ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Astori, la verità dalla perizia:
«Ucciso da una patologia cardiaca»

Astori è stato ucciso
da patologia cardiaca

Proseguono gli accertamenti della procura di Firenze per la morte del capitano della Fiorentina Davide Astori, deceduto improvvisamente a Udine il 4 marzo scorso nell'hotel dove la squadra era in ritiro prima della partita di campionato con l'Udinese.

LEGGI ANCHE: Davide Astori, la perizia: «Si sarebbe potuto salvare se avesse avuto un compagno di stanza»

 



Secondo quanto emerso, nella perizia medico legale, disposta dalla procura di Udine e poi trasferita a Firenze insieme agli altri atti dell'inchiesta, sarebbero emersi elementi indicativi di una patologia cardiaca. Gli inquirenti fiorentini, secondo quanto appreso, sono adesso al lavoro per stabilire se la patologia poteva essere diagnosticata in anticipo, e se, una volta effettuata la diagnosi, sarebbe stato possibile intervenire per evitare la morte del calciatore.


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Juve Stabia in B, che festa al Menti
Video

Juve Stabia in B, che festa al Menti

  • Napoli-Arsenal, lo sfottò della squadra inglese scatena la bufera: il tweet su Gomorra

    Napoli-Arsenal, lo sfottò della...

  • Napoli, la delusione di Koulibaly: «Dovemo avere più rabbia per fare dei gol»

    Napoli, la delusione di Koulibaly:...

  • Napoli-Arsenal, tutta l'amarezza dei tifosi

    Napoli-Arsenal, tutta l'amarezza dei...

  • Napoli-Arsenal 0-1, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Arsenal 0-1, il commento di Roberto...

  • Napoli-Arsenal, la bellissima coreografia del San Paolo

    Napoli-Arsenal, la bellissima coreografia...

  • Napoli-Arsenal, l'arrivo degli azzurri allo stadio

    Napoli-Arsenal, l'arrivo degli azzurri...

  • Conte: «Vado dove c'è un progetto. A giugno la mia nuova squadra»

    Conte: «Vado dove c'è un...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
Rosa58
2018-06-12 09:39:27
Questa testimonianza significa che da piccoli vengono abituati al disprezzo degli altri ed al razzismo che certamente non sono parametri di un'attività SPORTIVA sana. Ma meglio così sappiamo adesso con chi abbiamo a che fare e con chi avremo a che fare. Infatti il futuro non si prospetta dei migliori se queste sono le premesse.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT