ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Insigne si riprende l'Italia:
un anno dopo c'è luce a San Siro

Insigne si riprende l'Italia:
un anno dopo c'è luce a San Siro

È nella mani giuste, Lorenzo Insigne. Ma sì, chi meglio di Roberto Mancini può spiegargli il peso della maglia della Nazionale? Magari in questi decenni avrà anche trovato una risposta da poter indicare al Magnifico del Napoli. La risposta al motivo per cui il suo genio con la squadra di club sfiorisse una volta approdato con l'Italia. Ecco, due campioni del nostro calcio che poi con la Nazionale diventano degli incompresi, giocatori normali. Sempre a dover dare una spiegazione. Lorenzo e Roberto, trent'anni dopo. Stesso destino, più o meno. Mancini era talento puro, con la Sampdoria faceva faville. Con l'Italia si comportava come se tutto ciò che gli stava attorno, avesse un peso enorme. E così non è mai riusciti a tener testa al suo talento: 34 presenze e 4 gol. Passando per un Europeo (quello dell'88) e un Mondiale (quello del 90). Quattro miseri gol. Gli stessi gol di Lorenzo.

Chissà chi ricorda quanta diffidenza quando il giovane blucerchiato volava dal ct Vicini o dal ct Sacchi. Un accerchiamento. Più o meno la stessa diffidenza che accompagna oggi uno dei rari geni del nostro calcio quando lascia il Napoli e indossa la 10 dell'Italia. Ecco, matrimoni che non decollano. Quello di Roberto con la Nazionale decisamente fallito, da calciatore. Quello di Lorenzo ancora rimediabile: d'altronde il talento di Frattamaggiore ha 27 anni e ancora la grande occasione di arrivare all'Europeo del 2020 e al Mondiale in Qatar nel 2022 cercando di abbattere quell'accerchiamento di diffidenza.

Nessuna ha il suo spessore internazionale. In quest'Italia è l'unico che sa come si fa gol a Wembley, al Bernabeu, al Parc des Princeps: non ha paura di nulla. Ha coraggio da vendere e occorre solo trovargli la sua collocazione migliore in campo. Ma sì. Insigne merita che il ct Mancini costruisca questa Italia proprio attorno a lui e alle sue caratteristiche. E che siano gli altri ad adattarsi: Chiesa, Immobile o chi per loro. Buttiamoci nell'ovvietà: l'Italia non è il Napoli. Qui c'è come un navigatore inserito, gli basta premere l'acceleratore e andare. Chiude gli occhi e sa ogni cosa degli altri. Per questo il ct deve creare un qualcosa di simile a quello che ha creato Ancelotti. Insigne lo merita.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Karnezis presenta il ritiro del Napoli in Trentino
Video

Karnezis presenta il ritiro del Napoli in Trentino

  • Nazionale, Barella: «Bello e facile giocare con Jorginho e Verratti»

    Nazionale, Barella: «Bello e facile...

  • Futsal, il super derby Napoli-Eboli

    Futsal, il super derby Napoli-Eboli

  • Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni

    Italdonne, storico secondo posto nel Sei...

  • Nazionale, Mancini: «Ora le gare contano, cerchiamo risultati importanti»

    Nazionale, Mancini: «Ora le gare...

  • Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con Kessie ci siamo chiariti»

    Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con...

  • Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo all’asilo, se avessi visto mi sarei buttato nella mischia»

    Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo...

  • Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

    Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT