ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Nuoto, 55enne muore in gara
ai campionati italiani Master

Nuoto, 55enne muore in gara
ai campionati italiani Master

Finisce in tragedia la gara di nuoto master in acque libere che si disputava oggi a Scanno. Un atleta originario di Salerno ma residente a Roma, Roberto D'Auria, 55 anni, esperto nuotatore Master sulle lunghe distanze, è morto annegando nelle acque del lago sotto gli occhi increduli e sgomenti degli spettatori che affollavano le rive del lago.

L'atleta in acqua per i colori della società romana Zeronove stava partecipando alla gara di mezzofondo di 3 Km., appena tagliato il traguardo ha avvertito un malore ed è andato a fondo. Immediati sono scattati i soccorsi e l'uomo è stato portato a riva. L'uomo in ambulanza è stato portato poi ad Anversa dove è arrivata un'altra ambulanza del servizio 118.

L'atleta cinquantacinquenne purtroppo nonostante gli immediati soccorsi è arrivato già cadavere nell'ospedale di Sulmona, stroncato dal malore avvertito in acqua. Una tragedia che ha scosso tutti i presenti alla gara, segnando di dolore e lutto una domenica di sport e di divertimento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Napoli Basket, sconfitta alla prima
Video

Napoli Basket, sconfitta alla prima

  • ISL cala il sipario alla Scandone

    ISL cala il sipario alla Scandone

  • Federica Pellegrini saluta Napoli e ricorda Castagnetti

    Federica Pellegrini saluta Napoli e ricorda...

  • ISL Federica Pellegrini alla Scandone

    ISL Federica Pellegrini alla Scandone

  • Scandone lo show dalla ISL

    Scandone lo show dalla ISL

  • Milan, in salita la pista Spalletti

    Milan, in salita la pista Spalletti

  • Funerali Squinzi, Cairo: «Grande persona, ha fatto il bene del calcio e del ciclismo»

    Funerali Squinzi, Cairo: «Grande...

  • Funerali Squinzi, Bettini: «Grande uomo, con lui cresciuti come uomini e poi come atleti»

    Funerali Squinzi, Bettini: «Grande...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
cifdom
2019-09-09 09:42:27
Chissà quale medico gli ha riconosciuto l'idoneità. Solo un cuore sfibrato può cedere. Si faccia chiarezza, perché non è giusto invocare la fatalità. Rip, caro Roberto D'Auria.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT