ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Il nuovo Maksimovic: «Perso tempo
con Sarri. Con Ancelotti sarà diverso»

Maksimovic attacca: perso tempo
con Sarri, con Ancelotti sarà diverso

Sei mesi di prestito a Mosca, un Mondiale mancato e tanta voglia di riscatto. Il nuovo Napoli di Ancelotti potrebbe essere la strada giusta per Nikola Maksimovic, il difensore serbo che ha ritrovato l’azzurro.  «I primi giorni del ritiro sono sempre duri. Stiamo lavorando tanto ma quest’anno lavoriamo più con la palla con il nuovo allenatore», le parole del serbo stremato dal grande impegno in campo. «Ancelotti ha un gioco diverso, stiamo provando a capire cosa ci chiederà il prossimo anno. Tutti conosciamo le squadre allenate da lui in passato, noi cerchiamo di rincorrere lo scudetto e potrebbe essere l’uomo giusto. È venuto qui con l’entusiasmo e la mentalità giusta, dobbiamo migliorare piccoli dettagli e possiamo farlo con lui».

Per Maksimovic l’occasione giusta di riconquistare i tifosi azzurri. «Giocare per questa squadra, con questi tifosi, mi fa dimenticare il passato. Riparto da zero come se fossi arrivato oggi a Napoli. Non mi sono trovato in questo gruppo dall’inizio e non potevo perdere tempo in panchina, per questo sono andato a Mosca. Sarri cambiava poco, usava quasi sempre gli stessi calciatori e questo non piaceva a molti. Sono andato via per giocarmi il Mondiale, ma non ci sono riuscito», ha continuato. «Ora siamo qui e ci siamo messi tutti a disposizione di Ancelotti. In difesa siamo cinque centrali e tutti bravi, ognuno proverà a prendersi il posto che gli spetta convincendo l’allenatore. Albiol è l’uomo con più esperienza, è quello che ci aiuta tutti. Poi c’è Kalidou che è forse il migliore in Serie A. Io fisicamente i sento benissimo, mi sono allenato anche prima di venire qui e non ho alcun problema». 

«Il Napoli ha investito su di me una cifra importante, ma noi siamo professionisti e non pensiamo alle cifre del mercato. È il campo che decide quanto valiamo, non sento alcuna pressione per quello», ha confessato il difensore ai microfoni di Tv Luna. «Fino ad oggi non ho avuto una chance per giustificare l’investimento del club, ma non ci penso ora. Voglio solo giocare e fare bene per questa maglia. I tifosi mi vogliono bene, in questa città c’è un tale amore e fa piacere. L’obiettivo nostro è sempre lo stesso, vincere il campionato. Ci proveremo anche quest’anno, tutta la città lo aspetta. Ci siamo avvicinati alla vetta in questi mesi, proveremo a fare ancora di più per raggiungere il nostro traguardo. Chi marca Ronaldo? Si marca come tutti gli altri calciatori. È il numero uno, ma quando si va in campo si è tutti uguali e si dà il massimo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Ferlaino, 50 anni di Napoli: «Così sfidai i grandi club»
Video

Ferlaino, 50 anni di Napoli: «Così sfidai i grandi club»

  • Koulibaly, finisce la discussione sul ricorso

    Koulibaly, finisce la discussione sul ricorso

  • Napoli, Koulibaly in corte Figc per il ricorso

    Napoli, Koulibaly in corte Figc per il...

  • L'allenamento di Balotelli

    L'allenamento di Balotelli

  • Cinquant'anni fa Ferlaino, il ricordo dei napoletani

    Cinquant'anni fa Ferlaino, il ricordo...

  • Bellezza e sport: la Napoli City Half Marathon

    Bellezza e sport: la Napoli City Half...

  • Il No Excuses tour del campione di esports senza braccia e gambe

    Il No Excuses tour del campione di esports...

  • Napoli, Ancelotti all'Università Vanvitelli

    Napoli, Ancelotti all'Università...

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT