ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Milik, uno champagne in frigo
e i compagni senza genio

Milik, uno champagne in frigo
e i compagni senza genio

Andare a San Siro e prendersi i tre punti come se fossero l'ultimo pezzo di pizza rimasto sulla terra prima della fine del mondo: era, o meglio, doveva essere questo, il programma della trasferta di ieri a Milano. Dopo la vittoria al fotofinish agguantata col Chievo miracolosamente nel finale, l'imperativo infatti era soltanto uno: vincere, vincere e assolutamente vincere. Ma non perché nel pallone non siano previsti altri risultati e non si possa pure perdere o pareggiare bensì perché arrivati a questo punto del campionato, dopo una stagione a dire poco straordinaria con record su record battuti e spettacolo offerto in lungo e in largo, dopo che la sorte ti regala un'altra chance buttare tutto nella munnezza come se nulla fosse accaduto e questi mesi non ci fossero mai stati, sarebbe stato assurdo, uno sfregio alla miseria.
Bisognava andare a Milano sponda rossonera con la rabbia nelle gambe, il sangue agli occhi e il coltello in mezzo ai denti. E invece no. Niente di tutto questo. A San Siro il Napoli ci è andato senza rabbia, senza denti, senza sangue agli occhi e, soprattutto, senza genio. E a quanto pare pure a piedi e senza macchina visto che la maggior parte degli uomini in campo appariva stanca e incapace non dico di fare un contropiede ma quanto meno di percorrere la propria zona di competenza senza che nel frattempo gli avversari si mettessero di traverso per impedire il buon esito dell'operazione. Ed è così che da che doveva essere un «Vincere assolutamente» si è passati prima a un più modesto «Possibilmente non perdere» e poi ad un rassegnatissimo «Vabbuò forse era meglio se ci stavamo a casa». Perché ciò sia accaduto non è possibile stabilirlo con certezza. Così come non è possibile stabilire con certezza perché Insigne e Mertens siano così stanchi visto che a)non fanno i fravecatori e b)il Napoli è uscito da tutte le competizioni proprio per concentrarsi unicamente sul campionato.
 

 

L'unico che potrebbe dare una risposta a tutte queste domande è Milik. Il polacco col nome di una costellazione, infatti, sarà perché finora è stato fuori e non ha vissuto le emozioni logoranti della prima parte del campionato, è l'unico che appare ancora allegro e entusiasta di giocare a calcio. L'unico che se non altro pure ieri, nei pochi minuti in campo, ha dato l'idea di fregarsene delle pressioni e di voler provare a fare quello che finora al Napoli riusciva ad occhi chiusi: i gol. Ecco. Tenere questo Milik fuori quando del Mertens di qualche mese fa non c'è più traccia è come tenere la bottiglia buona in frigo mentre la festa è finita e gli invitati se ne vanno: se non l'apriamo adesso quando la apriamo?


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Cagliari-Napoli, la vigilia di Roberto Ventre
Video

Cagliari-Napoli, la vigilia di Roberto Ventre

  • Il Napoli ritrova il sorriso: azzurri a cena con parrucche alla Malcuit

    Il Napoli ritrova il sorriso: azzurri a cena...

  • Napoli fuori dalla Champions, le battute di Made in Sud

    Napoli fuori dalla Champions, le battute di...

  • L'appello della campionessa di boxe ​senza la cittadinanza italiana

    L'appello della campionessa di boxe...

  • L'amico è non vedente, lui gli racconta il gol di Salah al Napoli ed esultano insieme

    L'amico è non vedente, lui gli...

  • Champions League, Cairo: «Speravo meglio per Inter e Napoli»

    Champions League, Cairo: «Speravo...

  • Liverpool-Napoli, il commento di Roberto Ventre da Anfield

    Liverpool-Napoli, il commento di Roberto...

  • Liverpool-Napoli, il videocommento dell'inviato Roberto Ventre da Anfield

    Liverpool-Napoli, il videocommento...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
antonpet
2018-04-16 10:11:57
Il gioco del calcio è bello perché si presta a molteplici interpretazioni. Le critiche sul gioco del Napoli è sulla brillantezza ormai persa non tengono conto che non è possibile per nessun giocatore avere uno stato di forma che duri più di tre-quattro mesi.Gli attaccanti del Napoli (i soliti 3) sono da nove mesi in campo senza mai un attimo di respiro perché non avevano e non hanno alternative.Solo adesso sta rientrando Milik e si vede perché è l’unico che ha idee chiare e si fa trovare pronto perché corre! A centrocampo Allan dopo aver tirato la carretta per nove mesi è in riserva ed Hamsik quest’anno non ha mai giocato partite memorabili. Jorginho è stato criticato perché non fa lanci per le punte ma le punte adesso sono li ferme e aspettano più il pallone tra i piedi che il lancio perché non hanno più brillantezza atletica. Il rallentamento del Napoli così come quello della Roma,dell’Inter e della Lazio è proprio dovuto alla mancanza di una panchina adeguata. La Juve vince perché si permette di tenere in panchina Higuain,Douglas Costa, Quadrado etcc.. il Napoli in panchina chi ha? L’anno scorso il Napoli ebbe un buon finale di campionato perché aveva corso meno prima e non aveva la pressione di dover vincere lo scudetto. La serie di vittorie consecutive due volte ottenute dimostrano quanto sul piano nervoso e atletico la squadra abbia speso. Perciò chi scrive che il Napoli a Milano doveva andare con il coltello fra i denti si è dimenticato che i denti ad una certa età possono non esserci più!
antonpet
2018-04-16 10:08:13
Il gioco del calcio è bello perché si presta a molteplici interpretazioni. Le critiche sul gioco del Napoli è sulla brillantezza ormai persa non tengono conto che non è possibile per nessun giocatore avere uno stato di forma che duri più di tre-quattro mesi.Gli attaccanti del Napoli (i soliti 3) sono da nove mesi in campo senza mai un attimo di respiro perché non avevano e non hanno alternative.Solo adesso sta rientrando Milik e si vede perché è l’unico che ha idee chiare e si fa trovare pronto perché corre! A centrocampo Allan dopo aver tirato la carretta per nove mesi è in riserva ed Hamsik quest’anno non ha mai giocato partite memorabili. Jorginho è stato criticato perché non fa lanci per le punte ma le punte adesso sono li ferme e aspettano più il pallone tra i piedi che il lancio perché non hanno più brillantezza atletica. Il rallentamento del Napoli così come quello della Roma,dell’Inter e della Lazio è proprio dovuto alla mancanza di una panchina adeguata. La Juve vince perché si permette di tenere in panchina Higuain,Douglas Costa, Quadrado etcc.. il Napoli in panchina chi ha? L’anno scorso il Napoli ebbe un buon finale di campionato perché aveva corso meno prima e non aveva la pressione di dover vincere lo scudetto. La serie di vittorie consecutive due volte ottenute dimostrano quanto sul piano nervoso e atletico la squadra abbia speso. Perciò chi scrive che il Napoli a Milano doveva andare con il coltello fra i denti si è dimenticato che i denti ad una certa età possono non esserci più!
giovauriem
2018-04-16 11:42:10
non puoi vincere contro la juve che ha 3(dico tre)squadre da mettere in campo, secondo l'avversaria, la tipologia tecnica dell'avversario e la forma dei suoi calciatori e poi chiunque è avversario della juve si deve battere anche con i "satelliti" dei bianconeri che sono almeno 6 squadre.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT