ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Report: il suicidio, i biglietti, gli affari
I clan nella curva della Juventus

Il suicidio, i biglietti, gli affari:
i clan nella curva della Juventus

Cosa c’entra il suicidio di un ex ultrà della Juve con una storia che intreccia mafia, spie, bagarinaggio e indagini della Polizia di Stato? Raffaello Bucci, che a luglio di due anni fa si è buttato giù da un viadotto dell’autostrada Torino-Savona. Bucci era un collaboratore dello Slo (ovvero l’addetto alle relazioni tra squadra e tifosi) della Juventus. Il suo suicidio è stato immediatamente successivo alle deposizioni davanti al pm in relazione all’infiltrazione mafiosa nella curva della Juventus. Non ha retto la pressione e si è buttato.

L’INCHIESTA
La puntata di ieri sera di Report, condotta da Sigfrido Ranucci su Raitre, incentrata sul caso del cuneese Bucci avrebbe dovuto andare in onda già prima della pausa estiva. Ma grazie alle intercettazioni degli ultimi mesi sono emerse alcune novità. «Fino alla fine della scorsa stagione i Drughi avevano ancora i biglietti dalla società e continuavano a fare bagarinaggio»: questa la conferma a Report da parte Bryan Herdocia. Ultrà bianconero responsabile dell’assalto a un pullman di tifosi della Fiorentina, Herdocia ha consegnato al reporter Federico Ruffo ricevute, biglietti e chat. Ma non è tutto. Perché grazie alle intercettazioni raccolte per scoprire qualcosa in più della morte di Bucci sono emersi anche i collegamenti tra i membri dei gruppi organizzati della curva della Juventus e le associazioni di stampo mafioso. Report ha anche annunciato che la Procura di Cuneo ha riaperto il caso relativo al suicidio.

I RAPPORTI
Raffaello Bucci - che nelle intercettazioni viene chiamato Ciccio - passa in pochi anni da semplice tifoso a dipendente del club bianconero. Si occupa dei rapporti tra società, tifoseria e forze dell’ordine. Insomma, ha fatto carriera. Tra i suoi interlocutori ci sono Alessandro D’Angelo - capo della sicurezza della Juve - da una parte e Rocco Dominello - figlio di un boss della ‘ndrangheta - dall’altra. Al centro delle loro conversazioni ci sono biglietti omaggio (che i Drughi rivendono a prezzi maggiorati) e attività dei gruppi organizzati che non andranno a danneggiare l’immagine e le casse della Juventus. Alessandro D’Angelo, infatti, è anche l’uomo che agevola l’ingresso allo Stadium durante un derby di alcuni striscioni che inneggiano alla tragedia di Superga e che senza il suo intervento sarebbero intercettati e bloccati dalla sicurezza. Dalle intercettazione si scoprono che vengono citati anche Fabio Cannavaro e Lapo Elkan, interessati ai buoni uffici dei gruppi della curva, secondo gli ultrà.

IL PRESENTE
Dal 2016 - anno in cui si è suicidato Raffaello Bucci - a oggi, però, le vicende non sembrano essere cambiate. E infatti Andrea Agnelli viene condannato ad un anno (poi ridotto a 3 mesi più una maxi multa) per aver violato le leggi sulla vendita dei biglietti. Non viene invece punito l’ex dg Marotta che prima - su richiesta di Dominello - fa sostenere un provino al figlio di un membro della cosca Bellocci di Rosarno e poi regala 5 biglietti sempre a Dominello per la semifinale di Champions del 2015 contro il Real Madrid. Le inchieste, i processi e le condanne non hanno fermato il bagarinaggio dei biglietti per le partite della Juventus, con episodi che si sono verificati anche poche settimane fa, nella stagione in corso. Herdocia, soprannominato “Lo Squalo”, conferma che la Juve ha continuato a fornire i biglietti ai membri delle curve. Sullo schermo è comparsa una chat da cui si ricava che per Tottenham-Juve del 3 marzo (ottavi di Champions) sono stati venduti «a 250 sterline biglietti che ne costavano 35». Secondo quanto rivelato dalla trasmissione, biglietti sono stati venduti per Juve-Lazio del 28 agosto e per Valencia-Juve del 18 settembre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Napoli-Atalanta 1-2, tutta la delusione dei tifosi
Video

Napoli-Atalanta 1-2, tutta la delusione dei tifosi

  • Napoli-Atalanta, il prepartita dei tifosi

    Napoli-Atalanta, il prepartita dei tifosi

  • Juve Stabia in B, che festa al Menti

    Juve Stabia in B, che festa al Menti

  • Napoli-Arsenal, lo sfottò della squadra inglese scatena la bufera: il tweet su Gomorra

    Napoli-Arsenal, lo sfottò della...

  • Napoli, la delusione di Koulibaly: «Dovemo avere più rabbia per fare dei gol»

    Napoli, la delusione di Koulibaly:...

  • Napoli-Arsenal, tutta l'amarezza dei tifosi

    Napoli-Arsenal, tutta l'amarezza dei...

  • Napoli-Arsenal 0-1, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Arsenal 0-1, il commento di Roberto...

  • Napoli-Arsenal, la bellissima coreografia del San Paolo

    Napoli-Arsenal, la bellissima coreografia...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
trevinno
2018-10-23 13:07:18
Da che pulpito arriva la predica...i malavitosi sono in tutte le curve...dove girano tanti soldi ci sono i clan. Quindi finitela con questa morale da quattro soldi...A bordo campo durante le partite del napoli la presenza del boss Antonio Lo russo era una costante
raul bravo
2018-10-23 13:51:57
lo russo entrava con un pass del comune di Napoli, dovresti capire la differenza spero, voi avete spalancate le porte non solo dello stadio ma della società alla criminalità organizzata...lungi da me difendere adl ma intercettazioni che parla con camorristi non ne esistono, del vostro presidente purtroppo si....che orgoglio non essere juventino!
Bluma
2018-10-23 17:11:13
Domenica il Crotone ha vinto,dovresti essere contento,e tifare perchè ritorna subito in serie A.
gigioppi
2018-10-24 12:15:56
L'inchiesta nasce dalla ricerca della verità dopo suicidio/omicidio di un ultras bianconero assunto come dipendente della Juve e non ha nulla a che vedere con le partite di calcio. Questo dovrebbe essere chiaro e non si può giustificare un simile episodio sostenendo che così fan tutti altrimenti dovremmo giustificare tutti i reati.
gaetaciro
2018-10-23 12:37:41
Onestà , questi non sanno cosa significa

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT