentativo di attaccare Ricciardo: ancora una volta a rimetterci è stato il tedesco che in un attimo si è ritrovato 14mo, di fatto consegnando il titolo ad Hamilton che al 10mo giro, complice l’ennesimo stop della Red Bull di Ricciardo e la virtual safety car per rimuovere la sua vettura, ha deciso di anticipare la sosta per il cambio gomme (soft). Mentre Vettel piano piano risaliva posizioni, al 21mo giro è Raikkonen a fermarsi per il pit-stop, lasciando la testa della corsa a Hamilton il quale però, contrariamente a quanto ipotizzato, è stato costretto a una sosta ulteriore per il cambio gomme.

Quando è rientrato, si è ritrovato quarto dietro a Raikkonen, Verstappen e Bottas, prima che il compagno di team gli facesse strada. Racchiusi in un pugno di secondi, i tre sono andati avanti fino alla fine, con il finlandese mai impensierito dall’olandese e il britannico che ha invece tentato il tutto per tutto (il secondo posto con Vettel 5/o gli sarebbe valso aritmeticamente il Mondiale), prima di finire largo e rimandare il discorso a Città del Messico. Gli fosse anche riuscito, non sarebbe però bastato perchè Vettel ha escluso ogni pericolo passando Bottas e mandando in fumo il primo match point iridato.

                                                                  CRONACA DELLA GARA

TRAGUARDO - Vince Raikkonen, davanti a Vrestappen, Hamilton e Vettel. I Mondiali sono ancora aperti.

54° giro - Vettel passa Bottas e sale al quarto posto.

50° giro - Grande finale con Raikkonen, Verstappen e Hamilton uno dietro l'altro.

40° giro - Hamilton con le gomme nuove passa Bottas e sale al terzo posto.

38° - La Ferrari di Raikkonen va intesta davanti a Verstappen e Botta. Hamilton 4° precede Vettel.

37° giro - Hamilton in difficoltà con le gomme si ferma per la seconda volta e monta di nuovo un treno di soft gialle nuove.

27° giro - Anche Verstappen passa Sebastian che ha le gomme ormai finite, si ferma ai box e monta le gialle soft.

25° giro - Raikkonen passa Vettel e sale al secondo posto.

22° giro - Si ferma Raikkonen dopo avere tenuto a lungo dietro Hamilton, monta le gialle soft e rientra in quinta posizione alle spalle dell'altra Ferrari di Vettel.

16° giro - Hamilton con le soft nuove vola, passa il compagno Bottas e si avvicina pericolosamente a Raikkonen.

14° giro - La pista torna libera, Vettel supera la Renaul di Hulkenberg e sale in quinta poszione alle spalle di Verstappen.

11° giro - Ci sono le bandiere gialle per rimuove la vettura di Daniel e Hamilton ne approfitta per fare il pit stop. Monta le gialle soft e potrebbe arrivare fino in fondo.

8° giro - Si ferma Ricciardo per problemi alla sua Red Bull, Verastappen con l'altra monoposto austriaca è già risalito al quarto posto alle spalle della Mercedes di Bottas.

1° giro - Vettel tenta subito il sorpasso a Ricciardo, ma perde il controllo della sua Ferrari, allarga la traittoria e tocca la Red Bull dell'australiano. La Rossa ancora una volta si gira e il tedesco riparte al 14° posto.

PARTENZA - Kimi Raikkone con la Ferrari scatta bene quando si spegne il semaforo ed affianca Hamilton. Il britannico cerca di chiudere, ma Kimi tira la staccata e si infila in testa nella prima curva.

AUSTIN - Ferrari di nuovo in forma e all'attacco ad Austin dove sta per scattare il Gran Premio degli Stati Uniti. Vettel e Raikkonen hanno ottenuto in qualifica tempi vicinissimi al poleman Hamilton con la Mercedes e tenteranno il tutto per tutto per far rinviare la festa mondiale al campione in carica britannico. Kimi scatterà in prima fila a fianco di Lewis, Sebastian partirà in quinta posizione dietro pure a Bottas e Ricciardo poiché è stato penalizzato di tre posizioni nella griglia per non aver rallentato nelle prove libere quando era esposta la bandiera rossa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Arbitro in lacrime per la morte della mamma, Van Dijk lo consola
Video

Arbitro in lacrime per la morte della mamma, Van Dijk lo consola

  • Napoli, De Laurentiis tra le donne e il sesso

    Napoli, De Laurentiis tra le donne e il sesso

  • Napoli, tutti i progetti di patron De Laurentiis

    Napoli, tutti i progetti di patron De...

  • Napoli, De Laurentiis e i lavori allo stadio San Paolo

    Napoli, De Laurentiis e i lavori allo stadio...

  • Spagna, l'incredibile errore di Morata

    Spagna, l'incredibile errore di Morata

  • MotoGp, Dovizioso vince sotto l'acqua a Valencia

    MotoGp, Dovizioso vince sotto l'acqua a...

  • I Dorados di Maradona ai playoff, la festa negli spogliatoi

    I Dorados di Maradona ai playoff, la festa...

  • Italia-Portogallo, Jorginho in fiducia: «Siamo sulla strada giusta»

    Italia-Portogallo, Jorginho in fiducia:...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT