ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Sarri si riaffida al Napoli 2:
«Ma a Lipsia non voglio figuracce»

Sarri si riaffida al Napoli 2:
«Ma a Lipsia non voglio figuracce»

Inviato a Castel Volturno

Non si sente mica come Napoleone che a Lipsia si giocò i destini dell'Europa e anche i suoi. Perché Maurizio Sarri sa che la gara di domani non è un bivio. Il destino sembra segnato dal pesante ko dell'andata (il Napoli deve vincere con almeno tre gol di scarto) e dal fatto che dopo quattro giorni c'è una trasferta che non è proprio la gita della parrocchia a Cagliari. Non vuole fare brutte figure, il tecnico di Figline. E lo ha ribadito alla squadra che ha ascoltato le sue severe parole a Castel Volturno. «Fate vedere al Lipsia chi siamo e nessuno pensi di ripetere la prova di giovedì». Un riscatto. Morale. Ma non solo. Sarri ha spiegato di voler vincere in Germania. Attenzione: ma non per questo, a costo di chissà quali sacrifici. Perché nel cuore e nella testa c'è solo la volata con la Juventus.

Sarà turnover, 4 o 5 cambi rispetto alla gara con la Spal, e l'impressione è che riguarderà anche Mertens: sì, il belga potrebbe essere tenuto a riposo perché è merce rara, perché non si può certo rischiare di perdere l'unica vera punta in una gara che non è che conti tanto. A meno che non sia Callejon a tirare il fiato, ed è questo il dubbio di Sarri. Alla Red Bull Arena andrà in campo la coppia Albiol-Koulibaly anche perché Chiriches non sembra essere ancora al top. Ma qualche chances ce l'ha anche Tonelli. Nel gioco delle rotazioni il senegalese avrebbe bisogno più degli altri di tirare il fiato ma difficilmente lo farà. Chiaro, le decisioni verranno prese solo in queste ore. Di sicuro a Castel Volturno nel pomeriggio di ieri si respirava forte l'odore di un discreto turnover. Che potrebbe coinvolgere di nuovo anche Insigne, proprio come nella gara dell'andata, con spazio al tridente composto da Zielinski, Callejon e Ounas. Sarri affiderà ai più giovani del gruppo la mediana dando a Diawara il compito di dirigere le operazioni in mezzo al campo e a Rog di prendere il posto del guerriero Allan. Degli eletti, dei fedelissimi di Sarri, dei cavalieri che dovranno tentare di fare l'impresa, quello che pare certo di scendere in campo è Marek Hamsik: non a caso gli è stata risparmiata l'ultima mezz'ora del match con la Spal. Ed è difficile che Reina lasci spazio a Sepe in porta: sarebbe la cosa più logica, anche perché il portiere di Torre del Greco ha mostrato la sua affidabilità ogni volta che è stato chiamato in causa. Ma c'è il record di presenze europee a cui Reina tiene da morire. E a cui non vuole rinunciare: e se non sarà lo spagnolo a fare un passo indietro, non sarà certo Sarri a imporlo. D'altronde l'esercito di instancabili vede nel portiere spagnolo uno dei leader.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Lazio-Napoli, Ancelotti: «La reazione dopo il gol? Una cosa positiva»
Video

Lazio-Napoli, Ancelotti: «La reazione dopo il gol? Una cosa positiva»

  • Lazio-Napoli 1-2, il videocommento di Roberto Ventre

    Lazio-Napoli 1-2, il videocommento di...

  • Chievo-Juve, esodo bianconero per vedere Ronaldo

    Chievo-Juve, esodo bianconero per vedere...

  • Torna la Serie A, la lunga attesa dei tifosi del Napoli

    Torna la Serie A, la lunga attesa dei tifosi...

  • CR7, fenomeno in campo e... con il microfono

    CR7, fenomeno in campo e... con il microfono

  • Lazio-Napoli: gli azzurri arrivano a Roma

    Lazio-Napoli: gli azzurri arrivano a Roma

  • Torna la serie A, il Napoli in partenza per Roma

    Torna la serie A, il Napoli in partenza per...

  • Lazio-Napoli, la vigilia di Roberto Ventre a Castel Volturno

    Lazio-Napoli, la vigilia di Roberto Ventre a...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
johnnyred
2018-02-22 16:24:56
ce ne daranno 4
lupo dei neri
2018-02-21 23:27:58
Non possiamo illuderci. Ancora una volta dobbiamo prendere questa partita come un allenamento di lusso. Abbiamo poche caviglie da offrire al nemico. L'obiettivo primario del Napoli è abbattere, da piccolo Davide il gigante Golia, in maglia bianco nera a Torino, Là ci toccherà arrivare in forma e fare veramente del nostro meglio dando l'anima per la vittoria ad arbitro imparziale !
umberto36
2018-02-21 15:09:58
Perché tre gol di scarto? Basterebbe anche un 4 a 2: sarebbe un pareggio di reti 5 a 5 che equivarrebbe, per effetto del doppio valore dei gol in trasferta, ad un 9 (8+1) a 8 (6+2). Sono ancora queste le regole?
felipe
2018-02-21 14:44:57
Prevedere la formazione del Napoli è tanto facile quanto inutile. Facile quando gioca in Campionato, perchè in campo scendono sempre gli stessi. Inutile, perchè impossibile da capirne la ratio, quando Sarri decide i suoi rari cambiamenti. Di solito, dall'esterno nessuno li ha mai azzeccati, forse neppure lo stesso Sarri....
GiulianoFornari
2018-02-21 11:28:26
La Societa' ha fatto capire apertamente che non mira ai titoli ma ai soldi UEFA ed in Europa League il passaggio del turno frutta poco. Bye bye.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT