ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, Sarri carica Milik e Zielinski:
furore polacco contro la Juventus

Napoli, Sarri carica Milik e Zielinski:
furore polacco contro la Juventus

Inviato a Castel Volturno

Sarri non è tipo da farsi sconti: ieri mattina si è messo al lavoro e pure nel pomeriggio di riposo post Udinese la sua personale preparazione è entrata nel vivo. C'è già stata una riunione tecnica con lo staff guidato dal suo vice Calzona, poco prima dell'allenamento mattutino degli azzurri. Sarri, in realtà, alla Juventus pensa dal giorno dopo la partita con il Chievo. L'ha studiata grazie a un numero consistente di dvd e alle relazioni che si è fatto preparare: da quest'oggi completerà il trasferimento di tutti i dati alla squadra. Stando ai precedenti, il tecnico programmerà, da qui al match di domenica sera, almeno quattro riunioni prettamente tecniche con Callejon e soci. Come affrontare questa Juventus sarà il tema dominante. Con chi, in realtà, Sarri non deve averlo già deciso. E lo si capisce da qualche frase che ha pronunciato quasi di sfuggita. Ed è questa una piccola novità.

Non è questione di insicurezza ma qualche dubbio lo deve avere anche alla luce del rendimento nelle ultime due gare. Ed è giusto, quindi, parlare delle soluzioni che ha a disposizione. Non è messo in discussione il 4-3-3 che non ha variabili se non a partita in corso, ma vanno prese in considerazioni due incognite che riguardano il ballottaggio di due big. La prima incognita riguarda la punta centrale: giocherà Milik o Mertens? Ecco, il polacco ha messo la freccia nei confronti del belga ed è seriamente candidato a prendersi una maglia da titolare per il match-scudetto. Ora se la gioca più o meno alla pari con Dries il cui rendimento appare nettamente in flessione: la sua disciplina, la sua disponibilità al sacrificio e la sua freschezza contro il talento e l'imprevedibilità del falso nove. Oggi si può dire Mertens 50% e Milik 50%: per Arek è già un successo, ripensando a non molto tempo fa.

All'improvviso, però, Sarri si trova a dover fare i conti con un imprevisto non di poco conto: la flessione di uno degli uomini chiave, di uno dei suoi intoccabili ovvero Marek Hamsik. Sì, il capitano ha colpito per la sua passività nella prova contro l'Udinese ma anche per il suo atteggiamento non brillante contro il Milan. Non ci fossero alternative, il capitano scenderebbe in campo senza dubbio: ma lo Zielinski visto in azione contro l'Udinese, pungente nelle sue incursioni offensive e disciplinato tatticamente, gli consente di poter riflettere. D'altronde, evviva questo tipo di problemi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Matrimonio Pellegrini: il centrocampista giallorosso dice sì alla sua Veronica
Video

Matrimonio Pellegrini: il centrocampista giallorosso dice sì alla sua Veronica

  • Maradona, le verità nascoste: una clip in esclusiva dal racconto di National Geographic

    Maradona, le verità nascoste: una...

  • Sarri o Ancelotti, la palla ai tifosi del Napoli

    Sarri o Ancelotti, la palla ai tifosi del...

  • Milan bocciato, Fassone: «Amareggiati per la decisione dell'Uefa»

    Milan bocciato, Fassone: «Amareggiati...

  • Hamsik via da Napoli, la parola ai tifosi

    Hamsik via da Napoli, la parola ai tifosi

  • Napoli, il matrimonio di Tonelli a Cefalù

    Napoli, il matrimonio di Tonelli a...

  • Sarri-Rivieccio: «Se me ne vado resto»

    Sarri-Rivieccio: «Se me ne vado...

  • La notte del maestro, la pazza diretta di Bobo Vieri negli spogliatoi

    La notte del maestro, la pazza diretta di...

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT