ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, De Laurentiis contro tutti:
«Il calcio italiano è la preistoria»

Napoli, De Laurentiis contro tutti:
«Il calcio italiano è la preistoria»

A poche ore dalla partita decisiva per il passaggio alle semifinali di Europa League, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato al termine del pranzo Uefa con i dirigenti dell'Arsenal che si è tenuto nella splendida cornice di palazzo Petrucci a Posillipo.

«Abbiamo un gruppo di ragazzi straordinario che ha sempre dato il massimo. In una stagione possono esserci momenti di appannamento ma io non mi sono spaventato nè strappato i capelli. Ancelotti è un allenatore di grande esperienza, una persona perbene e questi per me sono fattori molto importanti». 

Ha sentito Ancelotti stamattina? «Oggi andrò allo stadio alle 18.30. Li aspetterò lì e avrò tempo per parlare con Carlo. Ma non c'è da parlare. Abbiamo affrontato in Champions partite ben più complicate di questa, almeno sulla carta, e l'abbiamo fatto in maniera esemplare, uscendo da un girone infernale per sfortuna ma a testa alta, come ci capitò con Benitez. L'Arsenal ci ha preso in contropiede, forse l'abbiamo presa un po' distrattamente. Servirà concentrazione questa volta e potrebbe esserci anche una bella sorpresa». 
 


Sul calcio italiano: «Ieri sera mi si è aperto un mondo vedendo Manchester-Tottenham. Ho detto: questo è il calcio. L'Italia è la preistoria del calcio. Sembra che in Italia non ci divertiamo a giocare. Lo spettacolo di ieri è irripetibile in Italia, dove ci nascondiamo dietro una tattica. Il vero pericolo nell'affrontare una squadra inglese è questo». 

Da chi mi aspetto qualcosa in più?: «Il Ronaldo del Napoli? Ronaldo non è servito a salvare la Juventus. Il calcio è uno sport di gruppo, la squadra vince tutta insieme. La squadra deve saper leggere la partita, adattare agli avversari e alle situazioni di fortuna e sfortuna che si possono verificare. Anche se l'Arsenal dovesse farci un gol, dovremo guadagnarci una vittoria con ancora più gol di quanto avevamo immaginato».


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Brescia, è fatta per Mario Balotelli
Video

Brescia, è fatta per Mario Balotelli

  • Ciclismo in lutto, è morto a 76 anni Felice Gimondi

    Ciclismo in lutto, è morto a 76 anni...

  • Cincinnati, Federer ko negli ottavi. Djokovic avanza

    Cincinnati, Federer ko negli ottavi....

  • Montreal, Fognini eliminato nei quarti da Nadal

    Montreal, Fognini eliminato nei quarti da...

  • Lukaku all'Inter, il saluto ai tifosi a Malpensa

    Lukaku all'Inter, il saluto ai tifosi a...

  • 6acasatua - Lo stadio San Paolo è di Napoli

    6acasatua - Lo stadio San Paolo è di...

  • F1, Hamilton vince il GP d'Ungheria

    F1, Hamilton vince il GP d'Ungheria

  • Nainggolan a un passo dal Cagliari: «Dimosterò all'Inter che ha sbagliato»

    Nainggolan a un passo dal Cagliari:...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
piena
2019-04-19 16:45:03
che dire...DE LAURENTIS è un grande presidente ma..con un amaro destino....NON VINCERA' MAI NIENTE DI IMPORTANTE se non DELLE COPPETTE ITALIA ... bisognerebbe aprire ad investitori stranieri come CINESI o ARABI ma questi non hanno nessun interesse di tornaconto economico nella nostra città assediata dalla camorra e da amministratori incapaci che farebbero fuggire persino i MARZIANI..
casainno64
2019-04-18 23:35:42
neanche nel calcio della preistoria il suo napoli riesce a vincere qualcosa
Bluma
2019-04-18 23:08:19
Hamsik è sempre in cina?
antonpaco
2019-04-18 23:05:11
ADL ha ragione, in Italia e soprattutto a napoli siamo nella vera preistoria. Cultura dello sport, valori dello sport, non sappiamo neanche cosa sono. Napoli non sa accettare le sconfitte, guarda in casa di altri e si fa male da sola, eppure oggi ha una squadra forte, domani, chiuso questo ciclo, tornera' di nuovo nel centroclassifica che lo ha visto protagonista per una storia intera.
drnice
2019-04-18 22:12:26
beh se il calcio italiano è preistorico lui appartiene al cretaceo. gestione padronale nel 2019. ma cosa vogliamo ?

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT