ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli all'attacco con quattro punte,
l'idea di Ancelotti per fare l'impresa

Napoli all'attacco con quattro punte,
l'idea di Ancelotti per fare l'impresa

Troppo modesto il Chievo per un giudizio attendibile. Tre gol sono tuttavia un buon segnale sotto l'aspetto scaramantico visto che tanti ne occorrono giovedì per eliminare l'Arsenal (ma senza subirne, come è accaduto anche ieri al Bentegodi). Napoli con 4 punte (oltre a Zielinski e Fabian), prove di 3-4-3 in vista della sfida europea che vale la semifinale di coppa e un consistente pezzo della stagione. Serve una partita di coraggio - quello vero - al San Paolo e un assetto a trazione anteriore potrebbe favorire...


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Napoli Basket, sconfitta alla prima
Video

Napoli Basket, sconfitta alla prima

  • ISL cala il sipario alla Scandone

    ISL cala il sipario alla Scandone

  • Federica Pellegrini saluta Napoli e ricorda Castagnetti

    Federica Pellegrini saluta Napoli e ricorda...

  • ISL Federica Pellegrini alla Scandone

    ISL Federica Pellegrini alla Scandone

  • Scandone lo show dalla ISL

    Scandone lo show dalla ISL

  • Milan, in salita la pista Spalletti

    Milan, in salita la pista Spalletti

  • Funerali Squinzi, Cairo: «Grande persona, ha fatto il bene del calcio e del ciclismo»

    Funerali Squinzi, Cairo: «Grande...

  • Funerali Squinzi, Bettini: «Grande uomo, con lui cresciuti come uomini e poi come atleti»

    Funerali Squinzi, Bettini: «Grande...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 8 commenti presenti
raul bravo
2019-04-15 12:05:18
con insigne in campo non abbiamo alcuna speranza
felipe
2019-04-15 15:38:03
I progetti degli allenatori spesso falliscono perchè fondati su presupposti errati, anzi equivoci. Del Piero è stato l'equivoco della Juve fino a quando non fu spedito fuori Italia. Ora l'equivoco continua con Dybala, giocatore altamente sopravvalutato. Nella Roma degli ultimi anni l'equivoco fu Totti, fino a quando Spalletti si assunse l'onere di lasciarlo negli spogliatoi....Nel Napoli l'equivoco è Insigne, giocatore lento e compassato, prevedibile e incostante, e di non facile collocazione in campo. Per ora nessuno pare voglia assumersi la responsabilità di spedirlo fuori Italia....Nel calcio di oggi c'è molta tecnica e velocità, ma anche molta fisicità; il Napoli di Insigne, Mertens, Callejon, Rui, Hysaj, Ounas, Younes, Allan e lo stesso fuscello Meret, di fisicità ne ha ben poca e in futuro mi auguro riveda le sue scelte. Mi chiedo in proposito che fine abbia fatto il francese Malcuit, arruffone e confusionario come gli altri difensori, ma fisicamente più forte, più fresco e capace di saltare l'avversario. Ancelotti deve osare!
GiulianoFornari
2019-04-15 10:11:10
Troppi giocatori che camminano e troppi passaggi sbagliati : il valore dell'avversario conta poco, conta la forma dei giocatori e questa forma manca da molte settimane: di chi la colpa ?

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT