ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

De Laurentiis blinda tutti:
«Napoli a vita per Sarri»

De Laurentiis blinda tutti:
«Napoli a vita per Sarri»

«Il Napoli è la casa di Maurizio Sarri. E questa casa per lui è aperta a vita: qui può rimanere a fare quello che vuole anche quando il contratto scadrà. Se vuole potrà anche avere un ruolo alla Ferguson». Aurelio De Laurentiis è da poco rientrato dagli Stati Uniti. È all’Hotel Vesuvio dove riceve un riconoscimento dal Rotary Napoli Est «per la sua illuminante attività imprenditoriale svolta in questi anni». Il prossimo film di Carlo Verdone è uno dei suoi pensieri ricorrenti, ma su tutto e tutti, come sempre c’è il Napoli. Il suo Napoli.

Presidente, sta per arrivare la domenica probabilmente decisiva nella corsa per la Champions diretta?
«Non credo. Questo è un campionato in cui le sorprese sono arrivate in ogni giornata, dove sia il Napoli che la Roma hanno perso punti contro le più piccole spesso. E tutto può ancora accadere fino alla fine».
Sarebbe problematico il terzo posto?
«Io non ho paura del preliminare. È diverso da quando abbiamo affrontato l’Athletic Bilbao: perché quest’anno abbiamo una squadra già strutturata e completa, che sta dimostrando la propria forza. Il fatto che avrò la rosa a disposizione a luglio per svolgere la preparazione estiva al completo mi rende tranquillo».
Non proprio come tre anni fa, insomma?
«Infatti. Allora erano tutti reduci dai mondiali, coppa America e se ne aggregava uno al giorno. Non fu semplice. Ora è diverso, sono molto più sereno e fiducioso. In ogni caso, noi proveremo fino alla fine a centrare il secondo posto. Ma comunque vada non sarà un dramma».
Neppure il mercato ne risentirà?
«No, gli unici problemi sono di ordine organizzativo. Poi ovvio, sotto il profilo finanziario qualche operazione può essere più programmabile avendo la certezza della Champions. Ci sono per esempio degli acquisti irripetibili che abbiamo in mente».
Ce li svela?
«In questo momento lavoriamo su una lista di cinquanta nomi: con tutti gli scout e gli osservatori che abbiamo in giro per il mondo è normale che avvenga questo... ti propongono giocatori esperti, giovani promesse e tanto altro. Io sto pensando di prendere qualcuno magari in Belgio o in Olanda e lasciarlo crescere nella propria squadra per un altro anno ancora».
Due campionati che le piacciono in maniera particolare?
«Non ci sono percorsi obbligatori. Qualche anno fa mi dicevano di non prendere spagnoli perché la serie A non faceva per loro. Mi fecero vendere Victor Ruiz con questa motivazione. Poi arrivò Benitez e abbiamo visto il rendimento dei vari Callejon, Albiol, Reina».
A proposito del tecnico spagnolo, dice che Higuain era uno dei cinque nomi che le suggerì quell’estate?
«E ci credo, chi non avrebbe voluto prendere Higuain? Lo volevano tutti. Solo che lui insisteva per Leandro Damiao, incontrai pure i suoi agenti proprio qui al Vesuvio. A proposito, dove gioca Damiao adesso? Higuain fu un blitz mio e di Chiavelli».
La Roma ha un punto in più. Cosa ha avuto fino ad adesso più del Napoli?
«Solo un pizzico di fortuna in più. Poi ha fatto investimenti massicci e ha un allenatore come Spalletti che viene da esperienze importanti, come in Russia, e che ha dato ai suoi una grande maturità. Ma è un duello che non è ancora concluso».

Continua a leggere


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Nainggolan si riprende in bagno e canta l'inno belga
Video

Nainggolan si riprende in bagno e canta l'inno belga

  • Napoli tra Ancelotti e mercato: le voci dei tifosi

    Napoli tra Ancelotti e mercato: le voci dei...

  • Quando Renzi disse a Putin: «L'Italia vincerà i Mondiali in Russia»

    Quando Renzi disse a Putin:...

  • Caos Spagna, Hierro è il nuovo ct

    Caos Spagna, Hierro è il nuovo ct

  • Juventus, Marotta: «Icardi da noi è fantacalcio»

    Juventus, Marotta: «Icardi da noi...

  • Italia senza Mondiali, per chi tifano i napoletani?

    Italia senza Mondiali, per chi tifano i...

  • Mondiali 2018, ecco chi è il giocatore più anziano che scenderà in campo

    Mondiali 2018, ecco chi è il...

  • «Napoli usa il sapone», il vergognoso coro dei baby calciatori della Juventus

    «Napoli usa il sapone», il...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
popolo arrabbbbiato
2017-05-10 12:26:10
parole,parole,parole,..... ma quando si è visto nel calcio italiano un allenatore durare più di 3/4 anni? sarri è bravo ,ma di sicuro non sordo ...e quando gli proporranno un contratto di 5,6 o 7 milioni all'anno penserà alle carriere instabili degli allenatori , alla sua età non più verde, e darà un sincero addio a napoli ed al presidente.
raul bravo
2017-05-10 11:48:11
Sarri è uno degli allenatori meno pagati in Italia, a livello europeo guadagna come un magazziniere....perchè dovrebbe restare a vita sottopagato, per giunta con un presidente che dopo il real si è messo a criticare cambi e uomini? troppa grazia per te adl, uno come Sarri non te lo meriti
Napolentone
2017-05-10 11:01:47
Potrà anche essere casa sua ma se non lo paghi bene e gli fai la squadra, stai sicuro che trasloca
cpsdaa
2017-05-10 10:47:18
Nemmeno è tornato e già straparla. Speriamo non rompa l'equilibrio che abbiamo raggiunto. Stavamo così sereni finora. La squadra va come un missile! Ma non poteva tornare a fine campionato????

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT