ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Fabiàn da record col Napoli,
​il segreto è Davide Ancelotti

Fabiàn da record col Napoli,
il segreto è Davide Ancelotti

Due cuori e una tribuna. Quella del Benito Villamarin, la casa del Betis Siviglia. Perché è lì che Davide Ancelotti è rimasto ammaliato per la prima volta dalle qualità di Fabian Ruiz. Ma a quei tempi il figlio di Carletto non andava in Andalusia appositamente per il centrocampista spagnolo. Ed ecco che entrano in gioco le questioni di cuore. «Davide Ancelotti è fidanzato con una ragazza di Siviglia conosciuta quando era al seguito del padre a Madrid. Venendo a Siviglia più volte mi vide giocare al Betis e così hanno cominciato a seguirmi. Devo dire grazie a quella ragazza». Il narratore della storia è proprio Fabian Ruiz, che allo stesso tempo svela il doppio colpo di fulmine per Ancelotti jr: per la compagna e per lui. Insomma, è anche merito di Fabian se papà Carlo consentiva a Davide qualche viaggio extra dalle parti di Siviglia. Il modo ideale per unire l'utile al dilettevole

LA CONSACRAZIONE
Poi in estate, quando Ancelotti è sbarcato sul mondo Napoli, si è concretizzata l'idea di prendere Fabian Ruiz e di poterlo allenare. Proprio come suggerito da Davide. L'esperienza in azzurro è cominciata a gonfie vele. «Ambientarmi è stato difficile all'inizio, il calcio è un po' diverso, più diretto e rapido, ma ora mi sto calando a pieno in questa realtà e allora le differenze sono diminuite», ha ammesso ai microfoni di Onda Cero. Protagonista del momento in casa Napoli, Fabián Ruiz è diventato ormai un simbolo anche della nazionale spagnola Under 21, pronto al salto nella selezione maggiore.

LA METAMORFOSI
Intanto Fabian Ruiz si è calato alla grande nella realtà napoletana diventando a tutti gli effetti un cittadino quasi perfetto. «Sto perdendo l'accento andaluso? Si, a Napoli lo sto perdendo piano piano», commenta il calciatore che sui canali social della Uefa è stato ripreso mentre canta il noto coro del Napoli «Sarò con te». E in città si è ambientato alla grande. «L'italiano lo sto imparando, è molto simile allo spagnolo e mi sto impegnando molto. Vivo in una zona tranquilla vicino al mare e al centro città. Sono stato due volte a Capri con la mia famiglia, è bellissima. Vivere da solo non è un problema, vengono sempre a trovarmi i miei fratelli, mia madre o il mio agente, quindi non sono mai solo. Guidare? A qualcuno può spaventare, ma basta abituarsi». E pare che si sia abituato davvero alla grande, anzi alla grandissima.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Karnezis presenta il ritiro del Napoli in Trentino
Video

Karnezis presenta il ritiro del Napoli in Trentino

  • Nazionale, Barella: «Bello e facile giocare con Jorginho e Verratti»

    Nazionale, Barella: «Bello e facile...

  • Futsal, il super derby Napoli-Eboli

    Futsal, il super derby Napoli-Eboli

  • Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni

    Italdonne, storico secondo posto nel Sei...

  • Nazionale, Mancini: «Ora le gare contano, cerchiamo risultati importanti»

    Nazionale, Mancini: «Ora le gare...

  • Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con Kessie ci siamo chiariti»

    Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con...

  • Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo all’asilo, se avessi visto mi sarei buttato nella mischia»

    Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo...

  • Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

    Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT