ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Inter, Spalletti vuole la Champions:
«Ma senza possibilità di gestione»

Inter, Spalletti vuole la Champions:
«Ma senza possibilità di gestione»

L’Inter deve tornare a vincere per continuare la lotta in Champions. «La vittoria è l’unico obiettivo», il pensiero di Luciano Spalletti.
 
Champions. «C’eravamo creati la possibilità di gestire qualcosa, ce la siamo giocata. Restano sei partite, non so quanti punti serviranno per raggiungere la Champions o cosa ci riserverà il futuro, ma noi dobbiamo ragionare partita dopo partita».

Cagliari. «L’analisi della partita di domani è che la vittoria è l’unico obiettivo. Il fatto che si venga da qualche risultato non pieno e da qualche partita in cui abbiamo segnato poco, non deve farci fare confusione rispetto alle prestazioni fatte. È chiaro che il gol fa la differenza perché i punti se fai gol e vinci sono tre, altrimenti sono uno».
 
Rafinha. «Sta bene. Secondo me dopo due infortuni così importanti devi provare e non sai cosa ti aspetta nella gara successiva. C’è una gestione interna, nel senso che si valuta di giorno in giorno, non sono nella partita precedente».
 
Qualità del gruppo. «La qualità tecnica è una cosa, la qualità e basta è un’altra cosa. Per certi versi l’abbiamo fatta vedere. Poi perché venga fuori eccelsa bisogna metterci oltre alla tecnica il carattere, il fisico, la qualità di tenere per un lungo periodo determinati comportanti e attenzioni».
 
Fase realizzativa. «Ci sta che ci siano altri calciatori che portino un numero superiore di gol fatti e che ci si prenda sempre in carico di metterla a disposizione. Abbiamo solo questa stagione, dobbiamo mettere qualcosa in più in queste sei partite. Dobbiamo determinare noi la strada dove andare».
 
Atteggiamento Atalanta. «Nel primo quarto d’ora si è sbagliato qualcosa e io dovevo essere più chiaro se quel che hanno eseguito è quello. Può darsi non sia stato chiaro io a fargli capire quella differenza, sennò loro sono bravi a mettere in pratica quel che gli si chiede. Dopo quel quarto d'ora abbiamo costruito due o tre ipotetiche ripartenze dove poi si è sbagliato il gesto tecnico. Abbiamo creato situazioni importanti, come loro, ma in fondo alla gara non c'è stata quella differenza che si vuol dire. Poi quando non vinci aumentano discorsi, critiche, consigli».
 
Atalanta. «Cosa è mancato? C’era da fare qualcosa in più sotto quel livello e naturalmente reggere due palle addosso e rendergli la vita più dura nell’uno contro uno. Un dato che non mi va bene sono le punizioni prese: se tengo più botta nei contrasti guadagno più punizioni. Se me ne fischiano solo dieci è segno che ho lottato poco perché quello è l'elemento fondamentale».
Salvatore Riggio 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Cagliari-Napoli, la vigilia di Roberto Ventre
Video

Cagliari-Napoli, la vigilia di Roberto Ventre

  • Il Napoli ritrova il sorriso: azzurri a cena con parrucche alla Malcuit

    Il Napoli ritrova il sorriso: azzurri a cena...

  • Napoli fuori dalla Champions, le battute di Made in Sud

    Napoli fuori dalla Champions, le battute di...

  • L'appello della campionessa di boxe ​senza la cittadinanza italiana

    L'appello della campionessa di boxe...

  • L'amico è non vedente, lui gli racconta il gol di Salah al Napoli ed esultano insieme

    L'amico è non vedente, lui gli...

  • Champions League, Cairo: «Speravo meglio per Inter e Napoli»

    Champions League, Cairo: «Speravo...

  • Liverpool-Napoli, il commento di Roberto Ventre da Anfield

    Liverpool-Napoli, il commento di Roberto...

  • Liverpool-Napoli, il videocommento dell'inviato Roberto Ventre da Anfield

    Liverpool-Napoli, il videocommento...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT