ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, il sogno sfuma ad Anfield:
1-0 Liverpool, Champions addio

Napoli, il sogno sfuma ad Anfield:
1-0 Liverpool, Champions addio

Il Liverpool batte 1-0 il Napoli ad Anfield e lo elimina dalla Champions League. Gli inglesi si impongono grazie ad un gol di Momo Salah al 34' e salgono a 9 punti come il Napoli ma arrivano secondi per la migliore differenza reti. Al primo posto chiude il Psg che supera la Stella Rossa 3-1.
 



RILEGGI LA DIRETTA
 

IL TABELLINO

Liverpool-Napoli 1-0

Liverpool (4-3-3): Alisson; Alexander Arnold (44' st Lovren), Matip, Van Dijk , Robertson; Wijnaldum, Henderson, Milner (34' st Fabinho); Salah, Firmino (34' st Keita), Manè. In panchina: Mignolet, Sturridge, Shaqiri, Origi. All.: Klopp.

Napoli (4-4-2): Ospina; Maksimovic, Allbiol, Koulibaly, Mario Rui (5' st Ghoulam); Callejon, Allan, Hamsik, Fabian Ruiz (16' pt Zielinski), Insigne, Mertens (20' st Milik). In panchina: Karnezis, Ounas,  Hysaj, Diawara. All.: Ancelotti.

Arbitro: Skomina (Slovenia)

Reti: 33' pt Salah.

Note: Spettatori 50mila circa. Ammoniti: Koulibaly, Van Dijk, Salah. Recupero: 3'; 4'.
 
 

IL RACCONTO DEL MATCH

In avvio subito una buona opportunità per Callejon servito in area con ritardo. Al 6' bel pallone di Mario Rui per Insigne anticipato in area. I Reds cercano di fare la partita: brivido al 7' per un buco in difesa con Salah che per poco non ne approfitta. «Risponde» un minuto dopo Hamsik con un gran tiro di poco fuori, assist di un ottimo Mertens. Poi è Milner a rendersi pericoloso. Un avvio scoppiettante da entrambe le squadre. 

Al 9' Ospina si lancia in tuffo per sventare una nuova minaccia dei Reds. Al 12' ammonito Virgil per un fallaccio su Mertens che si fa male sul serio. Qualche minuto di apprensione poi il belga rientra in campo. 

Sussulto al 22': gol annullato per offside a Mané, che aveva battuto Ospina. Buona azione azzurra al 24' con Fabiàn che cerca Callejon anticipato in angolo. Sugli sviluppi Koulibaly, in versione assist-man è in fuorigioco. 

Al 25' Firmino è fermato da Albiol, poi è grande mischia al cardiopalmo, fino alla carica su Ospina che fa rifiatare tutti. Intorno al 30' doppia occasione Reds con Milner e Salah, pericoli sventati. Il gol è nell'aria e lo segna Salah al 34' con un dribbling e un tiro che passa sotto le gambe di Ospina. 

Al 36' occasionissima per Fabiàn che spreca miseramente tirando al lato. Al 39' Koulibaly ammonito per un fallo su Salah sulla fascia. 

In campo prevalgono le furie rosse, gli azzurri provano con le ripartenze ma non sono mai davvero pericolosi. Al 45' Mertens ci prova quasi da centrocampo, ma termina fuori. Termina così il primo tempo.

Si ricomincia e Salah divora la palla del raddoppio. Non è il solito Napoli, ma appena può cerca di mettere in difficoltà la retroguardia dei Reds. Eppure si sbagliano troppi passaggi, il Liverpool dà l'impressione di andare in porta quando vuole. 

Albiol prova il break di testa su angolo al 56, ma Alisson blocca. Firmino ci prova un minuto dopo, Ospina attento.

Ancelotti corre ai ripari: dentro Zielinski per Fabiàn. L'inerzia del match, però, non sembra mutare. A questo punto entra Milik per Mertens, poi tocca all'uomo dei cross: Ghoulam per Mario Rui. 

Gli azzurri provano ad accelerare, a spezzare la pressione a tutto campo del Liverpool. Occasione per Zielinski che calcia malamente al 73'. 

Ospina da batticuore nell'azione successiva su Salah: salva due volte. Il Napoli ci prova ad affacciarsi in area, i Reds respingono. Al 75' Albiol salva su Mané, poi è la volta di Ospina compiere un altro miracolo. Virgil ha la palla del raddoppio ma è in offside. 

Al 78' occasione d'oro sui piedi di Callejon che spara alto da buona posizione. Un minuto dopo Insigne va al tiro spettacolare ma è in fuorigioco. 

All'82' Salah ammonito per fallo su Ospina. Il Napoli prova ad alzare la testa ma la pressione del Liverpool torna a farsi sentire. La palla è sempre nella metà campo difensiva degli azzurri. Ed è Mané a gettare alle ortiche il pallone all'87'. Un minuto dopo è Insigne a calciare alto da buona posizione in area. 

Nel finale anche Koulibaly è in attacco, cerca la sponda per Insigne ma non va. Sono 4 i minuti di recupero. Succede di tutto: Milik spara addosso ad Alisson da solo, poi l'azione termina con un fuorigioco. All'ultimo secondo Mané divora anche l'ultima palla-gol. Termina così il match, azzurri fuori dalla Champions. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Napoli, Di Lorenzo e Callejon in piazza con i tifosi prima dell'allenamento
Video

Napoli, Di Lorenzo e Callejon in piazza con i tifosi prima dell'allenamento

  • Ramsey, prime parole in italiano: «Juve una delle squadre più grandi»

    Ramsey, prime parole in italiano:...

  • Napoli, decimo giorno di ritiro a Dimaro

    Napoli, decimo giorno di ritiro a Dimaro

  • Calcio, Napoli: l'arrivo a Dimaro di Insigne e Manolas

    Calcio, Napoli: l'arrivo a Dimaro di...

  • Algeria in finale di Coppa d'Africa: tensione e scontri a Parigi

    Algeria in finale di Coppa d'Africa:...

  • Universiadi, Settebello d'oro: i protagonisti

    Universiadi, Settebello d'oro: i protagonisti

  • Universiadi, Settebello d'oro: delirio alla Scandone

    Universiadi, Settebello d'oro: delirio alla...

  • Ecco Insigne e Manolas: il punto di Roberto Ventre da Dimaro

    Ecco Insigne e Manolas: il punto di Roberto...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
boboperfetto
2018-12-12 02:39:59
Caro presidente per fare una grande squadra non serve un grande allenatore ma, servono grandi giocatori. M. Rui, Insigne e Callejon secondo lei sono grandi giocatori?
napoletano fuori casa
2018-12-11 23:36:05
Lo sapevo e lo avevo predetto, ora si che Carratelli puo magnrsi "o´cor"e ADL puo continuare a fare il clown.
Rioaustralia
2018-12-12 09:55:21
Ok abbiamo avuto anche sfortuna ma ragazzi spero di non sentire la frase “Siamo usciti a testa alta” sono stufo di uscire dalle coppe a testa alta! Cambia il Direttore di Orchestra ma il risultato è sempre il solito.
felipe
2018-12-11 23:35:56
Non si può non prendere atto della netta superiorità del Liverpool, e del Paris S.G. rispetto al Napoli, e del Tottenham e del Barcellona rispetto all'Inter. Peccato: non siamo stati fortunati nel sorteggio. Ma se al valore assoluto delle avversarie (chapeau!) aggiungiamo nei momenti clou anche prestazioni al di sotto della aspettative, come è avvenuto stasera per entrambe le squadre, allora è inutile recriminare: siamo e rimarremo sempre di secondo o terzo livello in Europa.
antonpaco
2018-12-12 00:42:19
solito problema che ritorna a sprazzi, al Napoli manca la cattiveria e la personalita' della grande squadra, l'unico risultato che ci condannava e' arrivato, e poteva onestamente andare peggio essendo stati dominati per lunghi tratti. Colpo durissimo alla stagione azzurra, eravamo convinti di andare avanti e invece si retrocede in una coppa inutile.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT