ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Insigne, al via l'asta di Raiola:
Milan e Atletico Madrid in pole

Insigne, al via l'asta di Raiola:
Milan e Atletico Madrid in pole

Si allungano sempre più ombre sul futuro di Insigne. L'ipotesi dell'addio a giugno a questo punto potrebbe realmente prendere corpo di fronte a un'offerta importante per il club azzurro (base minima di 70-80 milioni), oltre che ovviamente per il talento di Frattamaggiore che è legato con un contratto al Napoli fino al 2022 e guadagna 4.5 milioni l'anno più bonus. Tutto da decifrare, quindi, lo scenario che potrà prospettarsi a breve per il capitano azzurro che vive un momento decisamente delicato: dopo i fischi del San Paolo al momento del cambio con Younes contro l'Arsenal, un'altra serata amara per lui contro l'Atalanta quando è rimasto tutta la partita in panchina e Ancelotti non lo ha schierato neanche nell'assalto finale preferendo puntare su Verdi e Younes.

LO SCENARIO
Potrebbe decidere di muoversi il Milan ma solo in caso di qualificazione in Champions, tenendo presente quelle che entrerebbe nelle casse: un'offerta quella del club rossonero che potrebbe partire da una base economica più una contropartita tecnica (Suso?). Il manager Raiola sta alla finestra e attende eventuali sviluppi pronto a mettersi in contatto con il ds Giuntoli e il presidente De Laurentiis in caso di novità, i rapporti in tal senso sono sereni. Un top club che potrebbe muoversi è il Psg che ha apprezzato le due partite di Champions giocate da Lorenzo, soprattutto quella al Parco dei Principi: Verratti, suo compagno di squadra a Pescara, e Cavani, a Napoli, lo conoscono bene e sarebbero lieti di poter giocare con lui. In Premier potrebbe effettuare la mossa il Manchester United che in estate opererà sul mercato per rinforzarsi in vista della prossima stagione. In Spagna invece il club che tiene sott'occhio da tempo l'attaccante azzurro è l'Atletico Madrid. In Germania un possibile approdo potrebbe essere invece il Bayern Monaco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Roma, Ranieri: «Mi auguro che ci sia l'atmosfera che De Rossi merita»
Video

Roma, Ranieri: «Mi auguro che ci sia l'atmosfera che De Rossi merita»

  • Napoli, messaggi d'auguri a De Laurentiis: «Ma adesso investiamo»

    Napoli, messaggi d'auguri a De...

  • «It's Sarri ball», una canzone dance per Maurizio Sarri

    «It's Sarri ball», una...

  • Universiadi, gli ambasciatori dello sport napoletano pronti per luglio

    Universiadi, gli ambasciatori dello sport...

  • Mondiale calcio 2022 sarà ancora a 32 squadre

    Mondiale calcio 2022 sarà ancora a 32...

  • «Triste perché De Rossi se ne è andato», il tema del bimbo diventa virale

    «Triste perché De Rossi se ne...

  • Europei U21, Di Biagio: «Abbiamo l'obbligo di provare a vincere»

    Europei U21, Di Biagio: «Abbiamo...

  • Premio Gentleman, Barzagli: «Il saluto dello Stadium? Un'emozione incredibile»

    Premio Gentleman, Barzagli: «Il saluto...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
felipe
2019-04-25 12:50:10
Il Mattino sforna articoli su articoli su questo giocatore, e NON se ne comprende il motivo. Non ho nulla contro Insigne ma onestamente non credo sia Maradona! E non è neppure Mertens! E' il "pompaggio" della stampa, più che le loro discutibili imprese, a rendere popolari certi personaggi. E' vero, viene considerato ( e non da tutti!) un talento in Italia perchè Paese calcisticamente decaduto, ma all'estero sfigurerebbe di sicuro. Atletico Madrid? Non credo che Simeone sia così sprovveduto: Lui ama il gioco maschio e veloce, e il nostro piccolo eroe nostrano è privo di entrambi i requisiti.
Mentore50
2019-04-24 14:20:22
Parafrasando il titolo di un fim di Troisi, "credevo che fosse Maradona, invece è...Insigne". Se vuole, lo aiuto a fare la valigia.
Rioaustralia
2019-04-24 12:14:31
Un buon giocatore niente di più e niente di meno.
PACIOBLOG
2019-04-24 12:07:21
Ottima plusvalenza per il club, per un giocatore che non ha margini di miglioramento e che ha dimostrato anche di non avere tenuta mentale, la fascia di capitano è stata male affidata.
luc2008
2019-04-24 10:46:30
un discreto giocatore, ma non ha fatto il successivo steep che ci si aspettava da lui e dal suo ingaggio. Non forte fisicamente quasi monotematico nelle conclusioni, nemmeno tanto veloce. Martens è piú forte. Puó andare via tranquillamente pe 50 milioi

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT