ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Il Napoli si è bloccato: un gol in tre
partite, al Marakana manca il jolly

Il Napoli si è bloccato: un gol in tre
partite, al Marakana manca il jolly

Un solo gol nelle ultime tre gare, dato troppo evidente per non creare un campanello d’allarme in casa azzurra. Il Napoli non segna più o, almeno, non segna facilmente. Il record negativo degli ultimi 270 minuti in campo ha saputo spezzarlo solo Lorenzo Insigne e con una giocata che si aggrappava più alla disperazione e alla qualità del singolo che ad un disegno tattico vero e proprio. Dopo la grande abbuffata tra Lazio e Milan, con cinque gol nelle prime due uscite ufficiali, sembra essersi spenta la luce: troppi errori negli ultimi metri, troppe imprecisioni davanti alla porta ed un tabellino che riporta per la seconda volta quest’anno «zero» alla voce gol segnati.

«Prima si parlava di troppi gol subiti, ora di pochi gol segnati. Stiamo cercando equilibrio in attacco, chi ha giocato il Mondiale è ancora un po’ in ritardo fisicamente, ma le difficoltà di stasera erano dovute ai pochi spazi disponibili». Ancelotti non ci sta a fare drammi e ha ragione. Al 19 settembre è difficile pensare minimamente ad un primo bilancio, ma i dati delle partite giocate vanno analizzati, approfonditi. E così, se la disastrosa prova di Genova contro la Sampdoria aveva portato in dote qualche incertezza di troppo vista con la Fiorentina, quella con i viola al San Paolo aveva già evidenziato nette difficoltà per Milik e compagni davanti alla porta avversaria. A mancare non sono le occasioni, ma il pizzico di lucidità in più nell’ultima giocata, quello che fa la differenza tra una squadra normale ed una vincente. 

Anche a Belgrado si è visto un Napoli camaleontico: 4-4-2 nelle rare transizioni difensive, più slanciato 4-2-3-1 quando c’era da attaccare. Insigne ha fatto il fantasista con compiti d’invenzione, Fabián ha mostrato buone doti di palleggio e gestione, Zielinski e Callejon hanno fatto da spine nel fianco dei serbi. Eppure nessuno è riuscito a superare la coltre di fumo avversaria, una difesa di certo ordinata ma che non è parsa poi insuperabile. Ancelotti ha chiesto ai suoi di avere più di una sola anima, ma la troppa libertà concessa a questo Napoli al Marakana si è trasformata in un’arma a doppio taglio che alla fine ha fatto male solo agli azzurri. E nemmeno l’alternanza è servita: Carletto ha giocato tutte le carte a disposizione - eccetto Verdi, spedito in tribuna - senza trovare il jolly.

Come con la Fiorentina, così con la Stella Rossa. Il report ufficiale parla di un Napoli in pieno controllo al Marakana, con possesso palla schiacciante e 12 tiri verso il portiere di casa. Ma non è bastato. La manovra azzurra si è spenta negli ultimi metri, quando serviva il tocco giusto, la giocata del campione. La traversa ha negato ad Insigne la seconda gioia consecutiva tra campionato e Champions League, sulla linea si è invece fermato il tiro di José Callejon nella ripresa. Mertens e Milik ci hanno provato, ma Borjan si è aggrappato ad ogni soluzione per tenere immacolata la porta. Due punti persi quelli di Belgrado, punti che saranno pesantissimi nell’economia del Girone C, ma a preoccupare più della classifica Champions c’è una squadra che in avanti comincia a non avere più quelle certezze che l’avevano resa famosa.

Un dato, quello dei gol segnati, di certo in contrasto con quanto visto negli ultimi anni: sia con Benitez che con Sarri, infatti, la produzione offensiva era stata tra le migliori d’Europa prima grazie ai numeri di Gonzalo Higuain, poi a quelli di un tridente da paura nonostante il doppio infortunio di Milik. Da registrare, però, anche la seconda gara di fila senza subire alcun gol, dato certamente importante per Ancelotti e soprattutto per David Ospina, entrato nell’occhio del ciclone dopo il tris subito a Marassi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Cagliari-Napoli 0-1, il commento di Roberto Ventre
Video

Cagliari-Napoli 0-1, il commento di Roberto Ventre

  • Napoli, folla e ressa di turisti al centro storico

    Napoli, folla e ressa di turisti al centro...

  • Cagliari-Napoli, il pronostico dei tifosi

    Cagliari-Napoli, il pronostico dei tifosi

  • Cagliari-Napoli, la vigilia di Roberto Ventre

    Cagliari-Napoli, la vigilia di Roberto Ventre

  • Il Napoli ritrova il sorriso: azzurri a cena con parrucche alla Malcuit

    Il Napoli ritrova il sorriso: azzurri a cena...

  • Napoli fuori dalla Champions, le battute di Made in Sud

    Napoli fuori dalla Champions, le battute di...

  • L'appello della campionessa di boxe ​senza la cittadinanza italiana

    L'appello della campionessa di boxe...

  • L'amico è non vedente, lui gli racconta il gol di Salah al Napoli ed esultano insieme

    L'amico è non vedente, lui gli...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
giovauriem
2018-09-20 09:10:23
io credo che questo è l'anno buono che ci liberiamo del guappo non napoletano!
cannavarounfenomeno
2018-09-19 19:51:28
Ma la voglia di vincerla comunque, dov'è? Dove? In avanti le solite leziosità dei soliti leziosi, fatte NON per vincere, ma per stupire il mondo! Ci riuscissero, almeno. Ma la vedete la juve? Sempre col coltello tra i denti! Ma fateci il favore: andate a fare i buffoni altrove, perdenti di successo!
alfio2
2018-09-19 19:51:02
Beh togliere Mertens che negli utlimi campionati ha segnato più gol di tutti e mettere fisso Milik, questi sono i risultati. La verità è che l'altro giocava per fare gol e in un modo o nell'altro ci riusciva. Per questo motivo i limiti realizzativi di altr giocatori passavano in secondo piano. Ancelotti è diverso. Giustamente gioca per vincere e quindi fase difensiva perfetta, ma purtroppo per vincere occorre buttarla dentro anche se si presenta una sola occasione. Se dopo tutte le occasioni avute non la butti dentro, allora il Napoli non ha giocatori per Ancelotti.
FedericoII
2018-09-19 18:10:08
L'analisi e' semplice semplice: al Napoli mancano i giocatori per vincere il campionato, in base a quale ragionamento si pensava di poter fare bene in Champions? La squadra si e' indebolita rispetto agli anni scorsi, quando in Champions si sono fatte solo comparsate. Sono anni che si punta alla champions solo per fare cassa, non certo per fare bene!
felipe
2018-09-19 15:23:20
I gol sono conseguenza del gioco! La realtà è che, al netto del modello tattico utilizzato, ai giocatori del Napoli manca l'elemento fondante per creare i presupposti della vittoria, specie in campo europeo: la vis pugnandi! Ossia la determinazione, il fuoco vivo dentro, l'arrembaggio alla porta avversaria. Nelle squadre che vincono l'impeto agonistico fa parte del normale bagaglio personale, come il dentifricio....

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT