ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

«A Napoli siamo una famiglia»,
Ancelotti racconta il mondo azzurro

«A Napoli siamo una famiglia»,
Ancelotti racconta il mondo azzurro

Pomeriggio lontano da Napoli per Carlo Ancelotti, l’allenatore azzurro presente in Trentino per il Festival dello Sport. Insieme a lui due mostri sacri come Pep Guardiola ed Arrigo Sacchi, ex allenatore di Carletto. «Giocare bene ti dà più possibilità di vincere che in altri casi. Negli ultimi anni abbiamo provato a spiegare il calcio con le statistiche, ma le uniche statistiche che contano sono quelle dei gol segnati. Siamo in continua evoluzione, oggi vediamo un calcio organizzato ed anche le piccole squadre cercano di avere una identità ben definita». 

«Nel nostro mestiere è necessario avere le giuste conoscenze, io ho avuto maestri importanti nella mia carriera come Liedholm e Sacchi, entrambi fondamentali quando ero un calciatore», ha continuato. «Quando si introducono delle novità c’è sempre maggior coinvolgimento, se arrivano anche i risultati il gioco è fatto. Oggi anche la fase difensiva è diventata una parte stimolante per le squadre. Quello dell’allenatore è un ruolo complesso ma piacevole, bisogna gestire una squadra da 25 giocatori e tutto lo staff che c’è intorno, tutti sono importanti all’opera stesso modo. Mi piace rendere tutti responsabili e delegare, così faccio anche a Napoli». 

Quella azzurra è una avventura stimolante per Ancelotti. «Siamo una bela famiglia con calciatori giovani ed esperienze importanti. La società è umile e ha voglia di crescere, poi la città è bellissima. Ci sono tutte le condizioni per fare un buon lavoro. In Italia possiamo far bene, vediamo che ci riusciremo anche in Europa. Klopp l’abbiamo sistemato all’andata, poi vedremo al ritorno. Non so se siamo outsider in Champions, abbiamo un girone duro e la vittoria sul Liverpool è stata importante. Le gare col PSG ora saranno indicative, hanno Mbappé che sarà la stella dei prossimi anni, ma questa Champions mi sembra molto equilibrata».

«Insigne ha talento, ora deve sentirsi importante e mettere quel talento al servizio della squadra e degli altri compagni», ha detto Carletto. «A Guardiola ruberei la rapidità con cui trasmette le idee alle squadre in cui va, quello forse è l’aspetto più complicato. Credo che il calcio italiano sia competitivo e rispettato nonostante la mancanza di troppi nuovi talenti. Ma avendo vissuto molti anni all’estero so che qui siamo molto indietro. Bisogna fare qualcosa, non è bello assistere ancora ad insulti, ignoranza e maleducazione. E spero che il VAR arrivi presto anche in Champions».


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni
Video

Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni

  • Nazionale, Mancini: «Ora le gare contano, cerchiamo risultati importanti»

    Nazionale, Mancini: «Ora le gare...

  • Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con Kessie ci siamo chiariti»

    Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con...

  • Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo all’asilo, se avessi visto mi sarei buttato nella mischia»

    Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo...

  • Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

    Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

  • Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il chanbara

    Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il...

  • Salisburgo-Napoli, i commenti dei comici di Made in Sud

    Salisburgo-Napoli, i commenti dei comici di...

  • Salisburgo-Napoli 3-1, il commento dell'inviato Ventre

    Salisburgo-Napoli 3-1, il commento...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
gigioppi
2018-10-15 14:24:53
Carissimo partenopeo7 è notizia di pochi giorni fa che Roma e Inter hanno un notevole rosso di bilancio e nonostante i grandi investimenti non potranno mai, alla stregua del Napoli, raggiungere la Juve ed infatti fanno tutti la corsa sul Napoli, vale a dire sul secondo posto anzichè provare a ridurre il gap con la Juve. Tu definisci il duo sciagura io penso invece che con investimenti molto meno costosi riesce a tener testa alle pretendenti alla Champions. In economia si diceva massimo risultato col minimo sforzo e il DELA sta attuando proficuamente questa semplice regoletta.
partenopeo7
2018-10-14 20:41:47
tutto bene.....ma il napoli - ora - contro la tradizione..è senza il centravanti- e senza chi la butta dentro con regolarità (cavani poi higuain -poi mertens) andremo in alto e lontano ?? il punto (critico) è che adl si è scelto giuntoli..insieme fanno il duo-sciagura...quindi....!!

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT